VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 35496 volte
Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Il Milan incontrato da Inzaghi a Milanello attorno al 10 Luglio ultimo scorso era informe e indecifrabile, frastornato da se stesso e da quanto la stagione precedente fosse stata estranea alla sua natura. In tutto e per tutto. In ogni dettaglio e ad ogni livello. Ma Inzaghi stesso ha saputo essere inesorabile. Mattone dopo mattone. Prima lo Staff, fondamentale, poi le regole, bentornate. Quindi la partenza di Balotelli e l'ultimo tuffo su Bonaventura. Non ultima quella spina attaccata nei trofei di un giorno. Non sono titoli? Intanto torna ad abituarti a vincere, che le buone abitudini fanno giri strani. Eccoci poi alla pietra decisiva, la squadra. Pippo ci ha girato attorno come uno squalo a pelo dell'acqua. Tutti i tentativi, anche quelli infruttuosi, esaminati fino a notte fonda con attenzione e cattiveria. E dopo le 7 partite date a Torres, eccolo battezzato. Il Milan che dalla Sampdoria in poi fa 9 punti autorevoli in 6 partite durissime. Il Milan del signor Inzaghi non del signor Sì passacarte come qualche infantile suggestione social tentava di dire la scorsa estate. Il Milan della collegialità dentro e fuori dal campo, in società e nello spogliatoio. È questo Inzaghi che stra voleva Cerci in estate e che lo ha ottenuto adesso in premio alla credibilità che lui stesso si è costruito. Le prossime tappe potrebbero essere un esterno difensivo a Gennaio e un centrocampo da ridisegnare a Luglio. Ma intanto Gennaio, mese cruciale per Campionato e Coppa Italia. Senza Honda, Inzaghi aveva subito bisogno di Cerci e tutta la Società è stata compatta e felice, come da tanto tempo non accadeva, di assecondare il proprio allenatore con prontezza e convinzione. Un bravo allenatore ottiene fiducia con il lavoro e l'atteggiamento giusti. Soprattutto da una società esperta e attenta come quella rossonera. Fino ad oggi chi ha creduto in Inzaghi è stato ripagato e credere in Inzaghi è una buona cosa. È il futuro. Come aveva detto Silvio Berlusconi il 6 Giugno 2014 a Casa Milan.
Nel Gennaio 2013 il mal di pancia post Balotelli scatenò la reazione: Kovacic, Kuzmanovic e Schelotto. Due anni dopo, solo Kovacic, con tutto il rispetto per gli altri, sta dando i primi importanti frutti. Lo stesso mal di pancia post Cerci promette, in prestito e non più a cartellino come al tempo di Kovacic, altri tre nuovi arrivi. Vedremo se e vedremo come. Intanto, passata la buriana delle redazioni politicamente corrette che non vedevano l'ora di vedere il Milan scippato e che hanno dovuto a denti stretti, ma che stridore, scrivere o parlare di un'Inter beffata sul fronte maldiviano di Cerci, resta una domanda. Ma perché con una società che c'è, e lo ha dimostrato molto bene con Podolski, come quella nerazzurra, deve spendersi così tanto su certe operazioni l'allenatore, con il rischio, non muovendosi da dirigente, di creare tensioni importanti? Intanto si continua a parlare di mercato con prestiti secchi e prestiti con diritto. Attenzione, tra i prestiti estivi e i prestiti di adesso, tutti non si possono riscattare. Qualcuno si, tutti no.
Gabbiadini non è solo il sostituto di Insigne. È la garanzia che il Napoli torna a sedersi al tavolo del rafforzamento. Gabbiadini significa gol in più, proprio su quei calci piazzati che sarebbero serviti al Napoli nei primi mesi della stagione per trasformare alcuni brutti anatroccoli, i pareggi, nel cocchio di belle vittorie. Gabbiadini è anche un segnale a Rafa Benitez. Il Napoli c'è anche sul mercato e si rinforza per il futuro. A meno che, ma non crediamo, Rafa sia già in quella fase raccontata proprio ieri sul Mattino dal presidente De Laurentiis a proposito di Lavezzi, e cioè dell'addio deciso l'anno prima e consumato l'anno dopo. Se così fosse la splendida Supercoppa di Doha non sarebbe propulsiva ma semplicemente celebrativa.
Juve che succede? Dopo Bonolis che prima dell'arrivo dell'Inter allo Juventus Stadium, inziga i tifosi partenopei stipati a piazza del Plebiscito ricordando proprio la Supercoppa dei rigori nella notte di San Silvestro, bisognava forse dare un segnale forte subito. E il subito di adesso è il mercato. A proposito, se i rigori di Doha fossero andati bene, quella cosina lì Carlitos Tevez l'avrebbe detta? Altra domanda: era proprio inevitabile dirla con le Feste passate a rimirare la Supercoppa all'ombra del Vesuvio? Mah! Resta il fatto che la pur fortissima Juve non va fortissimo sul mercato. Napoli, Milan e Inter sono già scattate dai blocchi di partenza. Mentre Torino tesse e temporeggia. Non ci sono emergenze domani mattina, ma questa Juve così defilata alla voce arrivi all'aeroporto di questa fine e inizio d'anno il suo effetto lo fa. Sia in difesa che sulla tre quarti. E il fatto che i titoli dei giornali delle Feste siano più sulle uscite (quella futuribile di Tevez, quella sempre sul punto di Vidal e quella ormai scontata di Giovinco ) che sulle entrate, fa riflettere gli stessi tifosi bianconeri.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.