VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021

24.02.2017 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 41310 volte
Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021

Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un vertice fra Della Valle, Cognigni e Corvino, l’esonero di Sousa è nell’aria. Dare in pasto la testa dell’allenatore ai tifosi furibondi può essere una facile soluzione anche per scaricare le responsabilità, ma nel mirino di Firenze c’è la proprietà, non soltanto Sousa. Capiremo qualcosa di più oggi, dopo un ko così clamoroso qualcosa deve succedere.

Ma ora torna d’attualità anche il futuro di Kalinic. I cinesi del Tianjin non mollano, il mercato è aperto fino al 28 febbario e Cannavaro vuole a tutti i costi l’attaccante viola. Dopo il no di Bacca, un goleador serve più che mai, è probabile che alla fine i cinesi decidano di pagare la clausola da 50 milioni imposta dalla Fiorentina e provino ancora una volta a convincere Kalinic. Ora che la viola non ha più obiettivi e l’ano prossimo sarà fuori dll’Europa, potrebbe essere più facile ottenere l’ok del croato. L’offerta potrebbe salire a 15 milioni, vedremo se resisterà ancora. Anche qui la parola fine di questa lunga vicenda non è ancora scritta.

Resta un disastro vero, frutto di due anni di politica totalmente sbagliata dai Della Valle che hanno smesso di spendere, non hanno fatto mercato, portato a Firenze giocatori imbarazzanti e non cambiato Sousa l’estate scorsa per non pagare due allenatori. Sono anni che mancano un difensore centrale e un esterno di valore, neppure Corvino è riuscito a trovarne all’altezza. Roba da non credere, situazione incredibile a certi livelli. Un fallimento.

E’ fallita anche la stagione di Ranieri. Dopo la storica Premier, il trionfo, la glorificazione, la storia, il Leicester rischia la retrocessione. I meriti di Ranieri restano, quella stagione ha segnato la centenaria storia del pallone, ma il suo calcio vecchio non poteva durare a lungo. L’anno scorso ha vinto con il contropiede, sorprendendo tutti. Ha sfruttato una stagione magica di alcuni giocatori e un modo di giocare inusuale per la Premier. E’ stato grande nel motivare. Ma quando non c’è cultura calcistica allargata, quando i valori sono modesti, i sogni svaniscono in fretta e torna la dura realtà. Dalla gloria è tornato Tinkerman, il pasticcione come lo chiamano gli inglesi, di sempre.

Rimanendo in Premier, per un italiano che va, presto ne arriverà un altro. Parlo di Allegri. Straordinaria la sua Juve, bellissima l’impresa con il Porto, il nuovo modulo funziona (alleluja), ma neppure l’eventuale vittoria in Champions potrà fermare Allegri. Ha deciso di chiudere il ciclo bianconero, difficile fare meglio. Da cosa si capisce? Anche da tutte le reazioni dei giocatori contro l’allenatore, l’ultima di una lunga serie quella di Bonucci. Come mai tutti si permettono certe licenze? Perché hanno capito che Allegri andrà via, l’anno prossimo ci sarà un altro in panchina e certi rapporti difficili non ha più senso nasconderli. Il calcio è strano, mi lascio un margine di dubbio, ma la vicenda sembra chiara. Come chiaro l’ermetismo di Spalletti. In attesa la Juve continua nei suoi programmi futuri. L’obiettivo ora è blindare Dybala. Il suo procuratore Triulzi è in Italia, la firma sul nuovo contratto potrebbe arrivare nel week end. Sette milioni al giocatore fino al 2021. Un modo per ancorare l’argentino alla Juve e per avere più voce in capitolo sul suo futuro. Con una certezza: il Real non molla. Il presidente Perez vuole assolutamente l’argentino, pronta un’offerta da sballo con mega-ingaggio per il ragazzo. Questo nuovo contratto, comunque, potrà consentire alla Juve di chiedere a Dybala di restare almeno un altro anno come successo con Pogba. Un bel braccio di ferro. Simile a quello che si sta profilando all’orizzonte con l’Inter per Verratti. La Juve pensa di essere in vantaggio per i buonissimi rapporti con il procuratore Di Campli, non a caso i bianconeri hanno pagato dieci milioni per Orsolini dell’Ascoli, stessa parrocchia. Quelli di Suning, invece, vogliono fare subito una grande Inter, ritengono Verratti fondamentale e il signor Zhang ha pronto un assegno da cento milioni di euro per il Psg. Sarà il tormentone del prossimo mercato….

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.