HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

San Lorenzo, dalla retrocessione al tetto del Sudamerica. Correa il simbolo della rinascita

15.08.2014 00.00 di Stefano Borghi   articolo letto 35935 volte
© foto di Stefano Borghi

La Mano de Dios nel calcio argentino ha un'applicazione concreta e comprovata. Ora sappiamo che è anche ripetuta, perchè dalla notte del 13 Agosto non è più solo un'esclusiva di Maradona, ma anche il motivo della svolta, l'ennesima, nella storia ultracentenaria del San Lorenzo de Almagro. Una storia che in Argentina è molto conosciuta e rispettata, quella di un club passato attraverso un secolo di imprese e disastri, di tantissimi fatti ai limiti del romanzesco. Una storia che ha conquistato i cuori di milioni in tutto il Mondo, persino quello di un Papa che non solo ha portato il nome del San Lorenzo su bocche molto poco abituate a masticare di calcio argentino, ma la cui ascesa è anche coincisa con il picco più alto nell'epopea del "Ciclón". Per farla breve, il San Lorenzo due anni fa era a mezz'ora dalla retrocessione e oggi è sul tetto del Sudamerica. Con un mix fatto di sforzi, convinzione, visioni illuminate e immancabile fortuna, la "squadra del Papa" ha saputo rialzarsi in tempi miracolosi e da quando Jorge Bergoglio è diventato Papa Francesco ha preso a vincere senza soluzione di continuità: in otto mesi, da Dicembre ad Agosto, non solo il San Lorenzo è tornato a vincere il campionato dopo sei anni di attesa ma è riuscito anche a conquistare quella che era diventata una vera e propria ossessione ovvero la Copa Libertadores, la Champions League del Sudamerica. Superando gli aspetti mistici, a livello tecnico la chiave dei nuovi successi (ma anche di quelli vecchi) di questo club c'è il lancio di talenti, fatti in casa o pescati in giro per il Paese. Il simbolo della rinascita è stato l'attaccante classe '95 Ángel Correa, anche lui toccato dalla "mano divina" visto che ad impartirgli la Cresima fu proprio l'allora Arcivescovo di Buenos Aires Bergoglio e che il suo debutto è avvenuto appena dopo l'inizio del papato di Francesco. Una storia, la sua, che per il momento non ha ancora il lieto fine, visto che dopo essere stato acquistato dall'Atlético Madrid ha dovuto fermarsi a causa di un problema cardiaco che sta mettendo in pericolo la continuità della sua carriera. Storie invece ancora da scrivere sono quelle di chi, parlando in termini di mercato, si è segnalato maggiormente negli ultimi tempi: sono tutti esterni e sono tutti molto interessanti. Partendo dai terzini, che per i canoni sudamericani sono considerati laterali di difesa ma che in ottica europea, e italiana in particolare, sembrano poter essere opzioni piuttosto calzanti per la nouvelle vague del 3-5-2, visto che entrambi hanno come peculiarità primaria le ottime capacità in fase offensiva. Si chiamano Emmanuel Mas e Julio Buffarini, sono piuttosto diversi fra loro e per questo adatti a target differenti: il primo ha venticinque anni ed è un laterale sinistro che sembra viaggiare su di un binario, che sa dare sostanza difensiva grazie ad un fisico decisamente robusto ma anche eleganza e continuità in termini di spinta. Buffarini invece è un profilo molto più working class, ha iniziato la carriera come magazziniere, è arrivato al San Lorenzo facendosi notare più che altro per un'acconciatura folle ed ora, a ventisei anni, è un vero e proprio idolo della gente per lo spirito indomito con cui contrasta, corre, spinge, tira e mena su ogni ciuffo d'erba della fascia destra. Ma se parliamo di talento, il gioiellino principale della squadra attuale è il "Tito" Villalba, vent'anni di esuberanza tecnica che si esprimono in un'ala destra che non ha più solo un piede devastante, ma anche una continuità atletica che lo inquadra come sempre più adatto al calcio del Vecchio Continente. Un continente che è costantemente molto attirato dai profili più giovani, e allora navigando nello sconfinato oceano del calcio giovanile sudamericano troviamo prospetti ancora verdi ma di sicuro avvenire: in Argentina c'è da scommettere sull'esplosione di Sebastián Driussi, attaccante classe '96 del River che ha appena mosso i primi passi nel calcio dei grandi ma che ricorda - anche a chi i paragoni tende a detestarli - Francesco Totti, e in tema di centravanti rampanti riverplatensi occhio anche al figlio d'arte Giovanni Simeone, diciannovenne che dal padre Diego ha ereditato la convinzione nei propri mezzi, supportata oltretutto da piedi piuttosto fini. In Brasile è più difficile fare affari, perchè i prezzi sono molto più alti e perchè anche giocatori estremamente giovani (su tutti "Gabigol" del Santos) vengono lanciati presto con la conseguenza di una valutazione che lievita repentinamente, però si possono provare operazioni riguardanti elementi dall'età solo leggermente più alta ma per questo forse ancora più pronti per realtà di media fascia della serie A. In questo senso stanno catturando l'occhio Petros del Corinthians, mezzala sinistra classe '89 dalla combattività impressionante, Marquinhos del Cruzeiro, venticinquenne attaccante esterno dalla forma affusolata e dai piedi assai taglienti, e sempre fra i blu di Belo Horizonte si trova anche il regista Lucas Silva, che di anni ne ha ventuno e che riesce ad abbinare qualità massima e intensità molto promettente. Ma il Sudamerica non è solo Argentina e Brasile visto che i movimenti considerati minori fino a qualche anno fa ora stanno avvicinandosi al livello dei colossi, con la differenza di avere vetrine molto meno costose: se si cercano affari vero e propri, con annesso anche un grado di rischio superiore, allora conviene guardare al Venezuela, la nazione di tradizione minore nel panorama latinoamericano che però negli ultimi anni ha esponenzialmente aumentato il proprio livello di preparazione e che quest'anno ha "spedito" in Italia due giocatori da osservare come il genoano Rincon e soprattutto il granata Josef Martinez, due delle novità esotiche di una serie A che avrebbe tanto bisogno di un tocco divino, e giustamente lo cerca in Sudamerica.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.