HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Tifosi troppo esigenti o qualità pessima? Forse siamo solo stressati...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
22.10.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli  articolo letto 20745 volte

Se ne stanno vedendo di tutti i colori. Icardi che chiede al popolo nerazzurro di non fischiare, Gasperini che duella, dialetticamente parlando, con i tifosi del Grifone, Galliani che "sente un profumo diverso a San Siro" e, nello stesso tempo, predica massima collaborazione dai propri sostenitori. Ma perché? Mi sono fatto questa domanda e fatico a trovare una risposta plausibile. Di colpo, sembra che tutto dipenda dall'umore dei tifosi. Senza il loro apporto, tutto crolla... Mazzarri, si legge, è "rimasto deluso dai fischi al suo indirizzo durante Inter-Napoli". E ancora mi chiedo: ma perché? Cosa sta accadendo? Una prima ipotesi: ci sono ormai talmente così pochi tifosi allo stadio che si cerca di valorizzarli per non perdere anche quelli. Debole congettura, più facile che la verità sia altrove. Ad esempio potrebbe essere che chi paga il biglietto sia diventato talmente esigente da "pretendere" che la propria squadra vinca sempre. Non importa che si giochi bene, l'unica cosa che interessa è la vittoria. Già meglio come soluzione ma ancora non mi convince. Ci sarebbe la storia del "bel gioco". Una volta le gare del calcio italiano erano divertenti, ben giocate, imprevedibili, ora la noia regna sovrana (tranne qualche eccezione, Roma in primis). Forse è così, o forse no... Allora vengo al nocciolo della questione: e se fossimo solo tutti troppo stressati? Una volta, e dall'alto dei miei 40 anni posso dirlo, si andava a vedere la partita con meno pressioni. Certo, vincere era fondamentale ma l'ironia regnava sovrana. Se un arbitro sbagliava, regnava un senso di "presa in giro". Insomma, ci si arrabbiava meno. Ora sembra tutto completamente diverso. La settimana pre gara è diventata una sorta di preparazione alla battaglia sportiva. Ci si carica come molle, pronte ad esplodere allo stadio. Se solo qualcosa va storto, magari la salamella del paninaro di turno leggermente bruciata, ed ecco che si parte a testa bassa, come fanno i bisonti. Non ci basta più nulla e si può (e si deve) fischiare a prescindere. Noi stressati e, di riflesso, giocatori e allenatori sempre più isolati nel loro mondo. Irraggiungibili eroi, dannati perché guadagnano troppo e giocano male ma insostituibili perché solo quelli abbiamo da fischiare... In una sorta di "Una giornata di ordinaria follia", splendido lungometraggio con protagonista Michael Douglas, non siamo più in grado di vedere il calcio ma solo quello che lo circonda. E, allora, che fare? A noi tifosi dico che, a volte, fa bene prendersi una pausa. Il tifo non è per forza uno sfogo, può essere anche una piacevole sensazione, a prescindere dall'andamento del match (basta guardarsi la sciarpata dei tifosi del Liverpool per capire che intendo). A calciatori ed allenatori consiglio di prendere spunto da altri sport dove l'interazione tra il campione e il tifoso è "umana" e "vera". Viviamo in una società stressata, sarebbe bello se il calcio restasse un gioco. Lo so, il treno e già passato da un pezzo e sono solo parole al vento. Forse sarà anche per questo che mi diverto maggiormente a vedere giocare quelli della Premier e della Bundes...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.