HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Tevez come Boateng: ma Pirlo e Llorente soffrono. Milan, Suso per giugno. Niente Matri e Babacar: resta Pazzini. Benitez: sembra lontano da Napoli. Zamparini: Iachini-Vazquez come Zenga-Pastore

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
01.11.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 25884 volte
Tevez come Boateng: ma Pirlo e Llorente soffrono. Milan, Suso per giugno. Niente Matri e Babacar: resta Pazzini. Benitez: sembra lontano da Napoli. Zamparini: Iachini-Vazquez come Zenga-Pastore

Ci sta tutto. Massimiliano Allegri ha vinto 1 Scudetto in carriera e avendo centrato l'obiettivo con un atipico nel ruolo di trequartista, Kevin Prince Boateng al Milan, non stupisce che sia ripartito per centrare la stessa conquista con una mossa analoga: Calitos Tevez in quel ruolo, tra le linee avversarie. La novità è servita all'inizio, ma sembra aver il fiato corto e sembra togliere più che dare alle partite della Juventus. Tevez ha segnato e portato punti, che in classifica ci sono e valgono comunque il primo posto per via dello scontro diretto. Ma il fiato sembra corto. La Juventus di Antonio Conte sfiancava le squadre allargandole e arrivando sul fondo con gli esterni innescati da Pirlo. La Juventus di Massimiliano Allegri le punzecchia centralmente proprio all'altezza del loro ombelico. Ma è un gioco più complicato, al quale Pirlo partecipa relativamente perché il pallino della manovra, quando le cose si fan serie là davanti, non è più suo ma di Tevez. E a cascata ne patisce anche Llorente, per il quale dalle fasce non arriva più nulla e il suo diventa il gioco del povero Stefano Chiodi nel Milan della Stella del buon Barone Liedholm: portare la croce e aprire gli spazi. A quel punto se la scelte continua ad essere quella di Tevez nelle stesse zolle di Boateng e se il rischio è quello di perdere palla nelle zone centrali del campo, potrebbe essere Marchisio il centrale di centrocampo ideale come lo fu Van Bommel nel Milan dell'Allegri scudettato. E Morata potrebbe, almeno nelle funzioni (carisma e doti non sono comparabili), fare l'Ibra, allargandosi e togliendo altri riferimenti alle difese avversarie. In sintesi, quello con Pirlo non è né un problema caratteriale né di pregressi milanisti. Ma di visione del calcio e di impostazione della squadra.

Casa Milan: l'ottimismo per Suso cresce in maniera costante nel tempo. Ma non per Gennaio, bensì per Giugno. Nomi come Vangioni o altri sudamericani non trovano alcun tipo di conferma. Quello che è decisivo nel Milan di oggi è l'asse Berlusconi-Inzaghi. Il presidente è tornato a capofitto nel Milan, conquistato dalla buona fede e dal buon senso di Filippo Inzaghi. Che avrebbe potuto essere l'allenatore del Milan già da Febbraio, sempre e solo per unica decisione presidenziale, ma che ha avuto la fortuna e la possibilità di iniziare a lavorare a fondo sulla squadra dopo che le contraddizioni delle ultime stagioni erano state azzerate, e cioè dal mese di Luglio in poi. Silvio Berlusconi sogna di dare l'assalto a Juventus e Roma, nutre nei confronti di Filippo Inzaghi un affetto quasi filiale, vuol fare di tutto per riportare il Milan in una Finale di Champions League come quella squadra del 2007 la cui foto gigante troneggia nei corridoi buoni di Milanello. Non è semplice, ma il presidente si fida molto del nuovo corso e sente questa stagione molto sua, con tutta l'adrenalina che ne consegue. Non solo sul piano tecnico: al fianco di Barbara, è sceso in campo con entusiasmo, come non accadeva da illo tempore, per potenziare i contenuti e la mediaticità dell'area commerciale. La bravura di sua figlia nella realizzazione di Casa Milan gli ha conferito ulteriore slancio anche al di fuori del rettangolo di gioco di cui parla abitualmente con Inzaghi e giocatori.

Nelle stesse ore sono uscite due indiscrezioni riguardanti lo stesso ruolo e gli stessi giocatori. Qui Genova: Matri torna al Milan e Pazzini torna a Genova sponda blucerchiata. Qui Firenze: Babacar oggetto del desiderio, fra Fiorentina e Milan possibile uno scambio con lui o con un centrocampista (ai rossoneri piace molto Aquilani) sempre per Pazzini. Tutto rispettabile. Tutto doveroso, quando si tratta di seguire una pista o uno scenario, mancherebbe altro. Ma l'esperienza insegna che quando su uno stesso giocatore si scatenano le ipotesi più disparate e le più diverse fra loro, significa che alla fine non accadrà nulla. Pazzini ha una voglia "pazza" di giocare e il suo obiettivo è uno e uno solo: il rinnovo del contratto con il Milan a fine stagione. E' per questa posta in palio che si sta battendo. E proprio adesso che sta tornando Montolivo, che sa come lanciarlo, a Pazzini non passa nemmeno per l'anticamera del cervello l'idea di lasciare il Milan. Nello spogliatoio di Milanello è stimato e rispettato, dai tifosi del Milan è amato e seguito.

Visto da fuori è strano l'effetto che suscita il Rafa Benitez 2014-2015. C'è, è professionale, è presente fisicamente. Ma i suoi pensieri sembrano lontani, a pendolo, vanno e vengono. Come la spina del Napoli, che si stacca e si attacca a intervalli regolari. Sia fra una partita e l'altra che fra una fase e l'altra della stessa partita. Il Napoli non è ancora tornato da Bilbao. L'episodio dei giocatori rientrati da Berna il giorno successivo è abbastanza emblematico, anche se va concessa l'attenuante di una serata concitata e deludente. Benitez è impegnato a rispettare professionalmente il contratto, ma l'anima sembra in sede vacante. Mi fido o non mi fido. Il Napoli torna a investire o non torna. Il futuro c'è o non c'è. Sono sospesi i pensieri di Rafa e con loro anche i buoni propositi del Napoli di trovare finalmente continuità e passo.

Anni addietro il presidente Zamparini aveva "puntato" Walter Zenga perché non riusciva a far rendere al meglio il giocatorino, e aveva ragione nell'adorarlo, che aveva trovato in Argentina: Javier Pastore. Troppo tattico, troppo ruvido, questo allenatore, Pastore deve giocare sempre. Era il pensiero che spesso il numero uno del Palermo girava ad amici e interlocutori vari. Lo scenario sembra scolpito apposta per essere accostato alla vicenda odierna fra Beppe Iachini e Franco Vazquez. Il presidente va capito: su un colpo come Pastore o potenzialmente come Vazquez può costruire la tranquillità economica della sua società per diversi anni. Ma anche Iachini va capito, il suo Palermo lotta per salvarsi e non ha più la qualità delle stagioni precedenti, per cui soprattutto lui, più che il Walter Zenga delle stagioni precedenti, deve fare di necessità virtù.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.