VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Thohir: 4 colpi in 4 giorni, ma non tutti per Mazzarri (Vucinic? Clamoroso...). E l'insider Inter ci racconta la verità su quel che accade in società. Milan: un ballottaggio per il difensore. E tra Seedorf e Galliani... Roma, altre due perle

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
28.01.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 89253 volte
© foto di Federico De Luca

Il "ripianatore" Erick Thohir ieri l'altro s'è fatto vivo. Pensa te. Ha visto una bella partita, friccicarella, Inter-Catania 0-0, sfida con meno valori tecnico-tattici della scapoli-ammogliati di fantozziana memoria. In quella, almeno, Calboni realizzava un gran gol con addosso un'attilattissima maglietta del Milan. E Filini era un grande arbitro. Peccato il campo impraticabile.
L'Inter al contrario combina niente, sta a guardare, ascolta le reprimenda dei tifosi ma non reagisce e si affida a Erick, l'uomo dei comunicati infiniti e delle supercazzole intercontinentali. Ieri è stato il giorno della mega riunione galattica: lunga, estenuante. Si è parlato di mercato, di trattative da realizzare in qualche modo, di D'Ambrosio, di bilanci, e di Vucinic ovviamente. C'era il sciur Fassone, ex dipendente "extra-campo" di Juventus e Napoli, ora all'Inter a far mercato. Solo che prima si occupava di altro, di marketing, ora invece è stato messo lì a parlar di terzini e centravanti. Come se il sottoscritto domani si improvvisasse parrucchiere di "Sgianluìdavid": le forbici le so anche tenere in mano, ma magari ti trancio la giugulare.
Ecco, vi diciamo quello che fonti assai fidate c'hanno confidato dall'interno del club. Per un non meglio precisato motivo, Fassone è stato indicato come unico referente del presidente indonesiano. Branca e Ausilio? Eseguono gli ordini, ma non hanno diritto di prendere alcuna iniziativa personale. Possiamo dirvi che da quando si è insediata la nuova proprietà, l'attuale direttore dell'area tecnica ha parlato col presidente la miseria di tre volte e che a suo tempo è stato presentato "come unico responsabile della decadenza nerazzurra post-triplete". Mazzarri? Le sue richieste vengono ascoltate, ma la regola imprescindibile imposta agli operatori di mercato è sempre la stessa: "Non si compra se non si vende".
E allora D'Ambrosio arriverà col grano recuperato dal prestito di Pereira, mentre per Vucinic è arrivato il nuovo stop. Fine della trattativa e delle trasmissioni sul mercato Inter: nonostante la volontà di due club e di due giocatori, l'affare non va in porto. Si cercherà una soluzione last second, anche perché nel frattempo Osvaldo si è accasato al West Ham. Il tempo scorre in fretta. A centrocampo l'ultima idea si chiama Banega; in attacco dopo la presunta lite (poi smentita), i dirigenti nerazzurri pensano allo scambione Dj Francesco-Balotelli con conguaglio a favore di Signorini.
Pirlate a parte, siamo a una settimana abbondante dall'esplosione del bubbone di mercato più grosso della storia recente. E tra l'altro è il 28 gennaio, e fra tre giorni la serranda s'abbassa, e al momento l'Inter non solo non si è rinforzata, si è addirittura indebolita visto che il colombiano fa la calzetta in tribuna e che Belfodil è a un passo dal Qpr.
Robe da matti, e il paradosso è che il re della comunicazione per sua stessa ammissione (Thohir) è vittima di un clamoroso errore... di comunicazione. Vuoi Vucinic e soprattutto lo vuole Mazzarri? "Mostralo" al tuo pubblico, fallo sembrare più bello di quel che è, spiega che hai le idee chiare, che farai questa operazione con la convinzione che sarà un bene per l'Inter, che metterai sul piatto Guarin e che sai quello che fai, racconta delle balle con la certezza che al primo gol del montenegrino i tifosi seppelliranno l'ascia di guerra. Soprattutto, mettici la faccia, porca miseria.
E invece no: all'Inter si cerca il colpo sottobanco senza essere troppo convinti di quel che si fa, si rimane interdetti di fronte alla contestazione della piazza, si blocca l'operazione salvo poi cambiare idea a mercato praticamente chiuso. Un doppio errore clamoroso perché: o vai per la tua strada da subito (opzione consigliata), o quantomeno non torni sui tuoi passi sette giorni dopo. Questione di credibilità.

Per dire, Seedorf. Non sappiamo se l'olandese diventerà un allenatore con la A maiuscola, sappiamo che di sicuro ha idee chiarissime e discreta dose di culone che non fa mai male. Ha imposto al Milan il "modulo presidenziale" ben sapendo di rischiare molto. Se ne frega se l'ambiente dice "non lo fare, pazzo culone!", se non ha gli interpreti per giocare all'arrembaggio, se il rischio è quello di vedere il campione del mondo Amelia in imbarazzo perché vorrebbe sparare la palla in tribuna tipo rugby ma deve rispettare le consegne ("il pallone non si butta mai"). Seedorf se ne frega di tutto e tutti perché ha un obiettivo da perseguire prima di ogni altro: far credere ai giocatori del Milan di essere giocatori "da Milan".
In più lavora anche fuori dal campo, con la certezza che c'è chi lo ascolta (il Berlusca nel caso specifico). E allora arriva Essien (per la verità già sondato a suo tempo da Galliani), forse arriverà pure Paletta, difensore ipervaluato ma certamente valido. Patron Ghirardi l'ha bloccato a parole, nel caso si tenterebbe in extremis per il vecchio pallino Vidic. Per la porta si corteggia Agazzi, in ballottaggio con Marchetti ma solo a giugno. Curioso infine il siparietto dell'altro giorno. Galliani: "Il mercato è chiuso". Seedorf: "Mi aspetto ancora qualcosa dal mercato". Secondo voi chi vincerà?

Chiusura sulle duellanti per lo scudetto. Intanto i "soliti" complimenti a Sabatini. Walter, sia chiaro, qui non siamo dell'altra sponda, ma tu sei un fenomeno anche se fumi come un turco alla sagra del tabacco: Sanabria, attaccante classe 1996, arriva dal Barcellona e sarà prestato al Sassuolo; con lui un turco vero, Ucan, regista classe 1994 del Fenerbahce. Come dire: il mercato estivo si fa a gennaio, quello di gennaio si imposta a dicembre, mica a carnevale con la trombetta e i coriandoli nelle mutande.
La Roma, insomma, non lascia nulla di intentato, anche se sa di avere a che fare con la Juve bestiale di sabato sera, capace di un secondo tempo incredibile e illuminata dalla gag del secolo in conferenza stampa: Conte prende pause che neanche Celentano ai bei tempi e nel giorno del compleanno dell'illuminato Josè prova a raccoglierne l'eredità. Forse era arrabbiato per la fuga cinese di Biabiany, forse per le birichinate di Super Gigi Buffon, forse perché ha saputo che Thohir domenica non sarà allo stadio e avrebbe tanto voluto stringergli la mano.
Che poi, Thohir: c'è Juve-Inter e tu te ne torni a casa? Ma dico io, allora te le cerchi... (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.