HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Sinisa, occhio che finisci anche tu nel frullatore. Roma show: un difensore e sei da scudetto. Zenga, vota Antonio vota Antonio! E De Laurentiis scopre gli altarini...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.08.2015 08.15 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 159214 volte
© foto di Federico De Luca

Questa notte cadono le stelle e avremo tutti la testa puntata verso il cielo. C'è chi ha l'età giusta per sognare e con il silenzio del mare e il buio della spiaggia aspetta la stellina per esprimere un desiderio. Ci sono le persone normali che esprimono desideri normali: la fortuna sul lavoro, un nuovo amore dopo la delusione o la salute per i propri cari. Poi ci sono gli sfigati. Quelli che sognano il 6 al superenalotto, la Ferrari da grande e la donna più bella del paese. Ci sono anche i "malati" di calcio che stanotte chiederanno al cielo Ibra al Milan, un nuovo centrocampista per la Juventus e lo scudetto per Roma e Napoli. Mihajlovic, invece, guarderà al cielo e l'unica stella che gli potrà venire in mente è quella di Paolo Villaggio: "Io speriamo che me la cavo". Al posto dei bambini di Arzano che cercano, invano, un rotolo di carta igienica ci sono i calciatori del Milan che, finora, non hanno dato le giuste garanzie a Sinisa. Berlusconi, da Villa Certosa, per ora tace e ogni tanto mugugna. Peggio di Inzaghi non è possibile fare e mentre Pippo giustamente gufa il Milan e festeggia al Rigatoni di Formentera, Sinisa starà pensando "Ma chi me l'ha fatto fare". Romagnoli è una scommessa del Mister. Se non sarà il nuovo Thiago Silva, Mihajlovic dovrà dare delle spiegazioni. Perché ha voluto solo lui e sempre lui e perché a Galliani hanno pignorato la casa, nella traversa di Via Manzoni, per portare Romagnoli in rossonero.
E' follia spendere circa 50 milioni per Romagnoli e Bertolacci. Su Bacca e Adriano ci siamo, 6 milioni in più o in meno non cambiano la vita del club, ma 50 milioni per un ex doriano e un ex genoano sono troppi. Il Milan non ha problemi di soldi, semplicemente ha un problema su come li investe. Parametri zero con contratti pluriennali e milionari, ora giovani di belle speranze pagati come fossero top player. C'è qualcosa che non torna. E un settore giovanile che non porta, con costanza, da troppo tempo un proprio ragazzo in prima squadra come pilastro del club. Galliani ha finanziato il mercato di Sabatini. Il Milan ha regalato Salah e Dzeko alla Roma, perché tra Romagnoli e Bertolacci, Walter Sabatini è andato a cena da Cipriani a Montecarlo con la carta di credito di Adriano. La Roma, in passato, ha sbagliato tanto e ha strapagato giocatori forti ma non campioni come Iturbe. Abbiamo, spesso, massacrato Sabatini ma questa estate ci sta piacendo. Colpi giusti al prezzo giusto, anticipando la concorrenza e vendendo bene. Perché dobbiamo finirla di far credere alla gente che un vero Direttore Sportivo è quello che acquista. Un bravo Ds è quello capace di vendere, a prezzi alti, e di autofinanziarsi il mercato. Sabatini sta imparando la lezione e ne esce vincitore assoluto da questi mesi estivi. Romagnoli e Bertolacci via per quasi 50 milioni per due calciatori che nella Roma non hanno mai lasciato il segno e sono stati solo giovani di passaggio, per poi presentarsi con Dzeko e Salah. E' stato anche fortunato, perché Gervinho era stato ceduto e invece Gervinho sarà una rivelazione. Lo scorso anno ha pagato dazio soprattutto per colpa della Coppa d'Africa. Questa'anno potrà essere devastante. Un difensore, solo un difensore, e la Roma potrà lottare per lo scudetto. A patto che la piazza non pressi troppo il gruppo e che Garcia non si inventi nulla. Deve solo guidare una macchina, non deve provare a fare il pilota; farebbe danni come lo scorso anno. Non imiti Mourinho e pensi a fare l'allenatore "normale". E' Garcia il vero problema di Sabatini e se, lo scorso anno, avesse colto la palla al balzo avrebbe potuto fare bingo con un sostituto. Un Mazzarri avrebbe fatto molto comodo a questa Roma. L'allenatore toscano ha dimostrato a Napoli che si può fare quello che Benitez non ha fatto e che all'Inter il problema non era lui, anzi...
