VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Top & Flop del 2014: Conte, top in campo e flop fuori. Sarri, che sorpresa. Re Sinisa. Affondano Pulvirenti, Ghirardi e Mazzarri

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Twitter: MCriscitiello
22.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38790 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I calciatori modaioli stanno partendo per Miami, i very normal people tornano a casa dalle famiglie, i direttori sportivi mangiano (inteso come pranzo di Natale, non pensate male) e pensano al mercato di gennaio, mentre i procuratori inviano sms ai DS augurando loro buon Natale, sperando di poter fare un'operazione di mercato insieme. Aspettando cenoni, champagne e panettone siamo pronti per la Supercoppa di Doha, tra Juve e Napoli. Pronostici zero! Ne approfittiamo per fare un bilancio del 2014. Due categorie, cinque vincitori per ognuna di essa. Top & Flop.

TOP
Antonio Conte
Conquista 102 punti in serie A ed ammazza il campionato. Vince a mani basse, si conferma leader della Juventus anche se non supera il test europeo. La sua squadra brilla costantemente e chiude un percorso da vincente. La Juve non ha rivali e il merito sembra essere soprattutto il suo.

Sinisa Mihajlovic
Raccoglie la Sampdoria dalle ceneri di Delio Rossi e la porta a sognare l'Europa. Gestisce benissimo mercato e spogliatoio nel cambio storico da Garrone a Ferrero e fa da tutor del club. La squadra lo segue e lui plasma giocatori come Gabbiadini e Okaka che aspettavano, da anni, di esplodere. Grande allenatore, meriterebbe una piazza come Napoli.

Maurizio Sarri
In serie A o ci arrivi sul campo o fai fatica ad essere scelto se non sei raccomandato. Tifiamo Sarri perché è uno che con il lavoro è arrivato all'ultimo piano del grattacielo. Conquista la serie A con l'Empoli e con grande dignità la affronta. Gioca e vince con i giovani, solo in attacco non riesce a far passare la linea verde. Esempio di meritocrazia.

Claudio Lotito
Chiamatelo fesso. Antipatico come pochi, si è preso tutto il calcio italiano. E' lui il Presidente della Federazione, è lui il Presidente della Lega Calcio, è lui il Presidente della Lazio, è lui il Presidente della Salernitana; è grazie a lui che il Bari non è sparito ed è lui che sogna di diventare il nuovo Dio del calcio italiano. Nel 2014 ha fatto grandi passi verso il Paradiso. Gli mancano un paio di trionfi e tre o quattro riforme per completare l'opera.

Cristiano Giuntoli
Merita un premio il Direttore Generale del Carpi, Campione d'Inverno in serie B. Se non andrà in serie A nessuno si scandalizzerà. Se andrà in A, però, tutti si scioccheranno. Lo scorso anno da matricola ha sfiorato i play off, l'anno prima ha strappato la B al Lecce e quest'anno addirittura chiude Campione d'Inverno, in netto anticipo. Paga poco la squadra, pochissimo l'allenatore e vince. Dove non ci sono i soldi trionfano le idee. I vicini di casa del Modena hanno un buon gruppo di lavoro con il duo Novellino-Taibi ma un pessimo esempio di proprietà. Per questo Carpi è una favola e Modena un fuoco di paglia. Mentre Caliendo pensa a come far guadagnare qualche contributo all'INPS a Trezeguet, Giuntoli pensa ai nuovi Letizia e Mbakogu. Ognuno il suo...

FLOP
Antonio Conte
Lascia la Juventus dopo due giorni di ritiro e dice che aveva già deciso. Quando? Dove? Perché? Decide di accettare la proposta della Federazione e firma un biennale a 10 milioni di euro. Dice di non scendere a compromessi e convoca subito Balotelli, testimonial in quella settimana delle nuove scarpette Puma (sponsor tecnico che gli paga lo stipendio). Dice che in azzurro andrà solo chi lo merita e in 3 uscite convoca 50 calciatori diversi. Parla di senso di appartenenza e apre le porte della nostra Italia ad argentini, francesi ed africani basta che abbiano un nonno dello zio del nonno della madre che sia stato un giorno in gita in Italia. Rompe le scatole con mille stage come se i calciatori fossero della Federazione ma si dimentica che, fino a pochi mesi fa, faceva il pazzo se gli portavano via dalla Juve i calciatori. Quando ha accettato sapeva benissimo che non c'era grande disponibilità per la Nazionale. Cerca alibi e prepara il terreno per una Francia che si preannuncia amara come il Brasile.

Cesare Prandelli
Peggio di così, Cesare non poteva fare. Con l'Italia va a fare il turista in Brasile e ci spalma la vergogna in faccia. Se ne va e accetta la panchina del Galatasaray; anche ad Istanbul dura poco e torna a casa con la coda tra le gambe. Diciamo che dopo Firenze e prima di Firenze, Prandelli ha dimostrato poco o nulla del suo presunto valore tecnico.

Tommaso Ghirardi
Usa l'uscita di emergenza per scappare dal calcio italiano. Rovina il Parma e dimostra di non essere all'altezza di un grande club. Il Carpenedolo la sua massima dimensione, prima di Parma. Un bilancio tragico e una gestione pessima. Se ne va lasciando la squadra ultima in classifica ma prima nella classifica dei debiti. Si è divertito troppo ma ha capito tardi che il calcio non è Gardaland.

Walter Mazzarri
Paga oltre i suoi demeriti ma la gestione da giugno a novembre è stata un disastro. Prigioniero del suo carattere, si aggiorna poco e conosce solo i calciatori che ha allenato nella sua carriera. Poco studioso e umile. Si guarda troppo allo specchio e fallisce l'avventura più importante della sua vita professionale. Adesso sarà dura ripartire. Il conto in banca non ne risentirà ma la sua ambizione sì. Primo esonero e 2014 da cancellare al più presto. A Napoli, l'ultimo dell'anno, buttano dalla finestre gli oggetti vecchi. Lui farebbe bene a buttare la maschera.

Antonino Pulvirenti
Il tempo ha dimostrato che il calcio non è il suo mestiere. Ha vinto con Lo Monaco perché a guidare era l'ex Direttore Generale. Si sono separati ed entrambi hanno finito il loro ciclo. Pulvirenti ha distrutto un giocattolino perfetto. Pessima la sua gestione e la sua leadership. Non ha lo spessore per guidare un club e non riesce ad uscire, a testa alta, dalle difficoltà. Gestione imbarazzante.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.