HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Tifosi milanisti: Kakà sa tutto. Prandelli: El Shaarawy c'è! Balo: Frey "perdonato". Mazzarri: contatto Mancini. Juventus: Hummels come Barzagli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.04.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 40732 volte

A Settembre i soliti illuminati, quelli che per non saper né leggere né scrivere ti appendono al muro una sentenza al giorno, avevano accusato il solito Milan della solita sceneggiata. Kakà finito, la logica dei sentimenti e della nostalgia giocata al posto di un mercato funzionale. Bene, grazie per la lezione. Ma le cose non sono andate proprio così. Il "finito" è stato determinante fuori dal campo e continuo e positivo in campo e oggi la sola idea che il suo contratto biennale possa avere una conclusione traumatica e non naturale, entra nella vita dei milanisti come una lama. Qualche minuto di sonno in meno, qualche lacrimuccia in più. Bene, Kakà sa tutto. Conosce tutto questo e non ha alcuna intenzione, anzi è il contrario, di far soffrire i tifosi milanisti. Dunque, speriamo bene. Sperare si può, davvero. Il 2015 può attendere. In ogni caso la clausola del suo contratto esiste, e quando è così se ne parla. Delle "altre" di altri giocatori, inesistenti, abbiamo già scritto. Ma nessuna questione personale. La verità va detta per dare merito a chi ce l'ha. In questo caso, Seedorf. L'allenatore del Milan è stato giocatore fino a pochi mesi fa e vive e lavora per la tutela e la dignità dei giocatori, da sempre. Con Taarabt è stato fine psicologo, molto raffinato. Ha capito che lui, mai impiegato in tutta la sua carriera in Champions League, era veramente distrutto per l'eliminazione di Madrid per l'importanza che aveva dato alla gara, e gli ha consentito di rifiatare fisicamente e soprattutto psicologicamente contro Parma e Lazio. Taarabt è tornato molto bene contro Fiorentina e Chievo. Zero clausole, piuttosto un punto pesante a favore di Seedorf. Verificato, firmato e sottoscritto.

Due anni fa Antonio Cassano tornò in campo il sabato di Pasqua in Milan-Fiorentina e poi fece un ottimo Europeo. Stephan El Shaarawy potrebbe tornare il sabato di Pasqua contro il Livorno e magari fare un buon Mondiale. Ci permettiamo di segnalare, da questo nostro piccolo angolo di comunicazione, al Ct azzurro che Stephan ha una voglia spaventosa di calcio, di Milan e di Nazionale. Soffre anche per il Mondiale. Non merita, se torna bene, in forma e con gol, di pagare ancora quegli stramaledetti mesi da Marzo a Maggio 2013 in cui non ha segnato. Messaggio nella bottiglia, destinatario Cesare Prandelli.

Buon per il Chievo e buon per il ragazzo, ci mancherebbe. Ma ve lo immaginate, con la bomba mediatica che si sarebbe scatenata a parti invertite (e cioè calcio di Mario al giocatore clivense), se fosse mai stato possibile portare da 3 a zero le giornata di squalifica per la prova tv? La giustizia sportiva dovrebbe essere al netto del peso mediatico e giudicare episodio per episodio senza pregressi e pregiudizi. A maggior ragione in presenza di una squalifica di 3 giornate, fino ad oggi ridotte al massimo a due nella giurisprudenza del pallone. Ma il calcio lo aveva preso Balotelli, il Chievo non fa notizia ed ecco il miracolo. Lo stesso episodio, a parti invertite, non avrebbe mai goduto della riduzione. E' triste, ma è così.

E' normale che un grande Club si tenga informato durante la stagione di tutto e tutti. Ed è in quest'ottica che va collocato il contatto, che c'è stato, fra Inter e Mancini. Semplice saluto, semplice ricognizione. Nulla di definitivo, molto di interlocutorio. Ma intanto c'è stato. Roberto Mancini, che tornerebbe all'Inter anche se non dovessero fargli un grande mercato, è stato perlustrato. Per il momento, quindi, Mazzarri. Ma con tutto il rispetto, non per la sua storia. L'attuale tecnico nerazzurro ha una sua storia di lavoro e professionalità, ma non di risultati. Perché in un grande Club l'unico risultato è la vittoria in un trofeo pesante. E con tutto il rispetto per la sua buonissima carriera, quando entri nello spogliatoio di una grande quello che hai fatto prima conta pochissimo se non nulla e conta invece solo quello che si fa da quell'attimo in poi. E quello che sta facendo Mazzarri all'Inter è oggetto di una rispettosa ma vivace discussione.

Antonio Conte e la Juventus hanno costruito la loro difesa su un centrale proveniente dal campionato tedesco, Andrea Barzagli, dal Wolfsburg. La storia è ciclica e potrebbe ripetersi. Dovesse concludersi non al meglio la stagione del Borussia Dortmund e dovessero maturare le condizioni economiche, la Juventus potrebbe andare davvero su Mats Hummels, 26eienne difensore tedesco del Borussia e della Nazionale tedesca. Quest'anno Barzagli, professionista impeccabile e ragazzo d'oro, ha sofferto non poco per problemi fisici e nel suo ruolo la società bianconera si sta guardando attorno con decisione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan: le lancette indietro di un giorno. e attenzione alle nuvole nere. Roma: Strootman, calendario decisivo. L'Inter di Kia non trova continuità 10.12 - Per ore intere, giorni e settimane si è parlato del 13 Dicembre. Una volta arrivati in prossimità della data fatidica, abbiamo dovuto un po' tutti cambiare giorno. Una sorta di ora legale moltiplicata per 24. Solitamente si mettono le lancette indietro di un'ora. Questa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.