HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Sabatini: "Pallotta chi?” Walter, quello che ogni mese ti versava 150.000 euro sul conto. Milan, trionfo al blackjack. Napoli, con Pavoletti hai fatto 13. Chiesa Jr, Locatelli e Adjapong: buon 2030 a tutti…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.12.2016 11.58 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 49432 volte
© foto di Federico De Luca

C’è chi si abbuffa a Natale e chi, invece, preferisce mangiare tutto l’anno. Walter Sabatini non sappiamo se preferisca abbuffarsi una volta sola o preferisce mangiare, tanto, tutto l’anno. Sta di fatto che mangia, anche tanto e dalla costituzione fisica non si direbbe, e a volte sputa nel piatto in cui mangia. Cosa grave. Non siamo proprio sulla notizia, perché queste frasi risalgono a qualche settimana fa ma tra pagelle di fine anno e argomenti più interessanti da affrontare ci siamo buttati via anche noi. Resta il fatto che, ad un evento, chiesero a Sabatini di rilasciare qualche battuta, lui disse che non aveva piacere a parlare con la stampa e dopo due secondi rilasciò tante dichiarazioni da poter farci un giornale intero. Mamma ciccio mi tocca… Toccami ciccio mamma non c’è. Questo è Walter Sabatini. Uomo da 6 facce, il portafogli quando si è gonfiato troppo gli ha fatto perdere la dimensione di quello che è e si è ritrovato a gestire situazioni più grandi di lui. Un giro di procuratori paragonabile alla giostra di un luna park; dove la giostra può girare anche per ore intere ma fa sempre lo stesso giro. Bene, sta di fatto che il buon Walter ad una domanda su Pallotta, rispose: “Pallotta chi?”. Da questa risposta potrete ottenerne altre mille. L’errore che fa Sabatini è che non capisce che questo suo comportamento sarebbe motivo di riflessione, se avessero un cervello, di altri Presidenti che prima di mettersi in casa un Direttore che sputa nel piatto in cui mangia ci dovrebbero pensare mille volte. Comunque se Sabatini non ricorda chi sia Pallotta potremmo rinfrescargli la memoria. Basterebbe che Walter vada sul conto corrente personale e, ogni mese, c’è una causale e un nome di quello che gli dava di media 150 mila euro al mese. Ci chiediamo: ma Walter quando andava a vedere se gli arrivavano i soldi dalla Roma chiedeva alla Banca “Pallotta chi?”. La verità è che Pallotta è in forte credito con Sabatini. La sua lontananza ha consentito al Direttore di fare il bello e cattivo tempo a Trigoria, gli avrebbe dovuto chiedere i danni della gestione Garcia e gli dovrebbe chiedere spiegazioni su tanti soldi buttati al vento per calciatori scarsi o anonimi che sicuramente non compensano alcune buone intuizioni. Di fatto Sabatini ha lasciato Pallotta con qualche calciatore da rivendere, con qualche plusvalenza poi immediatamente bruciata da acquisti che non hanno portato valore aggiunto alla Roma ma soprattutto dovrebbe chiedere scusa alle signore delle pulizie di Trigoria che, ogni mattina, devono togliere la polvere dalla bacheca della As Roma. Sabatini, però, aspetta il suo prossimo giro sulla giostra ed è convinto che l’operazione Inter vada a buon fine. Con Gardini sta preparando il tavolo, mancano le carte. Ausilio deve solo sperare di chiudere bene l’anno per poter ottenere un rinnovo che tre settimane fa sembrava lontanissimo.
Il Milan di Doha merita solo applausi, il Milan di questi 5 mesi è la grande rivelazione del campionato. Complimenti a Montella che ha costruito il gruppo e complimenti a Galliani che ha scelto Montella. Complimenti anche a Berlusconi che, quest’anno, ha lasciato lavorare i suoi collaboratori. La Supercoppa al Milan ha mille valori ed è, soprattutto, meritata. Lo spirito di squadra che, improvvisamente, la Juve ha perso. La voglia di vincere al contrario della voglia di vacanze della Juventus. La fortuna dagli 11 metri che aiuta gli audaci e un giusto premio a coronare un trentennio straordinario. Il Milan ha vinto a blackJack. Che può avere anche un altro valore. Parlando di mercato, il blackJack è anche il contratto di Jack Bonaventura. Black come il buio che avvolge il mistero. Bonaventura è un ottimo giocatore per questo Milan, senza dubbio, ma in un altro Milan avrebbe fatto al massimo 15 minuti a partita. Bonaventura ha dimostrato di non saper gestire le grandi situazioni e, alla fine, chi ci ha perso è solo lui. Ha cambiato agente, passando da Martorelli a Raiola, ha aspettato un anno e di fatto perso circa 1 milione di euro e adesso che firmerà il rinnovo di contratto non avrà guadagnato nulla di più di quanto già era stato pattuito tra il vecchio agente e Galliani. Con Raiola ha creato solo confusione e soprattutto per un rinnovo scontato di contratto non c’era bisogno di Raiola. Capivamo se sognava un trasferimento al Real o al Bayern, ma per restare al Milan poteva anche andare da solo a firmare l’adeguamento. Il problema comune dei calciatori è che non ragionano con la propria testa e non sanno prendere una decisione in piena autonomia. Sta di fatto che gli agenti vivono sulle spalle dei giocatori che spesso sono ignari di mille procedure tra procuratori e società. Quest’ultimo pensiero non ha nulla a che vedere con Bonaventura ma è un discorso prettamente generico.
