HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Segreti e retroscena sull'affare dell'anno. Il poco tatto della Juve e l'inesperienza del Napoli. Palermo, ci risiamo. E Ausilio ha perso il controllo dell'Inter...

Direttore Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.07.2016 14.46 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 108574 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sicuramente scrivere di Higuain quasi 48 ore dopo l'affare dell'anno diventa complicato. Forse è stato già scritto tutto e quello che non è stato scritto qualcuno non vuole leggerlo. Noi proviamo a dare la nostra chiave di lettura, confermando in toto quanto detto qualche sera fa su Sportitalia. La Juventus e il Napoli non hanno mai trattato la cessione dell'attaccante argentino. Il Napoli non ha intenzione di cedere il calciatore ai bianconeri e solo una follia della Juventus potrà portare a Torino Gonzalo. Ripetiamo anche le virgole. Non per forzare il concetto ma per analizzarlo. La premessa è che la Juventus un mercato così, probabilmente, non lo faceva dal post cessione di Zidane e un mercato del genere merita 10. In un mese prendere Pjanic, Dani Alves, Benatia, Pjaca e Higuain significa strappare al pagellone di mezzo mondo un 10 +. Detto che Marotta e Paratici hanno fatto un mercato ricordando i tempi d'oro del calcio italiano, va sottolineato che questi acquisti danno lustro a tutta la serie A e non solo alla Juve; quindi doppio grazie. I tifosi così sognano e si torna allo stadio con ammirazione: perché andare a vedere questi campioni ci riconcilia con il calcio. Ad effetto domino la Juve alzerà il valore anche di Milan, Inter, Napoli e Roma. Un mercato bomba, dunque. Il migliore degli ultimi dieci anni. La gente da noi, però, si aspetta sempre il pensiero seguito da un retropensiero. Starete pensando: si vabbè ora basta miele sgancia qualche bomba, altrimenti non giustifichi le 21 querele (19 vittorie in tribunale, 2 in attesa di giudizio con Sabatini e De Sanctis). La Juventus non ha avuto un comportamento esemplare in questo mercato e, dispiace dirlo, Marotta e Paratici si sono mossi con una convinzione eccessiva che sfiora la presunzione. Proprio perché in Italia sono i più forti e non competono con nessuno, avrebbero dovuto usare maggior tatto sia con la Roma per Pjanic ma soprattutto con il Napoli per Higuain. Poi i calciatori li prendi, comunque, ci mancherebbe, ma fare quello che ha fatto la Juventus è belissimo per un tifoso un po' meno per un addetto ai lavori. Anche se sono la Juventus non posso far effettuare le visite mediche di nascosto a Madrid ad un tesserato di un'altra squadra. Va bene che c'è la clausola che lo libera, ma se Higuain avesse avuto una lombosciatalgia e non avesse superato le visite, cosa avrebbe fatto la Juve? E il Napoli con Higuain? Non vogliamo fare i professori perché i professori veri sono Marotta e Paratici, persone che stimo e calcisticamente considero amiche, ma sapete che per noi la legge è uguale per tutti. La Juventus, anche per eventuale convenienza economica, avrebbe dovuto intavolare una trattativa con il Napoli, avrebbe dovuto manifestare la volontà di acquistare l'argentino e solo davanti al muro contro muro con il Napoli avrebbe dovuto appellarsi alla clausola. Starete pensando: ma cosa vuoi, glielo paga per intero! Certo. Non discutiamo questo, discutiamo la forma e non la sostanza che non sarebbe cambiata: ovvero Higuain a Torino. Tra colleghi, Paratici avrebbe dovuto avvisare Giuntoli e non Giuntoli venire a sapere dalla stampa che un suo calciatore si è già sottoposto alle visite mediche con la Juventus. Altro errore bianconero: dopo tutto il caos dichiara di voler trattare con il Napoli la cessione di Higuain. Per la serie: