HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Sarri, un tecnico minimal che usa lo scalpello con i guanti bianchi su di un Napoli che, se chiudesse oggi il mercato, avrebbe il diritto di essere considerato alternativo alla Juventus

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.07.2015 08.18 di Raffaele Auriemma   articolo letto 76423 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il miglior viatico per il Napoli che verrà arriva direttamente dalle parole di chi ha bruscamente bandito il passato. "Con Sarri è tutta un'altra cosa, ora si lavora di più": se questo concetto divisivo e cocente arriva dalla voce di Hamsik, è giusto fare due osservazioni. 1) Sarebbe stato meglio se il capitano avesse espresso il suo disappunto direttamente al tecnico che lo aveva emarginato nell'arco di due stagioni da dimenticare. 2) E' il segnale di un risorgimento che caratterizza l'intero spogliatoio di una squadra che non vede l'ora di dimostrare quanto sia stato ingiusto il quinto posto dell'ultimo campionato. Il coagulo delle nuove intenzioni si chiama Maurizio Sarri, un tecnico apparentemente minimal, eppur capace di proporre un calcio moderno, offensivo e cattivo, col sangue agli occhi e lo scalpello in guanti bianchi. Senza proclami né spocchia, con il parlar chiaro di chi non insegue sempre la frase ad effetto per sembrare più figo degli altri, ma convincente con i fatti ed il duro lavoro quotidiano. Il Napoli aveva solo bisogno di una guida sicura per credere di nuovo nelle proprie capacità e ritrovare la retta via ch'era smarrita. Si può essere punto di riferimento nel Napoli dopo un solo anno da allenatore in serie A? Sarri sta dimostrando che "si può", tanto da spegnere certi malumori collettivi con il suo sorriso genuino e frasi disarmanti come "della pressione me ne infischio". Involontariamente sta coprendo la squadra dal disappunto generale, mai sopito per il fallimento tecnico della scorsa stagione e ben volentieri si è caricato sulle spalle la responsabilità di dover fare bene in una realtà che, ora più che mai, ha bisogno di appassionarsi nuovamente ad una squadra che sappia ricevere applausi anche dopo sconfitte arrivate al termine di partite nelle quali gli avversari realmente dimostrino di essere stati più bravi dei calciatori del Napoli. E' questo il concetto di "sudare la maglia", il riconoscimento di un atleta come proprio perché si esprima in campo come farebbe ognuno dei tifosi del Napoli; che non risparmi nemmeno un grammo delle proprie energie, perché consapevole di essere pari ad ognuno degli altri compagni di squadra. "Considero i 25 giocatori che sono qui, con me i migliori al mondo": è un concetto di sinistra, usato ad arte non per fare politica, ma per evitare che gli si chieda chi vorrebbe a destra al posto di Maggio oppure in difesa in luogo di uno tra Koulibaly e Albiol. Gioca chi più lo merita, a prescindere dal valore del cartellino e dal nome del suo procuratore: è questa la migliore garanzia per la società, per tutti i tesserati e per la gente che rifugge il sentimento obliquo della nobiltà pallonata conquistata con l'impegno e non costruita sul nome del grande club da cui proviene. Il grande calciatore è come l'allenatore bravo: deve dimostrarlo sempre e non solo sfoggiando le medaglie conquistate altrove. Perché il calcio è adesso e nessuno può vantarsi di "essere stato", senza aver dimostrato il proprio valore anche in una squadra che nel ranking europeo abbia un punteggio inferiore al sodalizio dal quale è stato prelevato. La strada giusta potrebbe essere questa, il rifiuto alla prostrazione di fronte a chi pensa di venire per colonizzare e non per mettersi a disposizione di un progetto, di una realtà che ha sempre reso grande (e costoso) chi l'ha trattata con la dignità che merita. Inter e Milan si saranno conquistate le prime pagine dei media per i colpi di mercato che hanno messo a segno, però avranno il duro compito di essere migliorate rispetto ad un Napoli che sta costruendo la squadra con il cesello, tappando i buchi che c'erano grazie all'arrivo di calciatori che si emozionano quando esprimono i loro primi pensieri da nuovi calciatori del Napoli. Negli ultimi due anni è mancato proprio questo, l'entusiasmo e la soggezione che da sempre costituiscono gli integratori naturali per generare energie insospettabili e, probabilmente, non producibili altrove. Se la sessione di mercato finisse oggi, con la permanenza di Higuain e degli altri big, la squadra di Sarri dovrebbe essere collocata con pieno diritto nel ruolo di alternativa alla Juventus e degna di concorrere per un posto in Champions League. Lì dove avrebbe dovuto trovarsi quest'anno, se solo ci fosse stata una guida concentrata sui difetti da correggere e non impegnata a cercarsi un'altra realtà per ritrovare quei riflettori spenti per l'insipienza di chi ha fatto solo finta di capire Napoli ed il suo innato bisogno di essere vincente. Almeno nel calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.