VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Sinisa, occhio che finisci anche tu nel frullatore. Roma show: un difensore e sei da scudetto. Zenga, vota Antonio vota Antonio! E De Laurentiis scopre gli altarini...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.08.2015 08.15 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 159239 volte
© foto di Federico De Luca

Questa notte cadono le stelle e avremo tutti la testa puntata verso il cielo. C'è chi ha l'età giusta per sognare e con il silenzio del mare e il buio della spiaggia aspetta la stellina per esprimere un desiderio. Ci sono le persone normali che esprimono desideri normali: la fortuna sul lavoro, un nuovo amore dopo la delusione o la salute per i propri cari. Poi ci sono gli sfigati. Quelli che sognano il 6 al superenalotto, la Ferrari da grande e la donna più bella del paese. Ci sono anche i "malati" di calcio che stanotte chiederanno al cielo Ibra al Milan, un nuovo centrocampista per la Juventus e lo scudetto per Roma e Napoli. Mihajlovic, invece, guarderà al cielo e l'unica stella che gli potrà venire in mente è quella di Paolo Villaggio: "Io speriamo che me la cavo". Al posto dei bambini di Arzano che cercano, invano, un rotolo di carta igienica ci sono i calciatori del Milan che, finora, non hanno dato le giuste garanzie a Sinisa. Berlusconi, da Villa Certosa, per ora tace e ogni tanto mugugna. Peggio di Inzaghi non è possibile fare e mentre Pippo giustamente gufa il Milan e festeggia al Rigatoni di Formentera, Sinisa starà pensando "Ma chi me l'ha fatto fare". Romagnoli è una scommessa del Mister. Se non sarà il nuovo Thiago Silva, Mihajlovic dovrà dare delle spiegazioni. Perché ha voluto solo lui e sempre lui e perché a Galliani hanno pignorato la casa, nella traversa di Via Manzoni, per portare Romagnoli in rossonero.
E' follia spendere circa 50 milioni per Romagnoli e Bertolacci. Su Bacca e Adriano ci siamo, 6 milioni in più o in meno non cambiano la vita del club, ma 50 milioni per un ex doriano e un ex genoano sono troppi. Il Milan non ha problemi di soldi, semplicemente ha un problema su come li investe. Parametri zero con contratti pluriennali e milionari, ora giovani di belle speranze pagati come fossero top player. C'è qualcosa che non torna. E un settore giovanile che non porta, con costanza, da troppo tempo un proprio ragazzo in prima squadra come pilastro del club. Galliani ha finanziato il mercato di Sabatini. Il Milan ha regalato Salah e Dzeko alla Roma, perché tra Romagnoli e Bertolacci, Walter Sabatini è andato a cena da Cipriani a Montecarlo con la carta di credito di Adriano. La Roma, in passato, ha sbagliato tanto e ha strapagato giocatori forti ma non campioni come Iturbe. Abbiamo, spesso, massacrato Sabatini ma questa estate ci sta piacendo. Colpi giusti al prezzo giusto, anticipando la concorrenza e vendendo bene. Perché dobbiamo finirla di far credere alla gente che un vero Direttore Sportivo è quello che acquista. Un bravo Ds è quello capace di vendere, a prezzi alti, e di autofinanziarsi il mercato. Sabatini sta imparando la lezione e ne esce vincitore assoluto da questi mesi estivi. Romagnoli e Bertolacci via per quasi 50 milioni per due calciatori che nella Roma non hanno mai lasciato il segno e sono stati solo giovani di passaggio, per poi presentarsi con Dzeko e Salah. E' stato anche fortunato, perché Gervinho era stato ceduto e invece Gervinho sarà una rivelazione. Lo scorso anno ha pagato dazio soprattutto per colpa della Coppa d'Africa. Questa'anno potrà essere devastante. Un difensore, solo un difensore, e la Roma potrà lottare per lo scudetto. A patto che la piazza non pressi troppo il gruppo e che Garcia non si inventi nulla. Deve solo guidare una macchina, non deve provare a fare il pilota; farebbe danni come lo scorso anno. Non imiti Mourinho e pensi a fare l'allenatore "normale". E' Garcia il vero problema di Sabatini e se, lo scorso anno, avesse colto la palla al balzo avrebbe potuto fare bingo con un sostituto. Un Mazzarri avrebbe fatto molto comodo a questa Roma. L'allenatore toscano ha dimostrato a Napoli che si può fare quello che Benitez non ha fatto e che all'Inter il problema non era lui, anzi...
