HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Sinisa: Ferrero sa tutto. Ancelotti: anche la Roma. Ibra 2006-Tevez 2012: Milan, non farti più del male. Milan, Curva e Aimc hanno ragione. Mancini: fine della carta bianca

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
21.03.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 34655 volte

Sinisa Mihajlovic si trova oggi con il presidente Ferrero nella stessa condizione in cui si trovava un anno fa con il presidente Garrone. Domanda vagante: che facciamo per l'anno prossimo? Risposta attendibile, possiamo proseguire, ma mi lasci in attesa di vedere se arrivano offerte da Club, con tutto il rispetto per la Samp, da Società alle quali per la crescita della mia carriera non posso dire no. La prima è stata il Napoli, ma i tempi partenopei sull'allenatore non li detta il management sportivo ma il presidente e proprio lui potrebbe non essere passato alle vie di fatto. Solitamente, di questi tempi, quando le cose non sono ancora chiare e delineate, su un progetto di nuovo allenatore c'è una operazione semplice da realizzare: l'opzione. Se l'opzione ci fosse e se il presidente De Laurentiis non avesse proceduto in tal senso, potrebbe essere, o potrebbe essere stato, superato.

Certi amori. Fanno certi giri. E la Roma lo è sempre stato per Carlo Ancelotti. Un amore. La prima grande città, gli anni Ottanta, il Barone, l'infortunio, lo Scudetto, la Finale. Tutte prime volte. Come fa Carletto ad aver dimenticato? Non può. E non lo ha fatto. E poi dopo Londra, Parigi e Madrid, perché non Roma? Una Rometta a pezzi, come quella che il giovane figlio di Giuseppe trovò al suo primo sbarco nella Capitale. Stimoli a non finire, ricordi che fanno traballare il cuore. Molto spesso di questi tempi negli stadi si sente il coro "tirate fuori i...". Pare che a Madrid glieli stiano facendo girare. Non Milan, quindi, abbiamo ricevuto e capito. Ma tra Roma e Madrid qualcosa potrebbe succedere. Il buon Sabatini ha bisogno di un totem adesso, anche per proteggere se stesso. E Ancelotti è il migliore nel ruolo.

Inizio Agosto del 2006, sia Braida che Ancelotti hanno già parlato con Zlatan Ibrahimovic. Tutto a posto, anche la collocazione tattica. Milan Channel è pronto con il tradizionale schermo pieno più inno per il nuovo grande acquisto. Ma il Club, stretto dall'infamia di Calciopoli e tutt'altro che sicuro dei ricavi della Champions League, decide di rinunciare: Risultato: iniziano 4 anni di duro ciclo Inter. Dodici Gennaio 2012, è tutto pronto per Pato a Parigi e Tevez a Milanello, stesso schermo e stesso inno già sul server a Milan Channel. Ma il Club prende la decisione tecnica ed economica di non procedere. Risultato: iniziano 3 anni di duro ciclo Juventus ancora in corso. Non sappiamo se e quando sarà il prossimo crocevia. Ma, Dio mio, Milan, impara da te stesso e prendi la via giusta.

La Curva rossonera ha chiesto chiarezza al presidente Berlusconi. Il Milanista soffre, gli altri gozzovigliano, insomma sacrosanto. E dal momento che di cose su cui fare chiarezza ce ne sono una infinità, come sempre nei momenti delicati dei grandi Club, la richiesta è legittima e rispettabile. La risposta da parte di un Presidente come Berlusconi che tutto merita tranne di passare alla storia per gli ultimi due anni dimenticandosi degli altri ventisette, è altrettanto sacrosanto debba essere sua e solo sua. Spiace che, come a Gennaio, quasi a orologeria, il giorno dopo una sconfitta clamorosa dell'Inter a San Siro (all'epoca col Torino, oggi col Wolfsburg), è proprio ill comunicato della Curva che riporta luci e riflettori mediatici solo sul Milan. Che è esattamente quello che può danneggiare una squadra già alle prese con i propri problemi psicologici. E stasera si gioca anche se, purtroppo, senza i ragazzi della Curva che per noi sono quelli di sempre, unici e spontanei, non un giorno aziendalisti e l'altro amici di riporto. Da qualunque isola sia comparso il comunicato, merita elementi. I pochi che conosciamo sono: ufficialmente, Wanda non entrerà mai nella vicenda quote di minoranza Milan; non ufficialmente, dagli Usa non è arrivata nessuna proposta; solo negli ultimi giorni sarebbe iniziata la due diligence di Mister Bee per il 30% del Milan con annessi e connessi, ossia il nuovo Stadio. Pur senza maggioranza, Mr. Bee sarebbe attratto dall'operazione collaterale, e cioè il nuovo stadio tutto rossonero. La liquidità collegata andrebbe nella direzione auspicata dal presidente Berlusconi il 31 Luglio 2012 nell'intervista a Milan Channel: una collaborazione per il bene del Milan che è una metafora della vita. Per il mercato del Milan quindi, per il miglioramento e la competitività della squadra. Intanto i conti, del Milan, a 360 gradi, sono tenuti sotto stretta osservazione da parte di Fininvest proprio in questo momento particolare. Gli elementi sono ufficiosi perché il Milan è così importante per il presidente Berlusconi che sta facendo tutto lui e solo lui, anche ai suoi più stretti collaboratori particolari e segmenti dell'eventuale operazione arrivano col contagocce e non immediatamente. Mitomani e perditempo sono pertanto gentilmente pregati di non usare come cartina di tornasole i tifosi giustamente incazzati, perché il rischio di far precipitare le cose dal bene del Milan al male del Milan è sempre dietro l'angolo. Se c'è chi, nel proprio delirio sconclusionato, non conosce gli anni rossoneri dal 1975 al 1985, se li vada a studiare. Il tempo non manca.

Gennaio 2015. l'Inter ha avuto tanto coraggio. Numeri e conti economici che saltano, ma dentro Mancini e dentro tanti soldi nel mercato. Obiettivo indispensabile, anche secondo l'Uefa: andare in Champions League o attraverso il Campionato o attraverso l'Europa League. Complimenti anche a Mancini: si è preso il rischio, non ha fatto l'allenatore appena arrivato che attende la prossima stagione. Datemi la sfida, subito. Tutto giusto e apprezzabile, ma è andata male. Molto male. Champions lontanissima in Campionato e irrimediabilmente persa in Europa League. L'unica cosa fatta da Mancini è superare il Milan in classifica. Ma non l'ha fatta lui. L'ha fatta il Milan, imploso sul più bello. Contrariamente al giudizio di autorevoli colleghi, non pensiamo che l'Inter abbia una ossatura da Scudetto e pensiamo che, pur avendo scelto Mancini e speso tanto, non abbia svoltato. E anche che la svolta sia lontana. I grandi dubbi sono due. Una eventuale Inter senza coppe dovrà ridimensionarsi economicamente, a partire probabilmente dall'ingaggio dell'allenatore e dalle stesse motivazioni dell'allenatore. Inoltre, una dirigenza Inter comunque nelle coppe forse entrerà sempre di più nel merito delle scelte tecniche di Mancini nel prossimo mercato e la carta bianca di Gennaio potrebbe restare un ricordo. Questi i temi. Quindi? Quindi, niente. Quindi, parliamone. Non lo ha ancora fatto nessuno....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.