HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Serie A più simile alla Ligue 1 che alla Liga: la Juve stravince pur regalando dieci giornate. Cavani e i bianconeri: Marotta sa che non conviene. Zaza e Gabbiadini, due pesi e due misure

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
24.04.2016 10.53 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 48158 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Un passo avanti, poi due indietro. Come un gambero e senza alcuna progettualità. Nella stagione che doveva sancire il sorpasso nel Ranking UEFA ai danni dell'Inghilterra, l'Italia ha confermato tutte le sue criticità. L'eliminazione agli ottavi delle ultime superstiti nelle competizioni europee (Juventus e Lazio) ha dato la possibilità alle squadre di Premier di creare un nuovo solco profondo riportando a galla dubbi e perplessità sulla Serie A.
In discussione non c'è il grado di difficoltà di una lega che per molti, in parte giustamente, resta la più difficile da affrontare. Lo hanno detto recentemente anche Evra e Khedira, due calciatori che nella loro carriera di squadre e palcoscenici importanti ne hanno visti: le squadre di Serie A restano brutte gatte da pelare, preparate tatticamente e brave a difendere.
In discussione c'è la competitività di un campionato che fatica a regalare emozioni forti e che in Europa non regge il confronto. La Juventus, che nelle prime dieci giornate ha raccolto dodici punti, si avvia a vincere il quinto Scudetto senza troppe difficoltà. Questione di giorni e festeggerà ancora una volta.
Il problema non è di poco conto, anche perché fa pendant con la scarsa competitività in Europa. In Premier League negli ultimi quattro anni hanno vinto tre squadre diverse, così come in Liga. In Italia sempre e solo la Juventus. L'unico club italiano che, realisticamente, può competere ad alti livelli in Europa. Proprio come accade in Francia col PSG.
I motivi per cui Spagna e Inghilterra riescono ad avere questo ricambio al vertice sono diversi, ma in entrambi i casi produce risultati molto più appassionanti e divertenti di quelli che può produrre la Serie A. Nella Liga ci sono tre club inarrivabili che ormai da diverse stagioni si danno battaglia e fanno sistematicamente la differenza anche in Champions League. In Inghilterra, invece, ricavi molto, molto più alti rispetto a quelli di tutte le altre leghe producono tra gli altri due risultati significativi.
1) Cinque club su dieci tra quelli che fatturano di più al mondo giocano in Premier e questo permette una battaglia in vetta molto livellata.
2) La forbice dei fatturati tra i club che lottano per il vertice e quelli che lottano per la salvezza è molto meno ampia rispetto alla Serie A e questo permette, seppur sporadicamente, miracoli come quello del Leicester City.
In Italia, invece, c'è un solo club al comando: la Juventus. Una società pronta a festeggiare il quinto Scudetto consecutivo e che ha creato i presupposti per continuare a comandare solitaria in Serie A.

