HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Top & Flop del 2014: Conte, top in campo e flop fuori. Sarri, che sorpresa. Re Sinisa. Affondano Pulvirenti, Ghirardi e Mazzarri

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Twitter: MCriscitiello
22.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38782 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I calciatori modaioli stanno partendo per Miami, i very normal people tornano a casa dalle famiglie, i direttori sportivi mangiano (inteso come pranzo di Natale, non pensate male) e pensano al mercato di gennaio, mentre i procuratori inviano sms ai DS augurando loro buon Natale, sperando di poter fare un'operazione di mercato insieme. Aspettando cenoni, champagne e panettone siamo pronti per la Supercoppa di Doha, tra Juve e Napoli. Pronostici zero! Ne approfittiamo per fare un bilancio del 2014. Due categorie, cinque vincitori per ognuna di essa. Top & Flop.

TOP
Antonio Conte
Conquista 102 punti in serie A ed ammazza il campionato. Vince a mani basse, si conferma leader della Juventus anche se non supera il test europeo. La sua squadra brilla costantemente e chiude un percorso da vincente. La Juve non ha rivali e il merito sembra essere soprattutto il suo.

Sinisa Mihajlovic
Raccoglie la Sampdoria dalle ceneri di Delio Rossi e la porta a sognare l'Europa. Gestisce benissimo mercato e spogliatoio nel cambio storico da Garrone a Ferrero e fa da tutor del club. La squadra lo segue e lui plasma giocatori come Gabbiadini e Okaka che aspettavano, da anni, di esplodere. Grande allenatore, meriterebbe una piazza come Napoli.

Maurizio Sarri
In serie A o ci arrivi sul campo o fai fatica ad essere scelto se non sei raccomandato. Tifiamo Sarri perché è uno che con il lavoro è arrivato all'ultimo piano del grattacielo. Conquista la serie A con l'Empoli e con grande dignità la affronta. Gioca e vince con i giovani, solo in attacco non riesce a far passare la linea verde. Esempio di meritocrazia.

Claudio Lotito
Chiamatelo fesso. Antipatico come pochi, si è preso tutto il calcio italiano. E' lui il Presidente della Federazione, è lui il Presidente della Lega Calcio, è lui il Presidente della Lazio, è lui il Presidente della Salernitana; è grazie a lui che il Bari non è sparito ed è lui che sogna di diventare il nuovo Dio del calcio italiano. Nel 2014 ha fatto grandi passi verso il Paradiso. Gli mancano un paio di trionfi e tre o quattro riforme per completare l'opera.

Cristiano Giuntoli
Merita un premio il Direttore Generale del Carpi, Campione d'Inverno in serie B. Se non andrà in serie A nessuno si scandalizzerà. Se andrà in A, però, tutti si scioccheranno. Lo scorso anno da matricola ha sfiorato i play off, l'anno prima ha strappato la B al Lecce e quest'anno addirittura chiude Campione d'Inverno, in netto anticipo. Paga poco la squadra, pochissimo l'allenatore e vince. Dove non ci sono i soldi trionfano le idee. I vicini di casa del Modena hanno un buon gruppo di lavoro con il duo Novellino-Taibi ma un pessimo esempio di proprietà. Per questo Carpi è una favola e Modena un fuoco di paglia. Mentre Caliendo pensa a come far guadagnare qualche contributo all'INPS a Trezeguet, Giuntoli pensa ai nuovi Letizia e Mbakogu. Ognuno il suo...

FLOP
Antonio Conte
Lascia la Juventus dopo due giorni di ritiro e dice che aveva già deciso. Quando? Dove? Perché? Decide di accettare la proposta della Federazione e firma un biennale a 10 milioni di euro. Dice di non scendere a compromessi e convoca subito Balotelli, testimonial in quella settimana delle nuove scarpette Puma (sponsor tecnico che gli paga lo stipendio). Dice che in azzurro andrà solo chi lo merita e in 3 uscite convoca 50 calciatori diversi. Parla di senso di appartenenza e apre le porte della nostra Italia ad argentini, francesi ed africani basta che abbiano un nonno dello zio del nonno della madre che sia stato un giorno in gita in Italia. Rompe le scatole con mille stage come se i calciatori fossero della Federazione ma si dimentica che, fino a pochi mesi fa, faceva il pazzo se gli portavano via dalla Juve i calciatori. Quando ha accettato sapeva benissimo che non c'era grande disponibilità per la Nazionale. Cerca alibi e prepara il terreno per una Francia che si preannuncia amara come il Brasile.

Cesare Prandelli
Peggio di così, Cesare non poteva fare. Con l'Italia va a fare il turista in Brasile e ci spalma la vergogna in faccia. Se ne va e accetta la panchina del Galatasaray; anche ad Istanbul dura poco e torna a casa con la coda tra le gambe. Diciamo che dopo Firenze e prima di Firenze, Prandelli ha dimostrato poco o nulla del suo presunto valore tecnico.

Tommaso Ghirardi
Usa l'uscita di emergenza per scappare dal calcio italiano. Rovina il Parma e dimostra di non essere all'altezza di un grande club. Il Carpenedolo la sua massima dimensione, prima di Parma. Un bilancio tragico e una gestione pessima. Se ne va lasciando la squadra ultima in classifica ma prima nella classifica dei debiti. Si è divertito troppo ma ha capito tardi che il calcio non è Gardaland.

Walter Mazzarri
Paga oltre i suoi demeriti ma la gestione da giugno a novembre è stata un disastro. Prigioniero del suo carattere, si aggiorna poco e conosce solo i calciatori che ha allenato nella sua carriera. Poco studioso e umile. Si guarda troppo allo specchio e fallisce l'avventura più importante della sua vita professionale. Adesso sarà dura ripartire. Il conto in banca non ne risentirà ma la sua ambizione sì. Primo esonero e 2014 da cancellare al più presto. A Napoli, l'ultimo dell'anno, buttano dalla finestre gli oggetti vecchi. Lui farebbe bene a buttare la maschera.

Antonino Pulvirenti
Il tempo ha dimostrato che il calcio non è il suo mestiere. Ha vinto con Lo Monaco perché a guidare era l'ex Direttore Generale. Si sono separati ed entrambi hanno finito il loro ciclo. Pulvirenti ha distrutto un giocattolino perfetto. Pessima la sua gestione e la sua leadership. Non ha lo spessore per guidare un club e non riesce ad uscire, a testa alta, dalle difficoltà. Gestione imbarazzante.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.