HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Sicuri che è tutto fermo. Sei considerazioni, sei punti per riflettere (con indiscrezioni)...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
08.10.2015 07.03 di Luca Marchetti  articolo letto 56921 volte
© foto di Federico De Luca

Chi l'ha detto che ora è tutto fermo? È vero. La pausa ha un effetto narcotico, frose anche ipnotico. Ti fa credere che nessuno stia facendo nulla, mentre in realtà qualcosa si muove. Certo, non possiamo dire di essere al 30 di agosto. Ma fossi in voi non mi lamenterei. Prima considerazione: la Fiorentina, prima in classifica, è la più grande sorpresa europea, almeno tra i BigFive, ovvero i migliori campionati europei. In Francia, Inghilterra e Germania in testa ci sono i più ricchi. In Spagna e in Italia no. Voi direte: meglio la Fiorentina che il Villarreal (che è sopra a Real e Barca)? Sì, almeno secondo i conti. Conti che sono serviti a capire quanti soldi ha speso la famiglia Della Valle rispetto alle altre "famiglie" italiane: in Italia, in ordine di spesa, sono settimi. Il Villarreal è sesto. E comunque hanno speso la stessa cifra, più o meno (65 milioni di euro contro, per esempio i 301 della Juve e i 587 del Real Madrid). Ecco perché miglior sorpresa. In Italia ci sono sei squadre che hanno speso più della Fiorentina per costruire la propria squadra (Juve, Inter, Napoli, Roma, Milan, Lazio). E questo significa soltanto una cosa. Che in Toscana hanno speso bene. Per spere se hanno speso meglio bisognerà aspettare la fine dell'anno sportivo, e non sarà cominque una passeggiata. Ma già possiamo dire che la Fiorentina ha speso bene. E questo è sicuramente una bella medaglia da mettere al petto dei dirigneti viola. La capacità di scegliere è fondamentale.
Seconda considerazione: dicevamo che il mercato non è fermo. E allora proprio la Fiorentina sa che deve prendere un difensore. Il primato porta al mercato. In difes ai due nomi più seguiti sono quelli di cui parlavamo anche ad agosto: Lisandro Lopez del Benfica (per cui i portoghesi avevano già detto no) e Mexes, in rotta con Mihajlovic ma ancora fra i preferiti di Berlusconi (ed è per questo che salto nelle ultime notti di mercato). A centrocampo piace sempre Wallace...
A proposito di Mexes e di Milan. Terza considerazione. È chiaro che non è lui il responsabile così come è evidente che non tutte le colpe possiamo darle a Mihajlovic. È il quarto allenatore che viene messo in discussione a Milanello. Dopo Allegri, Seedorf e Inzaghi, tocca a Sinisa. I risultati non arrivano, l'idea di calcio che aveva in mente il serbo non si vede e soprattutto a differenza degli altri anni il Milan sul mercato è intervenuto massicciamente. Ora al di la delle parole di Honda (che vorrebbe un Milan spendaccione come Psg o ManCity, ma a quel punto non ci sarebbe lui) più di questo il Milan non può mettere a disposizione alla squadra mercato. Giocatori pagati troppo? Troppi attaccanti e pochi difensori? Tutto ormai è nel mirino della critica. In realtà bisogna anche avere un pizzico di pazienza. Ma non chiedetela ai tifosi: ne hanno avuta tanta in questi anni. I processi di rifondazione sono dolorosi, ma mai come quest'anno sembrava il momento giusto. E invece...
E qui scatta la quarta considerazione: sliding doors. E se Sarri fosse fosse andato al Milan e Miha al Napoli? La classifica sarebbe stata la stessa? Sarri ora è celebrato come un profeta, all'inizio lo scetticismo incombeva su di lui e il Napoli in maniera preoccupante. A Milanello avrebbe potuto lo stesso? Sarri ha voluto Valdifiori, salvo poi scoprire che Jorginho gli funziona meglio. Sarri ha iniziato con il suo amato trequartista per poi virare suo 433 vincente. Insomma l'allenatore conta è veo. Ma se a posto di Allan avesse avuto Bertolacci? Romagnoli lo voleva anche il Napoli, ma ha rispolverato Koulibaly. Higuain vale Bacca? Ognuno lavora con quello che ha, ma il contesto può fare la differenza. Eccome.
Quinta considerazione. E allora di chi è la colpa al Milan? Di tanti, di tutti. Silvio Berlusconi non ascolta sempre Barbara che non ascolta sempre Galliani che a sua volta non ascolta sempre Barbara ma è "costretto" ad ascoltare Berlusconi che a sua volta si fida di Galliani ma che si lascia andare a commenti "privati" sempre piuttosto salaci. Mihajlovic ha come referente principale Galliani, ma Berlusconi è sempre il presidente e Barbara sempre l'amministratore delegato (nonché la figlia del presidente). In più metteteci che l'idea di calcio che ha Sinisa ancora non è stata digerita dal Milan e allora potremmo anche chiederci se non vale la pena fare delle modifiche rispetto alle caratteistiche che ora Mihajlovic ha scoperto di avere a disposizione. Per esaltare i pregi e nascondere i difetti. Inzaghi aveva optato per un classico difesa e contropiede, ma al Milan per filosofia non si può.
E allora sesta considerazione. Per cambiare filosofia bisogna cambiare gli uomini come è successo all'Inter. Io non so se i nerazzurri riusciranno a rimanere agganciati al treno scudetto fino alla fine. Non lo sa nessuno (di sicuro è un campionato divertente). Ma per seguire l'idea di calcio di Mancini l'Inter ha cambiato praticamente tutto. E ancora cambierà, magari. Mancini ha avuto la forza di convincere i suoi dirigenti a una rivoluzione totale nella rosa. Unico modo per aprire le finestre e fare le pulizie. Ma non è sempre semplice, né tantomento economico.
Sei considerazioni di mercato. Qualche notizia. E accontentatevi. È pur sempre la pausa della nazionale!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.