Edinson Cavani è un giocatore che dà tutto in campo, in ogni fase della partita e in qualsiasi gara. Chiedere ai tifosi del Napoli per credere. In tre stagioni alle falde del Vesuvio, il Matador ha realizzato 104 reti in 138 partite. Meglio, gol alla mano, anche di quanto sta facendo uno stratosferico Gonzalo Higuain. A Parigi la media è un po' calata, ma solo perché dinanzi a sé ha trovato il migliore numero 9 dopo Ronaldo: Zlatan Ibrahimovic. L'attaccante uruguaiano è stato costretto a spostarsi di qualche metro, a ricoprire un ruolo di fascia che non è propriamente il suo e che adesso vorrebbe definitivamente abbandonare cambiando squadra.
A Cavani, però, guai a chiedergli di abbassarsi lo stipendio. In questo caso, chiedere alla dirigenza del Napoli per credere. Ad Aurelio De Laurentiis annunciò la sua volontà di andare via già prima della sua ultima stagione in Italia: era soprattutto una questione di ingaggio perché il club partenopeo non poteva pareggiare (ma nemmeno avvicinare) l'offerta del PSG da 7.5 milioni di euro a stagione fino al 2018. Un'offerta stratosferica, fuori dalla portata di qualsiasi club italiano.
E' questa la chiave di volta per capire quanto sia difficile, quasi impossibile, riportare il Matador in Italia. Da settimane si parla incessantemente di una trattativa con la Juve. Interessamento reale, Marotta è in costante contatto col suo fratello-agente, Fernando Guglielmone. Il giocatore non ha detto no, ma è stato chiaro: non voglio guadagnare un euro in meno. Anzi. Cavani punta a un ingaggio ancora più importante e alla Juventus, in questo momento, il giocatore che guadagna di più è Paul Pogba con 4.5 milioni di euro netti a stagione più bonus. Parliamo grossomodo della metà.
Dettaglio numero due. Il PSG, club in mano al potentissimo sceicco Al-Thani, non ha bisogno di liquidità. Può spendere e spandere rientrando poi nel FFP imposto dall'UEFA grazie a sponsorizzazioni che fanno riferimento sempre alla proprietà. Ecco perché quest'ultima, che nei prossimi giorni incontrerà Cavani e il suo entourage, potrebbe anche dare il via libera alla cessione del giocatore, ma guai a pensare che il Matador possa lasciare Parigi a prezzo di saldo. Servono 35 milioni di euro, forse anche 40 per il cartellino. Altrimenti non se ne fa nulla.
Facile, a questo punto, fare le somme. L'operazione ha costi altissimi, soprattutto perché Cavani, che ha già compiuto 29 anni, tra due-tre stagioni avrà un valore economico molto più basso. Un'operazione fattibile per un club come il Manchester United che 'rischia' di chiudere la stagione con un fatturato superiore ai 600 milioni di euro, un'operazione troppo costosa per la Juve che fattura poco più della metà.

Credo fermamente che Simone Zaza debba partecipare al prossimo Europeo. In una generazione che non ha regalato prime punte all'altezza della nostra gloriosa e vincente storia, il bomber di Policoro spicca. Più forte e completo dei vari Pellé, Okaka o Eder. Antonio Conte, che ha sempre detto di subordinare le convocazioni al posto da titolare nel club, con lui ha giustamente fatto un'eccezione. Zaza farà parte della spedizione europea anche se alla Juventus è la terza scelta di Allegri, alle spalle di Morata e Mandzukic.
In questo momento, in Italia c'è solo un altro attaccante forte e completo come Zaza: Manolo Gabbiadini. Anche lui in questa stagione ha ricoperto un ruolo da comprimario. Difficile trovare spazio se dinanzi a te c'è Gonzalo Higuain, il migliore centravanti per distacco della Serie A. Per l'ex Sampdoria sono stati mesi duri, ma il miglior mancino italiano - grazie alla squalifica del Pipita - nelle ultime tre gare di campionato è tornato a far parlare di sé. Tre reti in altrettante gare. Non spicca in personalità, non lo aiuta il suo low profile che mal si abbina a un calcio che chiede sempre più ai giocatori di accompagnare dichiarazioni a effetto, roboanti, alle giocate in campo. Ma ha una efficacia invidiabile. Ha giocato più di Zaza (976 contro 807 minuti), segnato più di Zaza (nove contro sette reti) e ha una media gol migliore di Zaza (un gol ogni 108' contro un gol ogni 116').
Eppure, per lui Conte non sembra intenzionato a fare eccezioni. L'ultima partita di Gabbiadini con la Nazionale è dello scorso novembre, negli ultimi test amichevoli non è stato preso in considerazione e il ct, stando alle indicazioni che arrivano da Coverciano, l'ha definitivamente escluso dalla lista dei convocati. Perché?
Portarlo in Francia tra meno di due mesi sarà quasi obbligatorio. Col suo sinistro, Gabbiadini può cambiare le sorti di una gara da un momento all'altro e di giocatori così decisivi, in questa Nazionale, ce ne sono davvero pochi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.