VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Sorprese a gogo, classifica inedita. Tutta colpa (o merito) del mercato? E intanto salta la prima panchina (in B)

24.09.2015 19.55 di Luca Marchetti   articolo letto 94934 volte
© foto di Federico De Luca

E' il campionato delle sorprese, inutile negarlo. Balza agli occhi guardando la classifica. E non solo per l'Inter a punteggio pieno con la miglior difesa del campionato. Perché quello, in cuor loro lo speravano Mancini e Thohir (oltre ai tifosi nerazzurri) e vista la campagna acquisti che l'Inter potesse essere una candidata alla vittoria del campionato lo avevano pronosticato in molti. Almeno per lottare fino alla fine. L'Inter vince. E' solida, è anche fortunata. Ha giocatori in grado di portare dalla propria l'inerzia della gara. Quando Jovetic, quando Icardi, quando Melo. Mancini cerca il gioco e cerca la giocata. Ha rimesso a posto la difesa e messo centimetri in campo. E le vittorie aiutano a cementare il gruppo e far accrescere l'autostima. Esattamente il contrario di quello che sta succedendo alle altre grandi.
Perché a leggere la classifica le sorprese sono una dietro l'altra. La Fiorentina è seconda. Paulo Sousa aveva affascinato tutti durante il precampionato e sta passando l'esame anche delle partite ufficiali (Europa a parte). Momento magico, Kalinic se pensi a quanto lo hanno pagato ti stropicci gli occhi. Kuba Blaszczykowski è tornato al gol dopo due anni e due operazioni al crociato: magari è un segnale anche per Giuseppe Rossi, che a Firenze stanno aspettando a braccia aperte da tanto tempo.
Terzo è il Sassuolo. Una squadra che sembra un orologio: il lavoro di Di Francesco è eccezionale, tanto quanto la solidità della società. E i risultati non sono affatto figli del caso. Così come quelli del Torino e del Chievo, altre due splendide realtà. A Torino vendono ma rimangono in alto. Ventura è un maestro di calcio, Petrachi sembra aver scoperto il segreto che vorrebbero conoscere tutti i direttori sportivi: vendere senza indebolirsi anzi, trovare sempre nuove pepite. Cairo si frega le mani. Si sono scontrate in questo turno infrasettimanale, c'è stato l'aggancio. E pensate al calendario dei gialloblu ad inizio stagione: Lazio, Juve, Inter e Torino nelle prime cinque partite. Sono a 10 punti. Alzi la mano chi minimamente aveva pensato a un risultato del genere. Oppure chi avrebbe previsto che lassù, in zona Champions (sebbene siamo solo ad inizio campionato) ci fosse quella Samp così litigiosa e in crisi in precampionato e post Vojovodina. Sembrava che dovesse saltare tutto: da Zenga alla squadra con le cessioni paventate all'ultimo giorno. Rivincite, scommesse vinte, soddisfazioni tolte. In testa alla classifica c'è tutto questo. Sorprese ma a ben guardare neanche troppo. Forse le vere sorprese arrivano da dietro.
Arrivano da una Juve che allo Juventus Stadium ancora non ha vinto. Barzagli ha lanciato un allarme: "chi arriva alla Juve deve dimostrare di essere un giocatore da Juve". E' vero che sono andati via dei big: ma forse la rivoluzione in casa bianconera ha portato a una frenata imprevista. Il Frosinone ha fatto un'impresa letteralmente: il primo punto della sua storia in serie A l'ha preso contro chi in serie A ha vinto più di tutti. Con un gol di uno che a Berlino era in curva, a tifare Juve, con il bianconero dipinto in faccia: Leonardo Blanchard, il capitano della banda di Stellone. Alla Juve ora riflettono e parte sicuramente il processo al mercato, anche dopo le dichiarazioni di Barzagli. Di sicuro i nuovi arrivi non stanno rendendo come ci si aspettava e che sarebbe stata una stagione diversa, più difficile, si era detto dall'inizio. Ma tutti pensavano alla Roma, come principale antagonista. E invece anche la Roma sembra essersi piantata, impantanata. Rispettivamente -10 e -7 dalla testa della classifica, i giallorossi sotto la Lazio (almeno per questo turno) che sono stati fischiati alla lettura delle formazioni all'Olimpico. E' stato criticato Garcia per le scelte e le formazioni che ha fatto in queste ultime giornate. Ieri ha riproposto la Roma che è piaciuta di più, quella che ha battuto la Juve (eccezion fatta per il portiere): ma questo non è servito per tornare alla vittoria. Nonostante una prestazione soddisfacente ma troppo sprecona.
Le due grandi malate sono loro due: le regine degli ultimi anni in Italia. Chi doveva dominare, chi doveva guidare è dietro. Se troppo dietro ancora è presto per dirlo, ma la classifica di questa serie A non è mai stata così strana, così colorata, così variegata. Non è sempre e solo colpa del mercato: chi gira e chi non gira. Poi gli elementi (forti o scarsi che siano) devono essere messi insieme. E qui i particolari fanno la differenza. Ci vorrebbero 100 editoriali (o almeno uno per squadra!) per non essere banali e analizzare con serietà ogni situazione. Ma a me questo campionato diverte, soprattutto perché ritengo che sia la Roma che la Juve (oltre al Milan che ancora deve registrare alcuni movimenti, soprattutto difensivi, ma che sembra aver ritrovato una linea di galleggiamento) non siano affatto fuori.
Nel frattempo arriva, ma in serie B, la prima panchina che cambia. A Terni dopo un punto in 4 partite si dimette Toscano. Ma non si dimette per i risultati: lui stesso ha spiegato che non è riuscito a confrontarsi con la proprietà e quindi ha deciso di lasciare, vista la mancanza di fiducia e comunicazione. Gesto rarissimo nel calcio e nel mondo lavorativo in generale. Esce a testa alta e lascia ora la necessità di spiegare la propria posizione alla Ternana che nel frattempo sta cercando un sostituto: Breda in pole position, Gautieri stabile, Foscarini in discesa. Di Carlo ultima idea in casa rossoverde. Ma soprattutto la Ternana dovrà trovare subito serenità e tranquillità. Altrimenti la situazione degenera.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.