HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Sarri, un tecnico minimal che usa lo scalpello con i guanti bianchi su di un Napoli che, se chiudesse oggi il mercato, avrebbe il diritto di essere considerato alternativo alla Juventus

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.07.2015 08.18 di Raffaele Auriemma   articolo letto 76423 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il miglior viatico per il Napoli che verrà arriva direttamente dalle parole di chi ha bruscamente bandito il passato. "Con Sarri è tutta un'altra cosa, ora si lavora di più": se questo concetto divisivo e cocente arriva dalla voce di Hamsik, è giusto fare due osservazioni. 1) Sarebbe stato meglio se il capitano avesse espresso il suo disappunto direttamente al tecnico che lo aveva emarginato nell'arco di due stagioni da dimenticare. 2) E' il segnale di un risorgimento che caratterizza l'intero spogliatoio di una squadra che non vede l'ora di dimostrare quanto sia stato ingiusto il quinto posto dell'ultimo campionato. Il coagulo delle nuove intenzioni si chiama Maurizio Sarri, un tecnico apparentemente minimal, eppur capace di proporre un calcio moderno, offensivo e cattivo, col sangue agli occhi e lo scalpello in guanti bianchi. Senza proclami né spocchia, con il parlar chiaro di chi non insegue sempre la frase ad effetto per sembrare più figo degli altri, ma convincente con i fatti ed il duro lavoro quotidiano. Il Napoli aveva solo bisogno di una guida sicura per credere di nuovo nelle proprie capacità e ritrovare la retta via ch'era smarrita. Si può essere punto di riferimento nel Napoli dopo un solo anno da allenatore in serie A? Sarri sta dimostrando che "si può", tanto da spegnere certi malumori collettivi con il suo sorriso genuino e frasi disarmanti come "della pressione me ne infischio". Involontariamente sta coprendo la squadra dal disappunto generale, mai sopito per il fallimento tecnico della scorsa stagione e ben volentieri si è caricato sulle spalle la responsabilità di dover fare bene in una realtà che, ora più che mai, ha bisogno di appassionarsi nuovamente ad una squadra che sappia ricevere applausi anche dopo sconfitte arrivate al termine di partite nelle quali gli avversari realmente dimostrino di essere stati più bravi dei calciatori del Napoli. E' questo il concetto di "sudare la maglia", il riconoscimento di un atleta come proprio perché si esprima in campo come farebbe ognuno dei tifosi del Napoli; che non risparmi nemmeno un grammo delle proprie energie, perché consapevole di essere pari ad ognuno degli altri compagni di squadra. "Considero i 25 giocatori che sono qui, con me i migliori al mondo": è un concetto di sinistra, usato ad arte non per fare politica, ma per evitare che gli si chieda chi vorrebbe a destra al posto di Maggio oppure in difesa in luogo di uno tra Koulibaly e Albiol. Gioca chi più lo merita, a prescindere dal valore del cartellino e dal nome del suo procuratore: è questa la migliore garanzia per la società, per tutti i tesserati e per la gente che rifugge il sentimento obliquo della nobiltà pallonata conquistata con l'impegno e non costruita sul nome del grande club da cui proviene. Il grande calciatore è come l'allenatore bravo: deve dimostrarlo sempre e non solo sfoggiando le medaglie conquistate altrove. Perché il calcio è adesso e nessuno può vantarsi di "essere stato", senza aver dimostrato il proprio valore anche in una squadra che nel ranking europeo abbia un punteggio inferiore al sodalizio dal quale è stato prelevato. La strada giusta potrebbe essere questa, il rifiuto alla prostrazione di fronte a chi pensa di venire per colonizzare e non per mettersi a disposizione di un progetto, di una realtà che ha sempre reso grande (e costoso) chi l'ha trattata con la dignità che merita. Inter e Milan si saranno conquistate le prime pagine dei media per i colpi di mercato che hanno messo a segno, però avranno il duro compito di essere migliorate rispetto ad un Napoli che sta costruendo la squadra con il cesello, tappando i buchi che c'erano grazie all'arrivo di calciatori che si emozionano quando esprimono i loro primi pensieri da nuovi calciatori del Napoli. Negli ultimi due anni è mancato proprio questo, l'entusiasmo e la soggezione che da sempre costituiscono gli integratori naturali per generare energie insospettabili e, probabilmente, non producibili altrove. Se la sessione di mercato finisse oggi, con la permanenza di Higuain e degli altri big, la squadra di Sarri dovrebbe essere collocata con pieno diritto nel ruolo di alternativa alla Juventus e degna di concorrere per un posto in Champions League. Lì dove avrebbe dovuto trovarsi quest'anno, se solo ci fosse stata una guida concentrata sui difetti da correggere e non impegnata a cercarsi un'altra realtà per ritrovare quei riflettori spenti per l'insipienza di chi ha fatto solo finta di capire Napoli ed il suo innato bisogno di essere vincente. Almeno nel calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.