HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Su Mazzarri l'ombra di Seedorf. Il fattore I: Inzaghi, Iturbe...Ok Kakà, ma Balo resta. De Jong, cotto e mangiato. Darmian, Pirlo, Tevez: cara Juve, e Ancelotti?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
21.06.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 48939 volte

Ci sono traiettorie che il destino del calcio disegna ancor prima che le persone le vivano e le compiano realmente. E a scanso di voraci equivoci legali, Clarence Seedorf non ha compiuto nessun passo verso l'Inter e vive la sua condizione di grande personaggio del calcio, nel rispetto delle decisioni comunicate nei giorni scorsi dal Milan. Ma la strada di Leonardo sembra tracciata. Inesorabile, quasi inevitabile. Il rapporto fra l'Inter e Walter Mazzarri non appare epocale. La stima di cui Clarence gode, a trecentosessanta gradi, nel mondo del calcio, riguarda anche l'icona nerazzurra Zanetti. Sembra scritto. Alle prime difficoltà dell'Inter mazzarriana prossima ventura, il primo nome mediatico che verrà scolpito sulle prime pagine nerazzurre per il grande cambio sarà proprio quello di Clarence. E nessuno potrà farci nulla.

Quello che sta convincendo Silvio Berlusconi e Adriano Galliani non è un entusiasmo fumoso e fine a sé stesso. No, Filippo Inzaghi sta spingendo forte per le sue idee e, in generale, ma soprattutto oggi, per convincere qualcuno a spendere dei soldi devi dimostrare di credere in quello che dici. Inzaghi ha un entusiasmo che trascina: ha più spinta anche dello stesso Allegri nelle richieste alla proprietà e alla dirigenza, non deve scontare noviziati, è una bandiera del Milan da una vita e il presidente e l'ad gli vogliono bene anche sul piano umano. Il presidente Berlusconi e Galliani oggi sono convinti di quello che chiede Pippo. Ed è per questo che se c'è da fare un mezzo sacrificio economico, potrebbe anche esser fatto. Ad oggi Iturbe, non a caso, è l'unico giocatore su cui, per altissima disposizione rossonera, si può spendere "qualche" soldo. Prima però bisogna sistemare almeno tre-quattro fra i sei-sette attaccanti in esubero al Milan. E fare qualcosa a centrocampo, perché il Milan a fari spenti vuol fare qualcosa a centrocampo. Non Banega, l'argentino è più trequartista. Il Milan ha bisogno di un regista.

Riccardino va bene così, qualunque cosa sia, se è quello che vuoi. Kakà in questa vicenda sta dimostrando grande rispetto nei confronti del Milan. Se è vero quanto sostiene Orlando nel suo comunicato ufficiale, e nessuno lo mette in dubbio, Kakà sa perfettamente di non poter vivere una stagione a mezzo servizio fin dai primi passi, in un Club mediatico come il Milan. Non può guardare negli occhi i suoi tifosi alla prima giornata di Campionato, sapendo che all'inizio del girone di ritorno ci sarà il saluto finale. E quindi sta lavorando e scegliendo di conseguenza. Caro grande Ricky, l'uomo vero di Madrid, l'uomo vero del post Milan-Genoa e del post Milan-Parma non cambierà mai. E Balo? No, al Milan spiace davvero cedere Balotelli. L'orientamento è quello di tenerlo, aggiungendogli ritmo ed esplosività alle spalle.

Nigel De Jong è stato usato due volte. All'inizio per mettere in croce il solito Galliani: passaggi brevi, poca illuminazione, altro acquisto sbagliato. Del resto a centrocampo, se non sono nati appena sotto la linea Gotica sono tutti da buttare. Poi quando si sono accorti, con calma, che è un ottimo giocatore, lo hanno usato per giocare ai soldatini e agli indiani. Il serissimo Nigel non si è prestato però a giochetti e strumentalizzazioni ed è persona tutta d'un pezzo. Io al Milan sto bene e voglio restare al Milan. Un modo evoluto, chiaro, senza fronzoli di comunicare. Poi si vedrà, ma intanto lo ha detto. Passato inosservato? Meglio così. Quando ne azzeccheranno una, senza fare confusione fra Consiglio d'amministrazione e Assemblea dei soci e senza leggere in maniera stramba l'elenco effettivo dello staff tecnico di Inzaghi, non sarà mai troppo tardi.

E' un po' di tempo che i tifosi juventini assaltano le postazioni mail delle trasmissioni per dare lezioni al Milan, a Galliani e ai milanisti tutti. Ci avete dato Pirlo ah ah ah, e in effetti la sindrome di Andrea sofferta per dieci anni dai tifosi interisti nel vederlo con la maglia del Milan, la stanno patendo da tre anni i tifosi rossoneri. Vi abbiamo preso Tevez ah ah ah, per la verità Galliani l'aveva detto chiaro che senza la cessione di Robinho il Milan si chiamava fuori dalla trattativa Tevez, ma hanno deciso di non ascoltarlo. Adesso Darmian, con tutti gli annessi e connessi. Benissimo così, ci sta tutto e nessuno si piange addosso, ma così come ad esempio Pirlo è stato scoperto a 32 anni nei salotti televisivi che contano (eppure da milanista le cose migliori della sua vita in Nazionale, le aveva fatte nel Mondiale 2006 in Germania...), ci permettiamo per una volta di ribattere. Scusate cari amici juventini, ma Carlo Ancelotti? Sì, Carlo Ancelotti! Ci avevate detto in tutte le salse, in quelle più crude che non sapeva allenare e in quelle meno amare che era un allenatore perdente per i due secondi posti del 2000 e del 2001. Oggi invece Carlo Ancelotti ha nel suo palmares personale più Coppe dei Campioni, 3, di tutte quelle vinte dalla Juventus nella sua comunque prestigiosissima storia, 2. Ne vogliamo parlare, anche nei salotti televisivi che ogni giorno, come capiamo peraltro perfettamente, si tengono buoni milioni di tifosi juventini? Il calcio va discusso tutto, non a spizzichi e bocconi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.