VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo

18.02.2017 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24640 volte

Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri iniziano a guardare al futuro. Soprattutto delle panchine. E qui si invertono le parti. Gli ambienti Juve sognano l'ex interista Cholo Simeone, mentre quelli Inter sognano l'x juventino Antonio Conte. Crediamo che, per contenuti del loro lavoro e per la sostanza che danno alle rispettive squadre, Massimiliano Allegri e Stefano Pioli meritino di rimanere alla guida delle rispettive squadre. Ma se qualcosa dovesse cambiare e se le due dirigenze dovessero fare scelte di profile e di physique, ecco che le frontiere del Cholo e di Conte rappresenterebbero i sogni delle due tifoserie.

Tutti aspettavamo in campo il Napoli al Bernabeu con le sue certezze e la sua proposta di calcio alternativa, invece il presidente De Laurentiis ha provato, a risultato negativo ormai acquisito, a costruirsi l'alibi della mancanza della cazzimma. Avevamo sentito parlare anche Giampiero Ventura della cazzimma, da allenatore granata, al termine di un Sampdoria-Torino 2-0, per cui non sappiamo se la cazzimma sia napoletana, ligure o piemontese, certamente non è una prerogativa della Champions League. La Champions non mente: bisogna andare in campo a giocare a calcio, senza ossessioni e senza sangue agli occhi. Tanto, se vogliono, ti toreano lo stesso anche se cerchi di metterla sul furore agonistico. La verità è che Sarri ha fatto benissimo a mandare in campo il Napoli più collaudato di cui disponeva, invitandolo a giocare la partita come sa. Non ci è riuscito, ma questo può accadere. Già tremano le gambe di fronte ad un evento del genere, figuriamoci se è il caso di aggiungere anche l'incertezza di una sperimentazione. Il carattere, dunque. Un pegno di carattere psicologico al medio escenico del Santiago Bernabeu lo paga e lo ha pagato chiunque, anche lo stesso Maradona giocatore, come ha chiaramente raccontato Arrigo Sacchi negli studi televisivi Mediaset a fine gara. Quando però, il numero uno del Napoli fa notare che la linea difensiva poteva essere più alta o che si dovessero testare i vari Rog e Pavoletti, entra in contraddizione: ma se la squadra mostra di patire inevitabilmente ed emotivamente un palcoscenico mondiale come quello di Madrid e non riesce a fare le cose che fa solitamente e che ha mandato a memoria, come far convivere tutto questo con il concetto che, proprio al Bernabeu, ci si dovesse inventare qualcosa che a livello tattico o di singoli non era mai stato fatto prima e che era quindi incerto per sua natura? Se non altro l'esternazione presidenziale ha coperto il confronto fra il Milan di Sacchi e il Napoli di Sarri, sul quale si era avventurato settimane orsono Ambrosini che, ad esempio, all'epoca di Real Madrid-Milan 1-1 con le merengues dominate 90 minuti dai rossoneri, aveva solo 12 anni e, mettiamola così, non ricordava benissimo la gara.

Non è assolutamente pertinente il continuo ricorso alle cosiddette graduatorie di rendimento per analizzare il lavoro di Vincenzo Montella al Milan. Da più parti, spuntano statistiche e classifiche di ogni tipo. Il Milan tira poco, il Milan subisce tanti tiri, il Milan corre poco, eccetera. Chi usa questi numeri, lo fa in maniera pretestuosa. La realtà del campo è ben altra. Il Milan, tranquilli, corre, perchè come tutti possono vedere finisce le partite con la lucidità e la gamba giuste, spesso e volentieri meglio e più in palla dell'avversario, come confermano le trasferte di Bologna e Roma, in coda alle quali sono arrivate le grandi giocate rispettivamente di Deulofeu e Suso e non certo reti fortunose. I tiri: il Milan di questi anni, quest'ultimo compreso, non è una cima e ci sta che possa soffrire alcuni pezzi delle partite e non c'è da vergognarsene. Ma se gli avversari tirano molto e fanno pochi gol in proporzione, vuol dire che il Milan così com'è organizzato non concede palloni facili agli avversari. La stessa Lazio, brillante e con tutte le sue bocche da fuoco in campo rispetto ad un Milan privo di 8 titolari, ha fatto gol solo su rigore. I tiri del Milan: Montella ha migliorato l'atteggiamento della squadra rispetto agli ultimi anni, ha tolto paure rispetto a due anni fa e ha tolto ossessioni rispetto ad un anno fa. Ha nettamente migliorato la circolazione della palla, tanto è vero che le famose rimonte del Milan non vengono fatte con il sangue agli occhi o con un esasperato furore agonistico. Arrivano, invece, sì con il cuore, ma sempre con lucidità e intelligenza. La squadra rossonera sa cosa fare con la palla e per questo non va mai nel panico, quando va in svantaggio. Il tema del trequartista: non ci nascondiamo dietro un dito. Il punto non è commentare o prendere posizione rispetto alle legittime valutazioni di Silvio Berlusconi. E' sufficiente fare i cronisti: con il trequartista e le due punte, il Milan nelle prime 7 partite della scorsa stagione con Mihajlovic ha subìto 13 gol in 7 partite e ha conquistato 9 punti sui 21 a disposizione. C'è stata una appendice anche in questa stagione con Montella: Suso, dietro Luiz Adriano e Bacca nel primo tempo di Milan-Sassuolo, un primo tempo terminato 1-1 con un Milan poco pericoloso e in gol con Bonaventura partito dalla linea dei centrocampisti. Poi, il ritorno al 4-3-3, nel secondo tempo, con Niang in campo, ha portato il Milan alla vittoria finale in rimonta. Il corpaccione della squadra di questi anni e le figure che si sono alternate, compreso ebbene sì Boateng, in questi anni nel ruolo di trequartista confermano che non è un capriccio dei vari allenatori, a maggior ragione di Montella, strutturare in altro modo la squadra.

Roberto Donadoni ha commesso l'errore di mettere pressione sull'arbitro, Doveri, alla vigilia di Bologna-Milan e il risultato non gli ha detto bene. Vincenzo Montella non ha mai fatto questo errore, nè lo farà quest'oggi alla vigilia di Milan-Fiorentina. Noi però non resistiamo alla tentazione, soprattutto per la suddetta vena cronistica. L'arbitro Valeri, chiamato a dirigere domani Milan-Fiorentina, ha espulso 9 giocatori del Milan nelle ultime 9 partite arbitrate dei rossoneri: Mexes, De Sciglio, Essien, Diego Lopez, Zaccardo, Rodrigo Ely, De Jong, Kucka e Niang, con i rossoneri rimasti in 9 per ben due volte. In particolare, nelle ultime 4 partite, 3 espulsioni di giocatori del Milan, 2 rigori contro il Milan e un rigore netto negato a Bonaventura in Milan-Verona 1-1 del dicembre 2015. Tanti episodi, senza la necessità di ricorrere al rigore negato al Milan in un derby dopo la tranvata di Handanovic ad Emanuelson e alla punizione calciata 8 metri più avanti da Parolo a Parma. Tutto questo non è assolutamente rivolto a mettere pressione sull'arbitro di domani sera, ma è dedicato a tutti quelli che ancora oggi pensano ad un Milan favorito chissà come e chissà da chi sul piano arbitrale, anche dopo la sfilza di episodi negativi di almeno cinque delle ultime sei partite. Ma anche ai giocatori del Milan, stare attenti a falli e comportamenti può essere il primo passo per infrangere il tabù.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.