HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Sarri e Mihajlovic, storie di "straordinaria normalità" per rilanciare le ambizioni di Napoli e Milan in chiave Champions League

14.06.2015 07.45 di Raffaele Auriemma   articolo letto 62402 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si potrebbe fare il verso ad un best seller di Charles Bukovski, l'autore di cui da sempre si nutre Maurizio Sarri. "Storie di straordinaria normalità", come quelle che è tornato a vivere il Napoli dopo il disastroso e altezzoso biennio a guida Benitez. Sembrava che tutti avessero perso la testa nel seguire le teorie illuministiche di un allenatore che voleva costringere Napoli a vivere al di sopra delle sue possibilità, con la spocchia insostenibile anche al cospetto dei tanti insuccessi, diventata poi ragione di scherno verso quel Napoli guidato da chi non vedeva l'ora di andarsene. La fuga di Benitez a distanza di poche ore dalla sconfitta che aveva sancito la dolorosa e dannosa esclusione del Napoli dalla prossima Champions League, aveva schiarito le idee a quanti idealmente si erano legati alla figura di questo allenatore, un hidalgo che voleva assurgere al ruolo di portabandiera di un popolo che solo Diego Maradona aveva sempre saputo difendere, da calciatore e pure dopo. Non era così, quella di Benitez non era affiliazione ad un popolo, bensì strategia per accattivarsi la tifoseria e mettere alla gogna chi ne evidenziava le lacune, ancor più delle poche qualità espresse dal suo Napoli moscio e saccente. Voglia di normalità, di "straordinaria normalità" è ciò che reclama si reclama adesso per tornare a procedere uniti, senza la profonda spaccatura creata dalla precedente gestione. Il collante si chiama Sarri, un uomo mite, studioso di calcio e stratega al punto da aver umiliato il Napoli per due volte nell'ultimo campionato. Umiliato Benitez e stregato De Laurentiis che ha visto in lui la guida per tornare ad una normalità gestionale, senza gente da pregare per indossare la maglia del Napoli ed ai quali corrispondere stipendi d'oro senza che nemmeno ti si dica "grazie" e che poi vada pure a raccontare in giro il gran numero di lacune strutturali presenti all'interno del Napoli. "A Castelvolturno c'è tutto quanto occorre per lavorare bene": finalmente un allenatore che apprezza ciò che gli viene messo a disposizione. Sarri non utilizzerà mai come alibi il mancato arrivo di Mascherano per non aver battuto il Dnipro in semifinale di Europa League e per essere stato superato in semifinale di Coppa Italia, e poi nella finalissima al San Paolo per l'accesso ai preliminari di Champions, dalla Lazio che valeva 10 volte di meno in quanto a patrimonio tecnico. Sarri non chiederà Mascherano ma lo formerà a Castelvolturno, con il suo lavoro 24 ore su 24, senza settimane di vacanza da concedere alla squadra per raggiungere la famiglia chissà dove, e andando a pescare il prodotto buono anche nel settore giovanile. Da dove, nella stagione appena conclusa, non è stato permesso ad alcun giovane di belle speranze di farsi strada in prima squadra. Il "basso profilo" del curriculum di Sarri potrà diventare la leva sulla quale rilanciare il Napoli, questo Napoli ancora composto da diversi calciatori che farebbero grandi i club di mezza Europa. Una squadra che può tornare ad essere protagonista in campionato, il prossimo, che vedrà nuovamente la Juve in pole position, pur se dovesse perdere Pirlo e Tevez in un solo colpo. Il Napoli può tornare ad essere una realtà intrigante, al pari del Milan, tanto da tener testa alla Vecchia Signora, per la presenza in panchina di due allenatori che fanno del sacrificio il loro credo vincente. Sinisa Mihajlovic può risistemare un Milan che ha bisogno di organizzazione, prima ancora che di rinforzi. Quelli, poi, potrebbero prendere le forme di Jackson Martinez, Kondgobia e addirittura Ibrahimovic: in tal caso sarebbe doveroso ricollocare la formazione rossonera nelle posizioni immediatamente a ridosso della prima fila. Sarri e Mihajlovic, il Napoli ed il Milan che De Laurentiis e Berlusconi hanno deciso di restituire al sano realismo di un calcio che necessita di trascinatori più che imbonitori.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.