Cassano è tornato! Lo avevamo annunciato una sera di luglio su Sportitalia, alle 23.02. L'Avvocato Bozzo aveva appena raggiunto l'accordo con Osti e Ferrero. Dopo 10 minuti dalla nostra notizia, gli insulti e gli improperi. "Non è possibile". "E' una caxxata"... Cassata! Zenga è impazzito. Ha alzato la voce con la stessa autorità di un allenatore che, prima della Samp, aveva vinto due scudetti, una Champions League e un mondiale per club. Aveva puntato i piedi, si era pronti allo strappo e si parlava già di "O lui o io". No Walter, se vuoi insieme. Altrimenti, se proprio dobbiamo decidere, LUI! Ha preso 4 schiaffi europei e il caratteraccio di Walter è venuto meno. Inghiottito dai primi risultati del campo. Quanto durerà Zenga? Forse fino a novembre. Per il momento non parla, altrimenti dovrebbe prenotare un altro volo per Dubai. La sua è stata una figuraccia e vorrei nascondermi nell'armadietto di Cassano per spiare il primo colloquio tra i due. Zenga: "Antonio, guarda che io ho sempre pensato che tu fossi un valore aggiunto. Ma non volevo distrarre la squadra dal preliminare di Europa League, quindi, ho dovuto fare quelle dichiarazioni. Se stai bene e sei in forma tu ci potrai dare una grande mano". Cassano a Zenga. "Tranquillo Mister, sei un grande. Voglio vincere tutto. Andiamoci a riprendere l'Europa". Ah, se quell'armadietto potesse parlare. Da questa trattativa ci sono due vincitori. Il primo è l'Avvocato Bozzo che ha condotto magistralmente la trattativa. Non è andato mai allo scontro pubblico con Zenga, da esperto ha mosso i fili giusti al momento giusto solo per il bene di Antonio. E' l'ennesima dimostrazione che un calciatore se decide di andare con Bozzo, ottiene risultati e soldi. Champagne, con le bollicine grazie. L'altro vincitore è Carlo Osti. Perché il mercato lo fanno Presidenti e Direttori, non l'allenatore. Lui ha lavorato sotto traccia e non ha mai messo in discussione, privatamente, la trattativa Cassano. Si doveva fare e si è fatta. Punto. Le chiacchiere e le ragnatele le lasciamo ad altri.
In chiusura Napoli. Che bello è... quando il tempo diventa galantuomo. Per anni ti becchi gli insulti dei tifosi da tastiera, poi invece le trattative di mercato vanno in un certo modo e anche le storie finiscono come un film del quale già conosci il finale. In sala ti insultano perché a voce alta hai detto "guarda che alla fine quello muore". Dalla fila dietro "ma stai zitto che non capisci nulla, continua a mangiare i pop corn". Sono due anni che scriviamo che il problema di Benitez, uno dei tanti, era la scarsa preparazione atletica. Il Napoli lavorava poco e male. I tifosi del Napoli hanno questo grande pregio/difetto: quando c'è un proprio tesserato attaccato da un giornalista lo difendono alla morte. Su Benitez mi scrissero che ero anti-napoletano e dovevo tacere. Vi dico una cosa: a me quest'anno il Napoli piace, come progetto, e tiferò per gli azzurri. In passato tra Benitez e Bigon mi veniva da piangere e non ho tifato per quel Napoli. De Laurentiis adesso scopre gli altarini. "Finalmente vedo a Castelvolturno doppie sedute di allenamento e tanto sudore. Mancava dai tempi di Mazzarri". Lo ha detto il Presidente. Evviva! Benitez a Napoli era venuto in vacanza, non aveva fame (sportiva) per il resto aveva eccome fame e si era appoggiato a Bigon che senza il cognome che porta nel calcio non lo avrebbero fatto entrare neanche dalla porta d'emergenza. Benitez faceva lavorare pochissimo e i risultati si sono visti. W Giuntoli e W Sarri. Arrivare a Napoli senza raccomandazioni deve essere motivo d'orgoglio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.