Il Napoli ha chiuso, in netto anticipo, l’operazione Pavoletti e si è portata a casa un ottimo attaccante. Un affare per tutti: per il Genoa, innanzitutto, che porta a casa 18 milioni di euro in una stagione che ha ancora poco da chiedere al Grifone, per il calciatore che compie il definitivo salto di qualità e per il Napoli che può far esplodere definitivamente un ragazzo ancora con ampi margini di crescita che, grazie a Sarri, potrà fare come o meglio di Belotti. Unico dubbio: il minutaggio che varrà a disposizione da quando rientrerà Milik. Così come il pensiero di tutti è come farà Sarri a togliere Mertens da punta centrale ora che inizia a ragionare e segnare da punta centrale? Problemi del Mister che avrà abbondanza di scelte in attacco e una batteria di esterni e punte centrali che, in pochi, si possono permettere.
Il 2016 è stato l’anno delle piacevoli scoperte. Tanti giovani alla ribalta che si possono garantire i prossimi 10 anni da protagonisti. Donnarumma il nome forte, Locatelli la scoperta di questo inverno ma Adjapong del Sassuolo e Chiesa della Fiorentina hanno ancora ampi margini di crescita. Chiesa, in Primavera, faceva notizia perché è il figlio del più conosciuto Enrico ma Federico ha i colpi e la testa per diventare un assoluto top player. Gli altri sono più conosciuti perché giocano nel Milan ma di un ragazzo così forte che c’è nella Fiorentina, alla ribalta nazionale, sale solo per il cognome che porta: errore gravissimo. Su Federico Chiesa, la Fiorentina ha fatto un gran lavoro nel settore giovanile e Sousa ha avuto la bravura di saperlo gestire e di puntare su di lui al momento più opportuno. In un calcio fatto di auto di lusso, belle donne e spese folli la storia di Chiesa potrebbe davvero far tornare ad innamorare la gente al calcio. Un bambino che agli allenamenti andava in motorino, poi a 18 anni è passato alla macchina e ha aspettato il suo momento quando si è ritrovato a fare l’esordio in serie A alla prima giornata a Torino contro i Campioni d’Italia. Un baby talento che vive in famiglia e che non ha un procuratore. La sua grande forza sono i piedi ma soprattutto la testa. Perché un ragazzo che gioca in prima squadra poi quando torna in Primavera gioca ma sembra fare un piacere al suo allenatore. Chiesa no. Ha giocato e si allena con la Prima squadra ma quando viene chiamato dalla Primavera segna ed esulta come se avesse segnato allo Juventus Stadium, invece si trattava solo di Vinovo e di una gara di Coppa Italia Primavera. Chiesa è giocatore nella testa, per questo potrà arrivare. Ma soprattutto ha l’esempio in casa che ricorda sempre al figlio che si potrà definire “giocatore” solo quando avrà 300 partite in serie A nelle gambe. Da quel traguardo siamo ancora lontani, per questo la Chiesa al centro del Villaggio possiamo anche metterla ma per montarsi la testa non c’è tempo. Mancano ancora circa 290 partite. Adjapong è un ragazzino, 1998, sul quale abbiamo scommesso all’improvviso una domenica mattina. I calciatori sono come le donne: ti devi innamorare al primo colpo. Ci sono dirigenti e talent scout che i calciatori li guardano mille volte, si fanno pipe mentali e poi li perdono. Non ha il passo, è lento, è veloce, tira forte o cammina storto. Queste persone, della nuova generazione, ammazzano il calcio. Un vero intenditore, come i Favini di una volta, in mezza partita capivano il giocatore. Noi quella domenica mattina, Sassuolo-Juventus Primavera su Sportitalia, ci siamo innamorati di Adjapong: da solo ribaltò la Juventus. Giovedì scorso ha segnato il suo primo gol in A. Non sappiamo se ha la testa da giocatore come Chiesa quindi non possiamo sapere se arriverà a fare una grande carriera ma se avrà una cultura calcistica questo ragazzo davvero potrà sognare in grande.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.