HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Tifosi troppo esigenti o qualità pessima? Forse siamo solo stressati...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
22.10.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 20761 volte
Tifosi troppo esigenti o qualità pessima? Forse siamo solo stressati...

Se ne stanno vedendo di tutti i colori. Icardi che chiede al popolo nerazzurro di non fischiare, Gasperini che duella, dialetticamente parlando, con i tifosi del Grifone, Galliani che "sente un profumo diverso a San Siro" e, nello stesso tempo, predica massima collaborazione dai propri sostenitori. Ma perché? Mi sono fatto questa domanda e fatico a trovare una risposta plausibile. Di colpo, sembra che tutto dipenda dall'umore dei tifosi. Senza il loro apporto, tutto crolla... Mazzarri, si legge, è "rimasto deluso dai fischi al suo indirizzo durante Inter-Napoli". E ancora mi chiedo: ma perché? Cosa sta accadendo? Una prima ipotesi: ci sono ormai talmente così pochi tifosi allo stadio che si cerca di valorizzarli per non perdere anche quelli. Debole congettura, più facile che la verità sia altrove. Ad esempio potrebbe essere che chi paga il biglietto sia diventato talmente esigente da "pretendere" che la propria squadra vinca sempre. Non importa che si giochi bene, l'unica cosa che interessa è la vittoria. Già meglio come soluzione ma ancora non mi convince. Ci sarebbe la storia del "bel gioco". Una volta le gare del calcio italiano erano divertenti, ben giocate, imprevedibili, ora la noia regna sovrana (tranne qualche eccezione, Roma in primis). Forse è così, o forse no... Allora vengo al nocciolo della questione: e se fossimo solo tutti troppo stressati? Una volta, e dall'alto dei miei 40 anni posso dirlo, si andava a vedere la partita con meno pressioni. Certo, vincere era fondamentale ma l'ironia regnava sovrana. Se un arbitro sbagliava, regnava un senso di "presa in giro". Insomma, ci si arrabbiava meno. Ora sembra tutto completamente diverso. La settimana pre gara è diventata una sorta di preparazione alla battaglia sportiva. Ci si carica come molle, pronte ad esplodere allo stadio. Se solo qualcosa va storto, magari la salamella del paninaro di turno leggermente bruciata, ed ecco che si parte a testa bassa, come fanno i bisonti. Non ci basta più nulla e si può (e si deve) fischiare a prescindere. Noi stressati e, di riflesso, giocatori e allenatori sempre più isolati nel loro mondo. Irraggiungibili eroi, dannati perché guadagnano troppo e giocano male ma insostituibili perché solo quelli abbiamo da fischiare... In una sorta di "Una giornata di ordinaria follia", splendido lungometraggio con protagonista Michael Douglas, non siamo più in grado di vedere il calcio ma solo quello che lo circonda. E, allora, che fare? A noi tifosi dico che, a volte, fa bene prendersi una pausa. Il tifo non è per forza uno sfogo, può essere anche una piacevole sensazione, a prescindere dall'andamento del match (basta guardarsi la sciarpata dei tifosi del Liverpool per capire che intendo). A calciatori ed allenatori consiglio di prendere spunto da altri sport dove l'interazione tra il campione e il tifoso è "umana" e "vera". Viviamo in una società stressata, sarebbe bello se il calcio restasse un gioco. Lo so, il treno e già passato da un pezzo e sono solo parole al vento. Forse sarà anche per questo che mi diverto maggiormente a vedere giocare quelli della Premier e della Bundes...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.