HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Thohir: 4 colpi in 4 giorni, ma non tutti per Mazzarri (Vucinic? Clamoroso...). E l'insider Inter ci racconta la verità su quel che accade in società. Milan: un ballottaggio per il difensore. E tra Seedorf e Galliani... Roma, altre due perle

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
28.01.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:   articolo letto 89248 volte
© foto di Federico De Luca

Il "ripianatore" Erick Thohir ieri l'altro s'è fatto vivo. Pensa te. Ha visto una bella partita, friccicarella, Inter-Catania 0-0, sfida con meno valori tecnico-tattici della scapoli-ammogliati di fantozziana memoria. In quella, almeno, Calboni realizzava un gran gol con addosso un'attilattissima maglietta del Milan. E Filini era un grande arbitro. Peccato il campo impraticabile.
L'Inter al contrario combina niente, sta a guardare, ascolta le reprimenda dei tifosi ma non reagisce e si affida a Erick, l'uomo dei comunicati infiniti e delle supercazzole intercontinentali. Ieri è stato il giorno della mega riunione galattica: lunga, estenuante. Si è parlato di mercato, di trattative da realizzare in qualche modo, di D'Ambrosio, di bilanci, e di Vucinic ovviamente. C'era il sciur Fassone, ex dipendente "extra-campo" di Juventus e Napoli, ora all'Inter a far mercato. Solo che prima si occupava di altro, di marketing, ora invece è stato messo lì a parlar di terzini e centravanti. Come se il sottoscritto domani si improvvisasse parrucchiere di "Sgianluìdavid": le forbici le so anche tenere in mano, ma magari ti trancio la giugulare.
Ecco, vi diciamo quello che fonti assai fidate c'hanno confidato dall'interno del club. Per un non meglio precisato motivo, Fassone è stato indicato come unico referente del presidente indonesiano. Branca e Ausilio? Eseguono gli ordini, ma non hanno diritto di prendere alcuna iniziativa personale. Possiamo dirvi che da quando si è insediata la nuova proprietà, l'attuale direttore dell'area tecnica ha parlato col presidente la miseria di tre volte e che a suo tempo è stato presentato "come unico responsabile della decadenza nerazzurra post-triplete". Mazzarri? Le sue richieste vengono ascoltate, ma la regola imprescindibile imposta agli operatori di mercato è sempre la stessa: "Non si compra se non si vende".
E allora D'Ambrosio arriverà col grano recuperato dal prestito di Pereira, mentre per Vucinic è arrivato il nuovo stop. Fine della trattativa e delle trasmissioni sul mercato Inter: nonostante la volontà di due club e di due giocatori, l'affare non va in porto. Si cercherà una soluzione last second, anche perché nel frattempo Osvaldo si è accasato al West Ham. Il tempo scorre in fretta. A centrocampo l'ultima idea si chiama Banega; in attacco dopo la presunta lite (poi smentita), i dirigenti nerazzurri pensano allo scambione Dj Francesco-Balotelli con conguaglio a favore di Signorini.
Pirlate a parte, siamo a una settimana abbondante dall'esplosione del bubbone di mercato più grosso della storia recente. E tra l'altro è il 28 gennaio, e fra tre giorni la serranda s'abbassa, e al momento l'Inter non solo non si è rinforzata, si è addirittura indebolita visto che il colombiano fa la calzetta in tribuna e che Belfodil è a un passo dal Qpr.
Robe da matti, e il paradosso è che il re della comunicazione per sua stessa ammissione (Thohir) è vittima di un clamoroso errore... di comunicazione. Vuoi Vucinic e soprattutto lo vuole Mazzarri? "Mostralo" al tuo pubblico, fallo sembrare più bello di quel che è, spiega che hai le idee chiare, che farai questa operazione con la convinzione che sarà un bene per l'Inter, che metterai sul piatto Guarin e che sai quello che fai, racconta delle balle con la certezza che al primo gol del montenegrino i tifosi seppelliranno l'ascia di guerra. Soprattutto, mettici la faccia, porca miseria.
E invece no: all'Inter si cerca il colpo sottobanco senza essere troppo convinti di quel che si fa, si rimane interdetti di fronte alla contestazione della piazza, si blocca l'operazione salvo poi cambiare idea a mercato praticamente chiuso. Un doppio errore clamoroso perché: o vai per la tua strada da subito (opzione consigliata), o quantomeno non torni sui tuoi passi sette giorni dopo. Questione di credibilità.

Per dire, Seedorf. Non sappiamo se l'olandese diventerà un allenatore con la A maiuscola, sappiamo che di sicuro ha idee chiarissime e discreta dose di culone che non fa mai male. Ha imposto al Milan il "modulo presidenziale" ben sapendo di rischiare molto. Se ne frega se l'ambiente dice "non lo fare, pazzo culone!", se non ha gli interpreti per giocare all'arrembaggio, se il rischio è quello di vedere il campione del mondo Amelia in imbarazzo perché vorrebbe sparare la palla in tribuna tipo rugby ma deve rispettare le consegne ("il pallone non si butta mai"). Seedorf se ne frega di tutto e tutti perché ha un obiettivo da perseguire prima di ogni altro: far credere ai giocatori del Milan di essere giocatori "da Milan".
In più lavora anche fuori dal campo, con la certezza che c'è chi lo ascolta (il Berlusca nel caso specifico). E allora arriva Essien (per la verità già sondato a suo tempo da Galliani), forse arriverà pure Paletta, difensore ipervaluato ma certamente valido. Patron Ghirardi l'ha bloccato a parole, nel caso si tenterebbe in extremis per il vecchio pallino Vidic. Per la porta si corteggia Agazzi, in ballottaggio con Marchetti ma solo a giugno. Curioso infine il siparietto dell'altro giorno. Galliani: "Il mercato è chiuso". Seedorf: "Mi aspetto ancora qualcosa dal mercato". Secondo voi chi vincerà?

Chiusura sulle duellanti per lo scudetto. Intanto i "soliti" complimenti a Sabatini. Walter, sia chiaro, qui non siamo dell'altra sponda, ma tu sei un fenomeno anche se fumi come un turco alla sagra del tabacco: Sanabria, attaccante classe 1996, arriva dal Barcellona e sarà prestato al Sassuolo; con lui un turco vero, Ucan, regista classe 1994 del Fenerbahce. Come dire: il mercato estivo si fa a gennaio, quello di gennaio si imposta a dicembre, mica a carnevale con la trombetta e i coriandoli nelle mutande.
La Roma, insomma, non lascia nulla di intentato, anche se sa di avere a che fare con la Juve bestiale di sabato sera, capace di un secondo tempo incredibile e illuminata dalla gag del secolo in conferenza stampa: Conte prende pause che neanche Celentano ai bei tempi e nel giorno del compleanno dell'illuminato Josè prova a raccoglierne l'eredità. Forse era arrabbiato per la fuga cinese di Biabiany, forse per le birichinate di Super Gigi Buffon, forse perché ha saputo che Thohir domenica non sarà allo stadio e avrebbe tanto voluto stringergli la mano.
Che poi, Thohir: c'è Juve-Inter e tu te ne torni a casa? Ma dico io, allora te le cerchi... (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.