HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Siamo sicuri che la Juve abbia mollato Zaza e Immobile? Siamo sicuri che sia un errore? Ecco come è andata...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
11.09.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 57747 volte
© foto di Federico De Luca

Tutti si chiedono ora perché la Juve non si è tenuta Zaza e Immobile.
Perché ha preferito Morata. Tutti a chiedersi come mai si parla tanto di giovani e i giovani che abbiamo non hanno chanches. E allora io lancio una provocazione: e se la Juve avesse fatto bene? Almeno su Zaza?
La storia di Immobile è una storia diversa. Era in comproprietà, lo stava trattando da tempo una delle squadre più importanti del mondo dove sapeva che avrebbe recitato un ruolo da protagonista. Quello che forse la Juventus non poteva promettergli. Errore o no è stata una valutazione da fare con il Torino. E soprattutto visto che Immobile era un prodotto del settore giovanile i soldi dei tedeschi sono tutti plusvalenza: e di questi tempi vuol dire tanto.
La valutazione su Zaza è simile, ma allo stesso tempo opposta. Intanto nei 4 giorni in cui la Juventus si è vista con il Sassuolo le due società hanno cercato di trovare un accordo soddisfacente per tutti. E così la Juve quest'anno ha preso 7,5 milioni di euro per l'altra metà del cartellino di Simone. Perdendolo è vero. Federalmente è tutto del Sassuolo. Ma la Juventus le mani sul ragazzo ce le ha eccome. Tant'è vero che se vuole basta che metta 14 milioni sul tavolo alla fine dell'anno o 18 alla fine del prossimo campionato. Ora pensate a queste cifre: il nuovo centravanti della nazionale italiana a 14 milioni di euro lo comprereste? E di fatto la Juve ricomprandolo spenderebbe per l'intero cartellino di Zaza 7 milioni e mezzo. Già perché la storia di Zaza e la Juve è molto complicata. Ancora più lunga quella fra Zaza e Paratici.
Perché è proprio Paratici che lo porta alla Primavera della Samp a parametro zero (dall'Atalanta). Peccato che nel frattempo Paratici diventa direttore sportivo della Juventus. Ma non perde di vista Zaza e così lo prende a un anno dalla scadenza del contratto a 3 milioni e mezzo di euro. Nel frattempo lo cede al Sassuolo la prima metà per 2 milioni e mezzo, la seconda metà per 7 e mezzo. Fanno 10 in totale sborsati dal Sassuolo. Ora la Juve lo può ricomprare per 14 (che sommati ai 3,5 iniziali fa 17,5 meno i 10 del Sassuolo fa 7,5 di cui sopra). Insomma è una comproprietà mascherata perché la Juventus le mani su Zaza vuole tenerle eccome.
E siccome non poteva comprarlo adesso (né lui né Berardi altro grande talento in casa neroverde) per una questione economica ha fatto in modo che sin da ora con il Sassuolo fosse tutto già fissato, nei minimi termini. Anche con Berardi la Juventus ha cercato di tirar fuori meno soldi possibili: è riuscita ad arrivare ad avere il ragazzo in comproprietà senza tirar fuori un euro (venne fatto uno scambio alla pari con la metà del cartellino di Marrone). Ora con 29 milioni i due giocatori la prossima estate saranno interamente juventini. Senza dover discutere di nuovo: se la Juve vuole li porta a casa. L'unica cosa di cui dovranno discutere eventualmente sarà il valore di qualche contropartita. Ma se loro due continueranno così non ci saranno dubbi. E al prezzo di un top player ne arriveranno due.
Ecco perché la mia provocazione. La Juventus i ragazzi non li ha mollati. Ha semplicemente capito che forse per loro era meglio crescere da titolari a Sassuolo piuttosto che fare esperienza (ma in panchina) alla Juve. Sarebbe arrivata comunque la Nazionale e la gloria. Almeno a livello economico questa è stata la valutazione. Conte non ci ha spiegato (non pubblicamente) se tecnicamente era d'accordo o meno con i suoi ex dirigenti.
La domanda da farci invece è un'altra: con Tevez e Llorente è difficile giocare titolari. Ora vedremo cosa saprà fare Morata (che già ha una bella responsabilità sulle sue spalle, ma ci assicurano che sa gestirla e che stupirà). Ma in quante squadre c'è la possibilità di crescere come a Sassuolo? In cui ci sono tanti italiani e tanti giovani. Che trovano spazio e sono protagonisti. Forse per rilanciare il calcio italiano non bisogna andare troppo lontano. Ma questo è un discorso molto più lungo: vi assicuro che lo riprenderemo in seguito...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il miliardo di euro che tiene in piedi il calcio italiano. Juve avanti dieci anni rispetto alle altre, oltre a undici punti. La colpa dei giornalisti nelle sconfitte del Napoli 12.03 - Chi non ha ancora capito si attacchi pure agli arbitri, come se fosse quello il problema di un campionato che è già finito prima di iniziare. Quando una squadra può permettersi di acquistare Dani Alves, Higuain, Pjanic, Pjaca e Cuadrado, vendendo il solo Pogba e un Morata che, obiettivamente,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.