Cassano è tornato! Lo avevamo annunciato una sera di luglio su Sportitalia, alle 23.02. L'Avvocato Bozzo aveva appena raggiunto l'accordo con Osti e Ferrero. Dopo 10 minuti dalla nostra notizia, gli insulti e gli improperi. "Non è possibile". "E' una caxxata"... Cassata! Zenga è impazzito. Ha alzato la voce con la stessa autorità di un allenatore che, prima della Samp, aveva vinto due scudetti, una Champions League e un mondiale per club. Aveva puntato i piedi, si era pronti allo strappo e si parlava già di "O lui o io". No Walter, se vuoi insieme. Altrimenti, se proprio dobbiamo decidere, LUI! Ha preso 4 schiaffi europei e il caratteraccio di Walter è venuto meno. Inghiottito dai primi risultati del campo. Quanto durerà Zenga? Forse fino a novembre. Per il momento non parla, altrimenti dovrebbe prenotare un altro volo per Dubai. La sua è stata una figuraccia e vorrei nascondermi nell'armadietto di Cassano per spiare il primo colloquio tra i due. Zenga: "Antonio, guarda che io ho sempre pensato che tu fossi un valore aggiunto. Ma non volevo distrarre la squadra dal preliminare di Europa League, quindi, ho dovuto fare quelle dichiarazioni. Se stai bene e sei in forma tu ci potrai dare una grande mano". Cassano a Zenga. "Tranquillo Mister, sei un grande. Voglio vincere tutto. Andiamoci a riprendere l'Europa". Ah, se quell'armadietto potesse parlare. Da questa trattativa ci sono due vincitori. Il primo è l'Avvocato Bozzo che ha condotto magistralmente la trattativa. Non è andato mai allo scontro pubblico con Zenga, da esperto ha mosso i fili giusti al momento giusto solo per il bene di Antonio. E' l'ennesima dimostrazione che un calciatore se decide di andare con Bozzo, ottiene risultati e soldi. Champagne, con le bollicine grazie. L'altro vincitore è Carlo Osti. Perché il mercato lo fanno Presidenti e Direttori, non l'allenatore. Lui ha lavorato sotto traccia e non ha mai messo in discussione, privatamente, la trattativa Cassano. Si doveva fare e si è fatta. Punto. Le chiacchiere e le ragnatele le lasciamo ad altri.
In chiusura Napoli. Che bello è... quando il tempo diventa galantuomo. Per anni ti becchi gli insulti dei tifosi da tastiera, poi invece le trattative di mercato vanno in un certo modo e anche le storie finiscono come un film del quale già conosci il finale. In sala ti insultano perché a voce alta hai detto "guarda che alla fine quello muore". Dalla fila dietro "ma stai zitto che non capisci nulla, continua a mangiare i pop corn". Sono due anni che scriviamo che il problema di Benitez, uno dei tanti, era la scarsa preparazione atletica. Il Napoli lavorava poco e male. I tifosi del Napoli hanno questo grande pregio/difetto: quando c'è un proprio tesserato attaccato da un giornalista lo difendono alla morte. Su Benitez mi scrissero che ero anti-napoletano e dovevo tacere. Vi dico una cosa: a me quest'anno il Napoli piace, come progetto, e tiferò per gli azzurri. In passato tra Benitez e Bigon mi veniva da piangere e non ho tifato per quel Napoli. De Laurentiis adesso scopre gli altarini. "Finalmente vedo a Castelvolturno doppie sedute di allenamento e tanto sudore. Mancava dai tempi di Mazzarri". Lo ha detto il Presidente. Evviva! Benitez a Napoli era venuto in vacanza, non aveva fame (sportiva) per il resto aveva eccome fame e si era appoggiato a Bigon che senza il cognome che porta nel calcio non lo avrebbero fatto entrare neanche dalla porta d'emergenza. Benitez faceva lavorare pochissimo e i risultati si sono visti. W Giuntoli e W Sarri. Arrivare a Napoli senza raccomandazioni deve essere motivo d'orgoglio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.