VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Sarri, un tecnico minimal che usa lo scalpello con i guanti bianchi su di un Napoli che, se chiudesse oggi il mercato, avrebbe il diritto di essere considerato alternativo alla Juventus

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.07.2015 08.18 di Raffaele Auriemma   articolo letto 76425 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il miglior viatico per il Napoli che verrà arriva direttamente dalle parole di chi ha bruscamente bandito il passato. "Con Sarri è tutta un'altra cosa, ora si lavora di più": se questo concetto divisivo e cocente arriva dalla voce di Hamsik, è giusto fare due osservazioni. 1) Sarebbe stato meglio se il capitano avesse espresso il suo disappunto direttamente al tecnico che lo aveva emarginato nell'arco di due stagioni da dimenticare. 2) E' il segnale di un risorgimento che caratterizza l'intero spogliatoio di una squadra che non vede l'ora di dimostrare quanto sia stato ingiusto il quinto posto dell'ultimo campionato. Il coagulo delle nuove intenzioni si chiama Maurizio Sarri, un tecnico apparentemente minimal, eppur capace di proporre un calcio moderno, offensivo e cattivo, col sangue agli occhi e lo scalpello in guanti bianchi. Senza proclami né spocchia, con il parlar chiaro di chi non insegue sempre la frase ad effetto per sembrare più figo degli altri, ma convincente con i fatti ed il duro lavoro quotidiano. Il Napoli aveva solo bisogno di una guida sicura per credere di nuovo nelle proprie capacità e ritrovare la retta via ch'era smarrita. Si può essere punto di riferimento nel Napoli dopo un solo anno da allenatore in serie A? Sarri sta dimostrando che "si può", tanto da spegnere certi malumori collettivi con il suo sorriso genuino e frasi disarmanti come "della pressione me ne infischio". Involontariamente sta coprendo la squadra dal disappunto generale, mai sopito per il fallimento tecnico della scorsa stagione e ben volentieri si è caricato sulle spalle la responsabilità di dover fare bene in una realtà che, ora più che mai, ha bisogno di appassionarsi nuovamente ad una squadra che sappia ricevere applausi anche dopo sconfitte arrivate al termine di partite nelle quali gli avversari realmente dimostrino di essere stati più bravi dei calciatori del Napoli. E' questo il concetto di "sudare la maglia", il riconoscimento di un atleta come proprio perché si esprima in campo come farebbe ognuno dei tifosi del Napoli; che non risparmi nemmeno un grammo delle proprie energie, perché consapevole di essere pari ad ognuno degli altri compagni di squadra. "Considero i 25 giocatori che sono qui, con me i migliori al mondo": è un concetto di sinistra, usato ad arte non per fare politica, ma per evitare che gli si chieda chi vorrebbe a destra al posto di Maggio oppure in difesa in luogo di uno tra Koulibaly e Albiol. Gioca chi più lo merita, a prescindere dal valore del cartellino e dal nome del suo procuratore: è questa la migliore garanzia per la società, per tutti i tesserati e per la gente che rifugge il sentimento obliquo della nobiltà pallonata conquistata con l'impegno e non costruita sul nome del grande club da cui proviene. Il grande calciatore è come l'allenatore bravo: deve dimostrarlo sempre e non solo sfoggiando le medaglie conquistate altrove. Perché il calcio è adesso e nessuno può vantarsi di "essere stato", senza aver dimostrato il proprio valore anche in una squadra che nel ranking europeo abbia un punteggio inferiore al sodalizio dal quale è stato prelevato. La strada giusta potrebbe essere questa, il rifiuto alla prostrazione di fronte a chi pensa di venire per colonizzare e non per mettersi a disposizione di un progetto, di una realtà che ha sempre reso grande (e costoso) chi l'ha trattata con la dignità che merita. Inter e Milan si saranno conquistate le prime pagine dei media per i colpi di mercato che hanno messo a segno, però avranno il duro compito di essere migliorate rispetto ad un Napoli che sta costruendo la squadra con il cesello, tappando i buchi che c'erano grazie all'arrivo di calciatori che si emozionano quando esprimono i loro primi pensieri da nuovi calciatori del Napoli. Negli ultimi due anni è mancato proprio questo, l'entusiasmo e la soggezione che da sempre costituiscono gli integratori naturali per generare energie insospettabili e, probabilmente, non producibili altrove. Se la sessione di mercato finisse oggi, con la permanenza di Higuain e degli altri big, la squadra di Sarri dovrebbe essere collocata con pieno diritto nel ruolo di alternativa alla Juventus e degna di concorrere per un posto in Champions League. Lì dove avrebbe dovuto trovarsi quest'anno, se solo ci fosse stata una guida concentrata sui difetti da correggere e non impegnata a cercarsi un'altra realtà per ritrovare quei riflettori spenti per l'insipienza di chi ha fatto solo finta di capire Napoli ed il suo innato bisogno di essere vincente. Almeno nel calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.