HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Top & Flop del 2014: Conte, top in campo e flop fuori. Sarri, che sorpresa. Re Sinisa. Affondano Pulvirenti, Ghirardi e Mazzarri

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Twitter: MCriscitiello
22.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38782 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I calciatori modaioli stanno partendo per Miami, i very normal people tornano a casa dalle famiglie, i direttori sportivi mangiano (inteso come pranzo di Natale, non pensate male) e pensano al mercato di gennaio, mentre i procuratori inviano sms ai DS augurando loro buon Natale, sperando di poter fare un'operazione di mercato insieme. Aspettando cenoni, champagne e panettone siamo pronti per la Supercoppa di Doha, tra Juve e Napoli. Pronostici zero! Ne approfittiamo per fare un bilancio del 2014. Due categorie, cinque vincitori per ognuna di essa. Top & Flop.

TOP
Antonio Conte
Conquista 102 punti in serie A ed ammazza il campionato. Vince a mani basse, si conferma leader della Juventus anche se non supera il test europeo. La sua squadra brilla costantemente e chiude un percorso da vincente. La Juve non ha rivali e il merito sembra essere soprattutto il suo.

Sinisa Mihajlovic
Raccoglie la Sampdoria dalle ceneri di Delio Rossi e la porta a sognare l'Europa. Gestisce benissimo mercato e spogliatoio nel cambio storico da Garrone a Ferrero e fa da tutor del club. La squadra lo segue e lui plasma giocatori come Gabbiadini e Okaka che aspettavano, da anni, di esplodere. Grande allenatore, meriterebbe una piazza come Napoli.

Maurizio Sarri
In serie A o ci arrivi sul campo o fai fatica ad essere scelto se non sei raccomandato. Tifiamo Sarri perché è uno che con il lavoro è arrivato all'ultimo piano del grattacielo. Conquista la serie A con l'Empoli e con grande dignità la affronta. Gioca e vince con i giovani, solo in attacco non riesce a far passare la linea verde. Esempio di meritocrazia.

Claudio Lotito
Chiamatelo fesso. Antipatico come pochi, si è preso tutto il calcio italiano. E' lui il Presidente della Federazione, è lui il Presidente della Lega Calcio, è lui il Presidente della Lazio, è lui il Presidente della Salernitana; è grazie a lui che il Bari non è sparito ed è lui che sogna di diventare il nuovo Dio del calcio italiano. Nel 2014 ha fatto grandi passi verso il Paradiso. Gli mancano un paio di trionfi e tre o quattro riforme per completare l'opera.

Cristiano Giuntoli
Merita un premio il Direttore Generale del Carpi, Campione d'Inverno in serie B. Se non andrà in serie A nessuno si scandalizzerà. Se andrà in A, però, tutti si scioccheranno. Lo scorso anno da matricola ha sfiorato i play off, l'anno prima ha strappato la B al Lecce e quest'anno addirittura chiude Campione d'Inverno, in netto anticipo. Paga poco la squadra, pochissimo l'allenatore e vince. Dove non ci sono i soldi trionfano le idee. I vicini di casa del Modena hanno un buon gruppo di lavoro con il duo Novellino-Taibi ma un pessimo esempio di proprietà. Per questo Carpi è una favola e Modena un fuoco di paglia. Mentre Caliendo pensa a come far guadagnare qualche contributo all'INPS a Trezeguet, Giuntoli pensa ai nuovi Letizia e Mbakogu. Ognuno il suo...

FLOP
Antonio Conte
Lascia la Juventus dopo due giorni di ritiro e dice che aveva già deciso. Quando? Dove? Perché? Decide di accettare la proposta della Federazione e firma un biennale a 10 milioni di euro. Dice di non scendere a compromessi e convoca subito Balotelli, testimonial in quella settimana delle nuove scarpette Puma (sponsor tecnico che gli paga lo stipendio). Dice che in azzurro andrà solo chi lo merita e in 3 uscite convoca 50 calciatori diversi. Parla di senso di appartenenza e apre le porte della nostra Italia ad argentini, francesi ed africani basta che abbiano un nonno dello zio del nonno della madre che sia stato un giorno in gita in Italia. Rompe le scatole con mille stage come se i calciatori fossero della Federazione ma si dimentica che, fino a pochi mesi fa, faceva il pazzo se gli portavano via dalla Juve i calciatori. Quando ha accettato sapeva benissimo che non c'era grande disponibilità per la Nazionale. Cerca alibi e prepara il terreno per una Francia che si preannuncia amara come il Brasile.

Cesare Prandelli
Peggio di così, Cesare non poteva fare. Con l'Italia va a fare il turista in Brasile e ci spalma la vergogna in faccia. Se ne va e accetta la panchina del Galatasaray; anche ad Istanbul dura poco e torna a casa con la coda tra le gambe. Diciamo che dopo Firenze e prima di Firenze, Prandelli ha dimostrato poco o nulla del suo presunto valore tecnico.

Tommaso Ghirardi
Usa l'uscita di emergenza per scappare dal calcio italiano. Rovina il Parma e dimostra di non essere all'altezza di un grande club. Il Carpenedolo la sua massima dimensione, prima di Parma. Un bilancio tragico e una gestione pessima. Se ne va lasciando la squadra ultima in classifica ma prima nella classifica dei debiti. Si è divertito troppo ma ha capito tardi che il calcio non è Gardaland.

Walter Mazzarri
Paga oltre i suoi demeriti ma la gestione da giugno a novembre è stata un disastro. Prigioniero del suo carattere, si aggiorna poco e conosce solo i calciatori che ha allenato nella sua carriera. Poco studioso e umile. Si guarda troppo allo specchio e fallisce l'avventura più importante della sua vita professionale. Adesso sarà dura ripartire. Il conto in banca non ne risentirà ma la sua ambizione sì. Primo esonero e 2014 da cancellare al più presto. A Napoli, l'ultimo dell'anno, buttano dalla finestre gli oggetti vecchi. Lui farebbe bene a buttare la maschera.

Antonino Pulvirenti
Il tempo ha dimostrato che il calcio non è il suo mestiere. Ha vinto con Lo Monaco perché a guidare era l'ex Direttore Generale. Si sono separati ed entrambi hanno finito il loro ciclo. Pulvirenti ha distrutto un giocattolino perfetto. Pessima la sua gestione e la sua leadership. Non ha lo spessore per guidare un club e non riesce ad uscire, a testa alta, dalle difficoltà. Gestione imbarazzante.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.