VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Direttore Calcio2000, vanta collaborazione con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni.
23.04.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 24597 volte
Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Il calcio non è una scienza esatta, un assioma da tutti condiviso. Tra le variabili impazzite di questo strano gioco in cui tutti si affannano ad infilare la palla in rete la figura dell'allenatore è tra le più bizzarre e di difficile connotazione. Prima dell'avvento dei cosiddetti mass media, il tecnico era un normalissimo uomo che aveva il compito di scegliere chi mandare in campo. Certo, sto banalizzando ma la realtà non è tanto dissimile. Ultimamente la figurina dell'allenatore, oltre ad irrompere, in maniera fissa, negli album Panini, ha acquisito un potere straordinario. L'allenatore conta tantissimo. I giocatori vanno in campo per eseguire i suoi dettami, lui è il supereroe che telecomanda i suoi fidi scudieri. I vari Mourinho, Guardiola, Ancelotti e Conte, tanto per citarne alcuni dei più osannati, sono ormai figure quasi mitologiche. Condottieri di stampo napoleonico che hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni tipo di sfida, sia in campo che, principalmente, fuori dal campo. Date a loro un gruppo di giocatori e loro ne faranno una squadra che gioca a memoria... Onestamente resto fedele alla mia idea, ovvero che l'allenatore conta il giusto. Le partite le perdono e le vincono i giocatori, gli allenatori, più che urlare e sbraitare, possono fare ben poco durante la partita. Ecco, in settimana hanno un peso notevole ma, quando scatta il cronometro, la loro figura si sminuisce. Detto questo, un allenatore va scelto sempre con la giusta accortezza. Nel giorno dell'addio al povero Moyes (come rovinarsi in pochi mesi una potenziale carriera da top coach), il mio pensiero va all'isolato Seedorf. Il patron Berlusconi ci ha messo un secondo a sceglierlo, nel medesimo tempo lo ha abbandonato al suo destino. Neppure cinque vittorie consecutive lo stanno mettendo al riparo dalla concreta possibilità di un suo addio a fine stagione. Ma perché? Perché, semplicemente, Seedorf non è un allenatore "di stile Milan". Lui, l'olandese che in campo adorava imporre la sua legge, ha trovato, al Diavolo, un ambiente poco incline a chi ha il coraggio di decidere con la propria testa. Da persona d'ingegno e dotata di grande fiuto per gli affari, Seedorf si è tutelato con un accordo per altre due stagioni ma, purtroppo, l'errore l'ha commesso anche lui, e piuttosto grossolano. Poteva cominciare dal basso, iniziare la sua carriera con moderazione e, invece, ha puntato subito al top, credendo di potercela fare, proprio come gli riusciva in calzoncini e maglietta. La fretta l'ha consigliato male e ora si ritrova nel bel mezzo di una tempesta dalla quale farà fatica ad uscire. Dovesse restare, sarebbe costantemente sotto esame. Dovesse andarsene, avrebbe fallito la sua grande occasione. Il silenzio del Milan, o meglio, dei vertici, è assordante. Seedorf era convinto di poter dettare legge ma lui non è Mourinho, Guardiola, Ancelotti o Conte, ovvero quelli che, non si sa come, ma hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni sfida. Lui sa solo vincere in campo e questo, nel calcio d'oggi, non basta...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.