VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

San Lorenzo, dalla retrocessione al tetto del Sudamerica. Correa il simbolo della rinascita

15.08.2014 00.00 di Stefano Borghi   articolo letto 35937 volte
© foto di Stefano Borghi

La Mano de Dios nel calcio argentino ha un'applicazione concreta e comprovata. Ora sappiamo che è anche ripetuta, perchè dalla notte del 13 Agosto non è più solo un'esclusiva di Maradona, ma anche il motivo della svolta, l'ennesima, nella storia ultracentenaria del San Lorenzo de Almagro. Una storia che in Argentina è molto conosciuta e rispettata, quella di un club passato attraverso un secolo di imprese e disastri, di tantissimi fatti ai limiti del romanzesco. Una storia che ha conquistato i cuori di milioni in tutto il Mondo, persino quello di un Papa che non solo ha portato il nome del San Lorenzo su bocche molto poco abituate a masticare di calcio argentino, ma la cui ascesa è anche coincisa con il picco più alto nell'epopea del "Ciclón". Per farla breve, il San Lorenzo due anni fa era a mezz'ora dalla retrocessione e oggi è sul tetto del Sudamerica. Con un mix fatto di sforzi, convinzione, visioni illuminate e immancabile fortuna, la "squadra del Papa" ha saputo rialzarsi in tempi miracolosi e da quando Jorge Bergoglio è diventato Papa Francesco ha preso a vincere senza soluzione di continuità: in otto mesi, da Dicembre ad Agosto, non solo il San Lorenzo è tornato a vincere il campionato dopo sei anni di attesa ma è riuscito anche a conquistare quella che era diventata una vera e propria ossessione ovvero la Copa Libertadores, la Champions League del Sudamerica. Superando gli aspetti mistici, a livello tecnico la chiave dei nuovi successi (ma anche di quelli vecchi) di questo club c'è il lancio di talenti, fatti in casa o pescati in giro per il Paese. Il simbolo della rinascita è stato l'attaccante classe '95 Ángel Correa, anche lui toccato dalla "mano divina" visto che ad impartirgli la Cresima fu proprio l'allora Arcivescovo di Buenos Aires Bergoglio e che il suo debutto è avvenuto appena dopo l'inizio del papato di Francesco. Una storia, la sua, che per il momento non ha ancora il lieto fine, visto che dopo essere stato acquistato dall'Atlético Madrid ha dovuto fermarsi a causa di un problema cardiaco che sta mettendo in pericolo la continuità della sua carriera. Storie invece ancora da scrivere sono quelle di chi, parlando in termini di mercato, si è segnalato maggiormente negli ultimi tempi: sono tutti esterni e sono tutti molto interessanti. Partendo dai terzini, che per i canoni sudamericani sono considerati laterali di difesa ma che in ottica europea, e italiana in particolare, sembrano poter essere opzioni piuttosto calzanti per la nouvelle vague del 3-5-2, visto che entrambi hanno come peculiarità primaria le ottime capacità in fase offensiva. Si chiamano Emmanuel Mas e Julio Buffarini, sono piuttosto diversi fra loro e per questo adatti a target differenti: il primo ha venticinque anni ed è un laterale sinistro che sembra viaggiare su di un binario, che sa dare sostanza difensiva grazie ad un fisico decisamente robusto ma anche eleganza e continuità in termini di spinta. Buffarini invece è un profilo molto più working class, ha iniziato la carriera come magazziniere, è arrivato al San Lorenzo facendosi notare più che altro per un'acconciatura folle ed ora, a ventisei anni, è un vero e proprio idolo della gente per lo spirito indomito con cui contrasta, corre, spinge, tira e mena su ogni ciuffo d'erba della fascia destra. Ma se parliamo di talento, il gioiellino principale della squadra attuale è il "Tito" Villalba, vent'anni di esuberanza tecnica che si esprimono in un'ala destra che non ha più solo un piede devastante, ma anche una continuità atletica che lo inquadra come sempre più adatto al calcio del Vecchio Continente. Un continente che è costantemente molto attirato dai profili più giovani, e allora navigando nello sconfinato oceano del calcio giovanile sudamericano troviamo prospetti ancora verdi ma di sicuro avvenire: in Argentina c'è da scommettere sull'esplosione di Sebastián Driussi, attaccante classe '96 del River che ha appena mosso i primi passi nel calcio dei grandi ma che ricorda - anche a chi i paragoni tende a detestarli - Francesco Totti, e in tema di centravanti rampanti riverplatensi occhio anche al figlio d'arte Giovanni Simeone, diciannovenne che dal padre Diego ha ereditato la convinzione nei propri mezzi, supportata oltretutto da piedi piuttosto fini. In Brasile è più difficile fare affari, perchè i prezzi sono molto più alti e perchè anche giocatori estremamente giovani (su tutti "Gabigol" del Santos) vengono lanciati presto con la conseguenza di una valutazione che lievita repentinamente, però si possono provare operazioni riguardanti elementi dall'età solo leggermente più alta ma per questo forse ancora più pronti per realtà di media fascia della serie A. In questo senso stanno catturando l'occhio Petros del Corinthians, mezzala sinistra classe '89 dalla combattività impressionante, Marquinhos del Cruzeiro, venticinquenne attaccante esterno dalla forma affusolata e dai piedi assai taglienti, e sempre fra i blu di Belo Horizonte si trova anche il regista Lucas Silva, che di anni ne ha ventuno e che riesce ad abbinare qualità massima e intensità molto promettente. Ma il Sudamerica non è solo Argentina e Brasile visto che i movimenti considerati minori fino a qualche anno fa ora stanno avvicinandosi al livello dei colossi, con la differenza di avere vetrine molto meno costose: se si cercano affari vero e propri, con annesso anche un grado di rischio superiore, allora conviene guardare al Venezuela, la nazione di tradizione minore nel panorama latinoamericano che però negli ultimi anni ha esponenzialmente aumentato il proprio livello di preparazione e che quest'anno ha "spedito" in Italia due giocatori da osservare come il genoano Rincon e soprattutto il granata Josef Martinez, due delle novità esotiche di una serie A che avrebbe tanto bisogno di un tocco divino, e giustamente lo cerca in Sudamerica.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.