HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Siamo sicuri che la Juve abbia mollato Zaza e Immobile? Siamo sicuri che sia un errore? Ecco come è andata...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
11.09.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 57745 volte
© foto di Federico De Luca

Tutti si chiedono ora perché la Juve non si è tenuta Zaza e Immobile.
Perché ha preferito Morata. Tutti a chiedersi come mai si parla tanto di giovani e i giovani che abbiamo non hanno chanches. E allora io lancio una provocazione: e se la Juve avesse fatto bene? Almeno su Zaza?
La storia di Immobile è una storia diversa. Era in comproprietà, lo stava trattando da tempo una delle squadre più importanti del mondo dove sapeva che avrebbe recitato un ruolo da protagonista. Quello che forse la Juventus non poteva promettergli. Errore o no è stata una valutazione da fare con il Torino. E soprattutto visto che Immobile era un prodotto del settore giovanile i soldi dei tedeschi sono tutti plusvalenza: e di questi tempi vuol dire tanto.
La valutazione su Zaza è simile, ma allo stesso tempo opposta. Intanto nei 4 giorni in cui la Juventus si è vista con il Sassuolo le due società hanno cercato di trovare un accordo soddisfacente per tutti. E così la Juve quest'anno ha preso 7,5 milioni di euro per l'altra metà del cartellino di Simone. Perdendolo è vero. Federalmente è tutto del Sassuolo. Ma la Juventus le mani sul ragazzo ce le ha eccome. Tant'è vero che se vuole basta che metta 14 milioni sul tavolo alla fine dell'anno o 18 alla fine del prossimo campionato. Ora pensate a queste cifre: il nuovo centravanti della nazionale italiana a 14 milioni di euro lo comprereste? E di fatto la Juve ricomprandolo spenderebbe per l'intero cartellino di Zaza 7 milioni e mezzo. Già perché la storia di Zaza e la Juve è molto complicata. Ancora più lunga quella fra Zaza e Paratici.
Perché è proprio Paratici che lo porta alla Primavera della Samp a parametro zero (dall'Atalanta). Peccato che nel frattempo Paratici diventa direttore sportivo della Juventus. Ma non perde di vista Zaza e così lo prende a un anno dalla scadenza del contratto a 3 milioni e mezzo di euro. Nel frattempo lo cede al Sassuolo la prima metà per 2 milioni e mezzo, la seconda metà per 7 e mezzo. Fanno 10 in totale sborsati dal Sassuolo. Ora la Juve lo può ricomprare per 14 (che sommati ai 3,5 iniziali fa 17,5 meno i 10 del Sassuolo fa 7,5 di cui sopra). Insomma è una comproprietà mascherata perché la Juventus le mani su Zaza vuole tenerle eccome.
E siccome non poteva comprarlo adesso (né lui né Berardi altro grande talento in casa neroverde) per una questione economica ha fatto in modo che sin da ora con il Sassuolo fosse tutto già fissato, nei minimi termini. Anche con Berardi la Juventus ha cercato di tirar fuori meno soldi possibili: è riuscita ad arrivare ad avere il ragazzo in comproprietà senza tirar fuori un euro (venne fatto uno scambio alla pari con la metà del cartellino di Marrone). Ora con 29 milioni i due giocatori la prossima estate saranno interamente juventini. Senza dover discutere di nuovo: se la Juve vuole li porta a casa. L'unica cosa di cui dovranno discutere eventualmente sarà il valore di qualche contropartita. Ma se loro due continueranno così non ci saranno dubbi. E al prezzo di un top player ne arriveranno due.
Ecco perché la mia provocazione. La Juventus i ragazzi non li ha mollati. Ha semplicemente capito che forse per loro era meglio crescere da titolari a Sassuolo piuttosto che fare esperienza (ma in panchina) alla Juve. Sarebbe arrivata comunque la Nazionale e la gloria. Almeno a livello economico questa è stata la valutazione. Conte non ci ha spiegato (non pubblicamente) se tecnicamente era d'accordo o meno con i suoi ex dirigenti.
La domanda da farci invece è un'altra: con Tevez e Llorente è difficile giocare titolari. Ora vedremo cosa saprà fare Morata (che già ha una bella responsabilità sulle sue spalle, ma ci assicurano che sa gestirla e che stupirà). Ma in quante squadre c'è la possibilità di crescere come a Sassuolo? In cui ci sono tanti italiani e tanti giovani. Che trovano spazio e sono protagonisti. Forse per rilanciare il calcio italiano non bisogna andare troppo lontano. Ma questo è un discorso molto più lungo: vi assicuro che lo riprenderemo in seguito...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, Pioli ha deciso: se ne vanno in tre, ecco dove! Milan: l'addio di Niang nasconde una verità. Juve: l’assalto di Marotta e quello degli anti-Allegri. Napoli: il giorno di Pavoletti (ma attenti a Gabbiadini…) 24.01 - Ciao. Il mercato di gennaio è molto bello. Bellissimo. Succedono un sacco di cose. Ci sono le trasmissioni. I siti sempre aggiornati. Quelli come me che scrivono le cose. E fanno la gara a chi arriva prima. “L’ho detto io!”. “No, io!”. “E io chi sono, il più stronzo?”. C’è un baraccone...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.