HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 35484 volte
Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Il Milan incontrato da Inzaghi a Milanello attorno al 10 Luglio ultimo scorso era informe e indecifrabile, frastornato da se stesso e da quanto la stagione precedente fosse stata estranea alla sua natura. In tutto e per tutto. In ogni dettaglio e ad ogni livello. Ma Inzaghi stesso ha saputo essere inesorabile. Mattone dopo mattone. Prima lo Staff, fondamentale, poi le regole, bentornate. Quindi la partenza di Balotelli e l'ultimo tuffo su Bonaventura. Non ultima quella spina attaccata nei trofei di un giorno. Non sono titoli? Intanto torna ad abituarti a vincere, che le buone abitudini fanno giri strani. Eccoci poi alla pietra decisiva, la squadra. Pippo ci ha girato attorno come uno squalo a pelo dell'acqua. Tutti i tentativi, anche quelli infruttuosi, esaminati fino a notte fonda con attenzione e cattiveria. E dopo le 7 partite date a Torres, eccolo battezzato. Il Milan che dalla Sampdoria in poi fa 9 punti autorevoli in 6 partite durissime. Il Milan del signor Inzaghi non del signor Sì passacarte come qualche infantile suggestione social tentava di dire la scorsa estate. Il Milan della collegialità dentro e fuori dal campo, in società e nello spogliatoio. È questo Inzaghi che stra voleva Cerci in estate e che lo ha ottenuto adesso in premio alla credibilità che lui stesso si è costruito. Le prossime tappe potrebbero essere un esterno difensivo a Gennaio e un centrocampo da ridisegnare a Luglio. Ma intanto Gennaio, mese cruciale per Campionato e Coppa Italia. Senza Honda, Inzaghi aveva subito bisogno di Cerci e tutta la Società è stata compatta e felice, come da tanto tempo non accadeva, di assecondare il proprio allenatore con prontezza e convinzione. Un bravo allenatore ottiene fiducia con il lavoro e l'atteggiamento giusti. Soprattutto da una società esperta e attenta come quella rossonera. Fino ad oggi chi ha creduto in Inzaghi è stato ripagato e credere in Inzaghi è una buona cosa. È il futuro. Come aveva detto Silvio Berlusconi il 6 Giugno 2014 a Casa Milan.
Nel Gennaio 2013 il mal di pancia post Balotelli scatenò la reazione: Kovacic, Kuzmanovic e Schelotto. Due anni dopo, solo Kovacic, con tutto il rispetto per gli altri, sta dando i primi importanti frutti. Lo stesso mal di pancia post Cerci promette, in prestito e non più a cartellino come al tempo di Kovacic, altri tre nuovi arrivi. Vedremo se e vedremo come. Intanto, passata la buriana delle redazioni politicamente corrette che non vedevano l'ora di vedere il Milan scippato e che hanno dovuto a denti stretti, ma che stridore, scrivere o parlare di un'Inter beffata sul fronte maldiviano di Cerci, resta una domanda. Ma perché con una società che c'è, e lo ha dimostrato molto bene con Podolski, come quella nerazzurra, deve spendersi così tanto su certe operazioni l'allenatore, con il rischio, non muovendosi da dirigente, di creare tensioni importanti? Intanto si continua a parlare di mercato con prestiti secchi e prestiti con diritto. Attenzione, tra i prestiti estivi e i prestiti di adesso, tutti non si possono riscattare. Qualcuno si, tutti no.
Gabbiadini non è solo il sostituto di Insigne. È la garanzia che il Napoli torna a sedersi al tavolo del rafforzamento. Gabbiadini significa gol in più, proprio su quei calci piazzati che sarebbero serviti al Napoli nei primi mesi della stagione per trasformare alcuni brutti anatroccoli, i pareggi, nel cocchio di belle vittorie. Gabbiadini è anche un segnale a Rafa Benitez. Il Napoli c'è anche sul mercato e si rinforza per il futuro. A meno che, ma non crediamo, Rafa sia già in quella fase raccontata proprio ieri sul Mattino dal presidente De Laurentiis a proposito di Lavezzi, e cioè dell'addio deciso l'anno prima e consumato l'anno dopo. Se così fosse la splendida Supercoppa di Doha non sarebbe propulsiva ma semplicemente celebrativa.
Juve che succede? Dopo Bonolis che prima dell'arrivo dell'Inter allo Juventus Stadium, inziga i tifosi partenopei stipati a piazza del Plebiscito ricordando proprio la Supercoppa dei rigori nella notte di San Silvestro, bisognava forse dare un segnale forte subito. E il subito di adesso è il mercato. A proposito, se i rigori di Doha fossero andati bene, quella cosina lì Carlitos Tevez l'avrebbe detta? Altra domanda: era proprio inevitabile dirla con le Feste passate a rimirare la Supercoppa all'ombra del Vesuvio? Mah! Resta il fatto che la pur fortissima Juve non va fortissimo sul mercato. Napoli, Milan e Inter sono già scattate dai blocchi di partenza. Mentre Torino tesse e temporeggia. Non ci sono emergenze domani mattina, ma questa Juve così defilata alla voce arrivi all'aeroporto di questa fine e inizio d'anno il suo effetto lo fa. Sia in difesa che sulla tre quarti. E il fatto che i titoli dei giornali delle Feste siano più sulle uscite (quella futuribile di Tevez, quella sempre sul punto di Vidal e quella ormai scontata di Giovinco ) che sulle entrate, fa riflettere gli stessi tifosi bianconeri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.