HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Svolta Prandelli: il C.T. ha scelto il Tottenham per il dopo Italia. Conte, su Capello fai il gioco dei "nemici". Milan, Barbara va messa nelle condizioni di lavorare. Squinzi, questo è il Sassuolo?

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
17.02.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42554 volte
Svolta Prandelli: il C.T. ha scelto il Tottenham per il dopo Italia. Conte, su Capello fai il gioco dei "nemici". Milan, Barbara va messa nelle condizioni di lavorare. Squinzi, questo è il Sassuolo?

Il Presidente della Figc, Abete, ci ha promesso da tempo che a marzo svelerà il futuro di Cesare Prandelli. C'è chi scommette che alla fine resterà in azzurro - noi ci crediamo poco - e chi andrà ad allenare in Russia. Di sicuro non c'è posto, per Prandelli, in Italia. Conte resta alla Juve nonostante le lusinghe europee, Seedorf guiderà il Milan, Benitez il Napoli, Garcia la Roma e Mazzarri l'Inter. Quindi sarà un estate tranquilla, almeno per i cambi in panchina. Prandelli avrebbe sciolto, nelle ultime settimane, le riserve. Il C.T. dell'Italia è ad un passo dall'accordo con il Tottenham che vuole rendere sempre più made in Italy la squadra e avrebbe individuato in Prandelli l'uomo giusto per proseguire questo percorso appena iniziato. La notizia potrebbe sembrare clamorosa ma negli ambienti vicini a Via Allegri, ormai, la danno per cosa fatta. A breve ci sarà un incontro tra Abete e Prandelli e in quella riunione dovrebbe esserci l'addio. Tutti in Brasile e poi ognuno per la propria strada. L'ex allenatore della Fiorentina ha aspettato la Juventus ma per lui non c'è posto a Vinovo. Conte si tiene stretta la panchina bianconera e, visti i risultati, fa anche bene. A proposito di Conte. Sembrerebbe che questa volta sia caduto nella rete dei provocatori. "Capello, alla Juve, viene ricordato solo per gli scudetti revocati". Bene, questa frase non è stata il massimo per chi ha il dna bianconero. I tifosi stanno facendo una battaglia, dal 2006, per avere ciò che gli appartiene e se Conte rilascia queste dichiarazioni sembra voglia alimentare le giustificazioni strambalate di chi diceva che la Juventus in quegli anni non era la più forte. Se la Juve di Capello viene ricordata per gli scudetti revocati la colpa non è certo di Capello che con quello squadrone ha stravinto i campionati italiani. Capello ha sbagliato a mettere il naso nello spogliatoio di Conte ma Conte ha sbagliato nella risposta al C.T. della Russia che, per onore e rispetto, resta il miglior allenatore italiano al Mondo. Se il calcio italiano va a rotoli è anche perchè i guru del nostro campionato, Capello, Lippi, Spalletti e Mancini non fanno più parte del giro. Al Milan c'è un neo-patentato e all'Inter c'è stato un allenatore che, dopo aver allenato i nerazzurri, non è stato cercato neanche dal Sassuolo e dal Livorno. Rifletteteci. Due paroline sul Milan. Mi chiedono perchè ce l'ho con i rossoneri. Chi è cresciuto con Galli- Tassotti-Baresi-Costacurta-Maldini-Donadoni- Evani- Rijkaard- Ancelotti- Gullit e Van Basten non può tollerare questo Milan senza anima, calciatori e fama. D'accordo i soldi non ci sono ma proprio quando ci sono le difficoltà emergono i grandi Direttori. I tifosi non possono offendersi che qualcuno parli male del Milan, sono loro i primi a non dover tollerare questa fase epocale; ci si augura più transitoria possibile. Uno spiraglio c'è. Far lavorare Barbara Berlusconi. Ieri era la "figlia di" oggi Lady Milanello. Si sta muovendo bene. Fa visita alla squadra nei momenti opportuni, prende le decisioni e non nasconde la polvere sotto il tappeto, incontra Infront per parlare del nuovo stadio e ha idee innovative. Va fatta lavorare, bisogna concederle del tempo ed è la prima persona che ha come unico interesse il bene del Milan. Del Milan e non personale. Barbara è giovane, in un Paese di vecchi che però da Renzi alla nuova Berlusconi, dà segnali di freschezza. C'era una volta la nuova Repubblica, stai a vedere che questa volta è quella giusta. Finiscono le epoche e sono in pochi a capire quando è giunto il momento di andare in pensione. Tutto ha un inizio e tutto una fine, il problema è chi crede che tutto abbia un fine. Barbara ci piace, la sosteniamo perchè al Milan sta portando una ventata di aria nuova. Brava Barbara, apri tutte le finestre. Sarà complicato per lei chiudere alcune porte ma anche, in sede di calciomercato, potrà solo portare dei benefici al club di famiglia. Ad esempio, la Berlusconi ha già indagato sul fiume di procure nei vari trasferimenti dei calciatori?
Ultimo pensiero dedicato al Sassuolo: Squinzi ha il compito di cambiare l'economia dell'Italia ma non riesce a cambiare il trend della sua squadra di calcio. Il cambio dell'allenatore non ha dato la scossa che qualcuno si aspettava (due giornate e richiamano Di Francesco), non ha una bozza di progetto per la serie A del Sassuolo e ha comprato una società per dire grazie alla città che lo ha accolto con le sue attività ma "obbliga" i tifosi del Sassuolo ad andare tutte le sante domeniche a Reggio Emilia. La situazione in classifica è critica, i suoi Direttori hanno confuso l'inverno con l'estate e le operazioni più importanti le hanno fatte a gennaio. Ma non meravigliamoci più di nulla perchè se scendiamo di categoria vediamo i bilanci in rosso delle società di serie B. Sapete ogni club di B, in media, quanto perde all'anno? 2 milioni di euro. Bene, adesso moltiplicate per 22. Alla prossima...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.