HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Seedorf via perché li voleva cacciare tutti, Inzaghi fa altrettanto. Pesa il caso Kakà, inevitabile l'addio del 22...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
11.06.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 51630 volte
Seedorf via perché li voleva cacciare tutti, Inzaghi fa altrettanto. Pesa il caso Kakà, inevitabile l'addio del 22...

Il Milan è un bel rebus, di quelli che, difficilmente, si risolvono. Nelle ultime settimane, il Diavolo ha, letteralmente, cambiato pelle. Sede nuova, allenatore nuovo, strategie nuove di zecca. Tutto bello ma, a tratti, anche incomprensibile. Ancora oggi, a distanza di giorni, fatico a comprendere la logica dell'addio forzato a Seedorf, soprattutto se legato al modus operandi di Inzaghi. L'olandese aveva impaurito tutto l'ambiente perché desideroso di far piazza pulita, Inzaghi doveva essere il risolutore, una sorta di Wolf in stile Pulp Fiction ed, invece, Super Pippo sta facendo esattamente come avrebbe voluto fare Seedorf, ovvero sta smantellando la squadra a suon di cessioni. La lista è chilometrica. Da Abate a Robinho, passando per De Jong, Muntari, Zapata, Mexes, Constant, Zaccardo e via dicendo... Se questo non è far piazza pulita, qualcuno mi spieghi di cosa si tratta. Eppure, quello che sta architettando Inzaghi va benissimo mentre le idee di Seedorf no... Misteri del calcio... E' meno un mistero il futuro di Kakà. Mi duole il cuore ma il brasiliano ha già dismesso i colori rossoneri. Il suo secondo viaggio al Diavolo è virtualmente concluso, anche se c'è chi, giustamente, si danna l'anima nel tentativo di far passare che il 22 ci stia pensando. Senza voler entrare negli affari privati di Ricardo che sono e dovranno essere solo affar suo, non vedo spazio per un ripensamento e un'altra stagione a Milanello. Troppi i motivi che fanno pendere la bilancia verso l'addio... C'è una stagione senza Europa da affrontare, una mancata convocazione al Mondiale con cui farei conti, le primavere che diventeranno 33 e il dover lottare per prendersi una maglia da titolare, con un Inzaghi che ha già fatto capire di non essere uno amante dei favoritismi. Insomma, meglio lasciar perdere e accontentare tutto e tutti, lasciando sul piatto quattro milioni di euro (netti) che serviranno, magari, a comprare un giovane di belle speranze o, perché no, a riscattare quel Taarabt che potrebbe prendere in mano il prossimo Milan, quello che non vedrà più Ricardo in rosa. Attenzione, nessuno mi può convincere del fatto che il Kakà 2.0 visto in rossonero sia la copia sbiadita di quello che esaltava ad ogni tocco nella sua prima esperienza al Diavolo ma perdere Kakà è sempre un colpo. Dopo aver dovuto salutare Zanetti, non è semplice convivere con un altro addio eccellente, anche se in circostanze completamente diverse (anche se, come ho più volte detto, ho sognato che Javier andasse avanti ancora...). E che ne sarà del nuovo Milan? Beh, Inzaghi avrà pieni poteri, deciderà il destino di ogni giocatore perché, a differenza di quanto accaduto a Seedorf, saranno i suoi giocatori, quelli che ha voluto lui. Anche in questo caso, non doversi confrontare giornalmente con Kakà potrebbe risultare un bel vantaggio per Super Pippo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Icardi giura amore eterno ed ecco la squadra per vincere. Il Milan scommette sul suo futuro, la Roma guarda in giro per le panchine, la Juve e gli attaccanti…  30.03 - Icardi lancia il messaggio d’amore all’Inter. Il problema del rinnovo di contratto di quest’estate sembra lontano anni luce, ora è nerazzurro a vita. E c’è da credergli, perché l’ha detto a tutto il mondo, senza filtri, rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Vuole rimanere all’Inter,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.