ti umilio anche! Perché se me lo vendi, i tuoi tifosi ti ammazzano e se non me lo vendi sappi che già l'ho acquistato. Ribadiamo il concetto una volta in più: Marotta e Paratici stanno rendendo grandissima la Juventus e si confermano i migliori dirigenti italiani e tra i migliori cinque al mondo. Paratici è un fenomeno tecnico, Marotta un fenomeno gestionale e amministrativo. Andrea Agnelli ha costruito negli anni una squadra perfetta e i risultati lo dimostrano; proprio perché è una squadra perfetta, avrebbero dovuto fare un passaggio che è sfuggito nella trattativa Higuain. Il Napoli, invece, è stato beffato per troppa inesperienza, premesso che ha fatto un affare economico clamoroso. Oggi, però, diventa difficile prendere il sostituto di Gonzalo perché tutti giocheranno al rialzo, consapevoli che De Laurentiis ha 95 milioni di euro in cassa. Il Napoli deve cambiare strategia e filosofia. E' vero che il Napoli, come dice il patron, era "nella merda" quando arrivò lui, ma è anche vero che De Laurentiis per il mondo era considerato quello dei cinepanettoni prima di fare il Presidente del Napoli. Vendere Higuain a 95 milioni è un capolavoro, ma farsi trovare impreparati alla cessione, dopo che se ne parla da due mesi, è un grave errore di strategia. Se sabato perdi Higuain, lunedì devi avere il sostituto a Dimaro. A chiacchiere siamo bravi tutti, ma è da questi particolari che si giudica un dirigente (ricordando De Gregori). A Torino sono fenomeni. Incasseranno 120 milioni dalla cessione di Pogba, ma i tifosi non avranno nulla da recriminare, perché prima è stato acquistato loro il mondo ed è stata data loro la pillola Higuain, che li farà godere per mesi, più che altro perché vedono i napoletani con il fumo al cervello. Si chiama strategia imprenditoriale. Poi poco importa che vendi Pogba, non hai Marchisio e a centrocampo sei con le pezze...
A Palermo siamo punto e a capo. Zamparini, lo scorso anno, è stato miracolato da Santa Rosalia e ha conservato la serie A, ma ogni anno commette gli stessi errori. Aveva preso un grande dirigente come Rino Foschi e se l'è fatto scappare prima dell'inizio della stagione. Non ha fatto mezzo acquisto e ha 12 collaboratori per fare il mercato. Pardon, per non fare il mercato. Ora ingaggia Daniele Faggiano che più che portare altra confusione non potrà fare. Di Faggiano abbiamo parlato sempre bene e confermiamo le qualità che lo hanno portato a fare miracoli a Trapani ma sinceramente la gestione della sua estate non l'abbiamo proprio capita. Ha detto no al Bari dove avrebbe comandato e guidato una grande piazza, per amore del Trapani. Dopo un mese l'amore per il Trapani passa in secondo piano solo per la differenza di categoria tra Bari e Palermo? Per dirla tutta sarebbe stata più affascinante l'avventura pugliese che quella al Palermo, dove la gabbia di matti ora è completa. Zamparini ha perso il controllo e Faggiano la bussola. Ha accettato Palermo anche per ragioni di vicinanza a Trapani, dove per questioni personali, imprenditoriali e sentimentali ha deciso di legarsi, ma dire sì al Palermo è da folli. Lì lo scorso anno il Direttore ha inciso come il portiere Tonino del mio stabile incide sul piano regolatore della città di Milano. Buon divertimento, Daniele.
Brutte notizie anche dall'Inter. Piero Ausilio rischia, se non lo è già stato, di restare tritato tra Thohir, Mancini e Suning: Fozza Inddà! Mancini fa i capricci, giocatori non ne arrivano e non puoi farti "ricattare" da una Signora che nel calcio c'è da 12 minuti. Ausilio è un ottimo intenditore di calcio ma, in queste situazioni, deve avere la spina dorsale del dirigente top player. Riuscirà a domare la leonessa Wanda? Chi vivrà vedrà...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.