HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Sarri, un tecnico minimal che usa lo scalpello con i guanti bianchi su di un Napoli che, se chiudesse oggi il mercato, avrebbe il diritto di essere considerato alternativo alla Juventus

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.07.2015 08.18 di Raffaele Auriemma   articolo letto 76423 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il miglior viatico per il Napoli che verrà arriva direttamente dalle parole di chi ha bruscamente bandito il passato. "Con Sarri è tutta un'altra cosa, ora si lavora di più": se questo concetto divisivo e cocente arriva dalla voce di Hamsik, è giusto fare due osservazioni. 1) Sarebbe stato meglio se il capitano avesse espresso il suo disappunto direttamente al tecnico che lo aveva emarginato nell'arco di due stagioni da dimenticare. 2) E' il segnale di un risorgimento che caratterizza l'intero spogliatoio di una squadra che non vede l'ora di dimostrare quanto sia stato ingiusto il quinto posto dell'ultimo campionato. Il coagulo delle nuove intenzioni si chiama Maurizio Sarri, un tecnico apparentemente minimal, eppur capace di proporre un calcio moderno, offensivo e cattivo, col sangue agli occhi e lo scalpello in guanti bianchi. Senza proclami né spocchia, con il parlar chiaro di chi non insegue sempre la frase ad effetto per sembrare più figo degli altri, ma convincente con i fatti ed il duro lavoro quotidiano. Il Napoli aveva solo bisogno di una guida sicura per credere di nuovo nelle proprie capacità e ritrovare la retta via ch'era smarrita. Si può essere punto di riferimento nel Napoli dopo un solo anno da allenatore in serie A? Sarri sta dimostrando che "si può", tanto da spegnere certi malumori collettivi con il suo sorriso genuino e frasi disarmanti come "della pressione me ne infischio". Involontariamente sta coprendo la squadra dal disappunto generale, mai sopito per il fallimento tecnico della scorsa stagione e ben volentieri si è caricato sulle spalle la responsabilità di dover fare bene in una realtà che, ora più che mai, ha bisogno di appassionarsi nuovamente ad una squadra che sappia ricevere applausi anche dopo sconfitte arrivate al termine di partite nelle quali gli avversari realmente dimostrino di essere stati più bravi dei calciatori del Napoli. E' questo il concetto di "sudare la maglia", il riconoscimento di un atleta come proprio perché si esprima in campo come farebbe ognuno dei tifosi del Napoli; che non risparmi nemmeno un grammo delle proprie energie, perché consapevole di essere pari ad ognuno degli altri compagni di squadra. "Considero i 25 giocatori che sono qui, con me i migliori al mondo": è un concetto di sinistra, usato ad arte non per fare politica, ma per evitare che gli si chieda chi vorrebbe a destra al posto di Maggio oppure in difesa in luogo di uno tra Koulibaly e Albiol. Gioca chi più lo merita, a prescindere dal valore del cartellino e dal nome del suo procuratore: è questa la migliore garanzia per la società, per tutti i tesserati e per la gente che rifugge il sentimento obliquo della nobiltà pallonata conquistata con l'impegno e non costruita sul nome del grande club da cui proviene. Il grande calciatore è come l'allenatore bravo: deve dimostrarlo sempre e non solo sfoggiando le medaglie conquistate altrove. Perché il calcio è adesso e nessuno può vantarsi di "essere stato", senza aver dimostrato il proprio valore anche in una squadra che nel ranking europeo abbia un punteggio inferiore al sodalizio dal quale è stato prelevato. La strada giusta potrebbe essere questa, il rifiuto alla prostrazione di fronte a chi pensa di venire per colonizzare e non per mettersi a disposizione di un progetto, di una realtà che ha sempre reso grande (e costoso) chi l'ha trattata con la dignità che merita. Inter e Milan si saranno conquistate le prime pagine dei media per i colpi di mercato che hanno messo a segno, però avranno il duro compito di essere migliorate rispetto ad un Napoli che sta costruendo la squadra con il cesello, tappando i buchi che c'erano grazie all'arrivo di calciatori che si emozionano quando esprimono i loro primi pensieri da nuovi calciatori del Napoli. Negli ultimi due anni è mancato proprio questo, l'entusiasmo e la soggezione che da sempre costituiscono gli integratori naturali per generare energie insospettabili e, probabilmente, non producibili altrove. Se la sessione di mercato finisse oggi, con la permanenza di Higuain e degli altri big, la squadra di Sarri dovrebbe essere collocata con pieno diritto nel ruolo di alternativa alla Juventus e degna di concorrere per un posto in Champions League. Lì dove avrebbe dovuto trovarsi quest'anno, se solo ci fosse stata una guida concentrata sui difetti da correggere e non impegnata a cercarsi un'altra realtà per ritrovare quei riflettori spenti per l'insipienza di chi ha fatto solo finta di capire Napoli ed il suo innato bisogno di essere vincente. Almeno nel calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.