HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Silvio Berlusconi: lascia senza elicotteri. Milan, ci penso io: firmato il governo cinese. Il mercato: regole e chiarezza. Gli avversari: il Milan torna in scena

06.08.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 54568 volte

Serviranno per scappare dopo le sconfitte. Gli elicotteri di Tacconi sono lontani, lontanissimi, sperduti nel tempo. La Cavalcata delle Valchirie era una scelta, una firma. Se fai qualcosa, lo devi fare con forza, con convinzione. Non con la mano tremante. Queste le motivazioni dell'Arena e della squadra che scende in divisa ufficiale dal cielo di Milano. Non era spacconeria, ma un avviso ai naviganti. Ci siamo anche noi. Quanti altri ne ha dati, stagione dopo stagione, il Milan di Silvio Berlusconi. Il calcio non sarebbe stato più lo stesso: forse questa era l'intenzione. Ma alla fine non è andata così, perchè il Milan di Silvio Berlusconi è stato il Milan di sempre. Prima della nuova era, il Milan era stato Wembley '63, ma anche Cesena '82. E così è stato anche con la nuova proprietà: come Barcellona '94 era stata l'apoteosi ecco che Istanbul 2005 è stata terribile, lo stesso scarto esistito fra Verona '90 esemplare e Manchester 2003 al settimo cielo. Sono stati i battiti alti e bassi del Vecchio cuore rossonero, quelli di sempre, anche con Silvio. Che, dopo l'operazione al cuore, trascolora. Senza essere dimenticato mai. Quella di ieri per i veri milanisti è stata una giornata triste.

Il governo cinese è la garanzia della nuova proprietà del Milan. C'è un fondo sovrano, garantito dalla massima autorità cinese. Era vero, dunque. Ed era vero anche che oltre al pagamento della Società, esiste un piano di investimenti e di rilancio del Milan. Gli advisor finanziari e legali lato cinese e lato Fininvest sono il top a livello internazionale come banche d'affari e a livello nazionale in quanto a studi legali coinvolti nella strategia dell'operazione. Non era una farsa. Non era l'ennesima presa in giro. Non era uno strano giro di soldi, citiamo alla rinfusa tutti i pregiudizi che sono stati rinfacciati a Silvio Berlusconi nell'ultimo anno e mezzo. Non era una trattativa impossibile, non erano condizioni capestro per indurre la controparte ad uscire dall'affare. Non era nulla di quanto è stato insinuato. Era qualcosa, proprio ed esattamente come nel 1986, di incomprensibile per i Tacconi di turno. Spiace poi che Stefano sia passato alla storia perchè all'epoca non parlava mai nessuno e certe uscite rimanevano scolpite, oggi invece parlano tutti e la fanno franca.

Il Milan farà mercato per rinforzare, per quanto possibile, la squadra dopo il signing di ieri. La nuova governance entrerà in scena dopo il closing. Il mercato del Milan funzionerà in maniera molto chiara. Dopo i 15 milioni già versati, e in attesa degli 85 prima e dei 400 poi, oltre che dell'accollo dei debiti, su ogni giocatore dovrà esserci condivisione. Se l'attuale proprietà propone un giocatore e gli uomini della Sino-Europe non sono d'accordo non si vanno a creare frizioni o a stabilire arbitrati, il tal giocatore non arriva. Punto. La stesso cosa accade all'inverso, sul tal prospetto indicato dai nuovi quasi proprietari ed eventualmente non condiviso da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. L'ad sportivo farà questo lavoro con Marco Fassone. Le regole sono chiare, si naviga a vista con le rispettive competenze, in attesa di quello che accadrà a gennaio. Galliani e Fassone (vengono in mente Galliani e Foscale del 1986) sono stati amici durante e dopo Montecarlo-Kondogbia e sapranno essere costruttivi e professionali anche in questo frangente.

Sì, il Milan torna. Allenatori che parlano del Milan come di una strana cosa in stato confusionale, trasmissioni che ridicolizzano il Milan come ha fatto in settimana Andrea Scanzi. Tutto questo ha fatto male, ma tutto questo sta finendo. Nuova proprietà e nuove risorse sì, ma soprattutto normalità e stabilità. Due cose di mercato ha fatto il Milan quest'estate, ma le ha fatte da Milan. Lapadula, tutti convinti andasse a Napoli o Juventus e invece all'improvviso una sera ecco il Milan, Ed è stato Milan. Lo stesso dicasi per Gustavo Gomez, preso perchè è forte, non perchè costa poco. Se sarà così anche per Cuadrado, per qualche altro attaccante o per il o i centrocampisti che servono al Milan, lo scopriremo nei prossimi giorni. Non è questo il punto. Il Milan non si candiderà ad essere l'anti-Juve ma aspira ad essere una squadra normale. Una squadra che giochi a pallone, destinando sè stessa a crescere negli anni successivi. Uno stadio che sappia creare l'allure del fattore campo, una tifoseria che non produca mostri e mostriciattoli. Sono obiettivi minimi, di start up. Non sono gli obiettivi dell'Arena. Ma Silvio Berlusconi ha insegnato a credere e a sviluppare. La sua manovra d'atterraggio è stata fra le turbolenze. Ma lassù, durante il volo, chi non è stato milanista non può nemmeno lontanamente immaginare cosa si è visto, cosa si è provato e cosa si è vinto. Grazie.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.