HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Direttore Calcio2000, vanta collaborazione con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni.
23.04.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 24597 volte
Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Il calcio non è una scienza esatta, un assioma da tutti condiviso. Tra le variabili impazzite di questo strano gioco in cui tutti si affannano ad infilare la palla in rete la figura dell'allenatore è tra le più bizzarre e di difficile connotazione. Prima dell'avvento dei cosiddetti mass media, il tecnico era un normalissimo uomo che aveva il compito di scegliere chi mandare in campo. Certo, sto banalizzando ma la realtà non è tanto dissimile. Ultimamente la figurina dell'allenatore, oltre ad irrompere, in maniera fissa, negli album Panini, ha acquisito un potere straordinario. L'allenatore conta tantissimo. I giocatori vanno in campo per eseguire i suoi dettami, lui è il supereroe che telecomanda i suoi fidi scudieri. I vari Mourinho, Guardiola, Ancelotti e Conte, tanto per citarne alcuni dei più osannati, sono ormai figure quasi mitologiche. Condottieri di stampo napoleonico che hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni tipo di sfida, sia in campo che, principalmente, fuori dal campo. Date a loro un gruppo di giocatori e loro ne faranno una squadra che gioca a memoria... Onestamente resto fedele alla mia idea, ovvero che l'allenatore conta il giusto. Le partite le perdono e le vincono i giocatori, gli allenatori, più che urlare e sbraitare, possono fare ben poco durante la partita. Ecco, in settimana hanno un peso notevole ma, quando scatta il cronometro, la loro figura si sminuisce. Detto questo, un allenatore va scelto sempre con la giusta accortezza. Nel giorno dell'addio al povero Moyes (come rovinarsi in pochi mesi una potenziale carriera da top coach), il mio pensiero va all'isolato Seedorf. Il patron Berlusconi ci ha messo un secondo a sceglierlo, nel medesimo tempo lo ha abbandonato al suo destino. Neppure cinque vittorie consecutive lo stanno mettendo al riparo dalla concreta possibilità di un suo addio a fine stagione. Ma perché? Perché, semplicemente, Seedorf non è un allenatore "di stile Milan". Lui, l'olandese che in campo adorava imporre la sua legge, ha trovato, al Diavolo, un ambiente poco incline a chi ha il coraggio di decidere con la propria testa. Da persona d'ingegno e dotata di grande fiuto per gli affari, Seedorf si è tutelato con un accordo per altre due stagioni ma, purtroppo, l'errore l'ha commesso anche lui, e piuttosto grossolano. Poteva cominciare dal basso, iniziare la sua carriera con moderazione e, invece, ha puntato subito al top, credendo di potercela fare, proprio come gli riusciva in calzoncini e maglietta. La fretta l'ha consigliato male e ora si ritrova nel bel mezzo di una tempesta dalla quale farà fatica ad uscire. Dovesse restare, sarebbe costantemente sotto esame. Dovesse andarsene, avrebbe fallito la sua grande occasione. Il silenzio del Milan, o meglio, dei vertici, è assordante. Seedorf era convinto di poter dettare legge ma lui non è Mourinho, Guardiola, Ancelotti o Conte, ovvero quelli che, non si sa come, ma hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni sfida. Lui sa solo vincere in campo e questo, nel calcio d'oggi, non basta...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.