VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Torino: Belotti vince il derby con Dybala. Leverkusen: crocevia di Lazio e Roma. Milan: #DiegoLopezEsMiPortero. Donnarumma: opzionato il papà Alfonso

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
24.10.2015 07.29 di Mauro Suma   articolo letto 41619 volte

Pensavamo che dopo l'intemerata del presidente Zamparini su Dybala, difesa del giocatore e doppio gancio all'allenatore Allegri, il presidente Agnelli prendesse la parola per difendere il proprio tecnico. Abbiamo pensato male. Andrea Agnelli ha rincarato la dose, sottolineando non che il mercato sia stato fatto male, ma che a giudicare dal rendimento della squadra e dal 14' posto attuale il mercato non sia stato valorizzato a dovere. Dunque il presidente Zamparini ha colto nel segno. E i granata godono. In che senso. Nel senso che il Palermo ha ceduto 2 giocatori, non solo uno, quest'estate alla Torino calcistica. Paulo Dybala alla Juventus e Andrea Belotti al Torino. Dybala ha segnato 1 gol su azione e 2 su rigore, ma non è al centro del progetto: la sua presenza nella Juventus è episodica, pallida, sostanzialmente marginale. Nel Torino, invece, Andrea Belotti, costato al presidente Cairo un quinto di Dybala, non ha segnato ma è carico. Contro il Milan, in pochi lo hanno sottolineato, ma è stato lui a cambiare la partita: la sua presenza nel Toro è colorita, affamata, intensa. Fino ad oggi non c'è partita, nella bottega siciliana ha pescato meglio e speso meno il Torino. C'è dunque, alla Juventus, un problema da 35-40 milioni. E a giudicare dalle voci che si scomodano per tentare di negarlo, capiamo anche quanto sia avvitato e quanto sia reale.

Leverkusen è stato un duello goccia a goccia a distanza fra Lazio e Roma, o meglio fra laziali e romanisti. Al 20' del primo tempo di martedì sera 20 Ottobre era in vantaggio...la Lazio 2-0: a quel minuto in Agosto Bayer e Lazio erano sullo 0-0, invece la Roma martedì aveva già subìto 2 reti. Poi la Roma si è rifatta con gli interessi segnando 4 gol e sognando di arrivare a Roma da dominatrice: voi alla BayArena eliminati e noi trionfatori. Ma certo che no, per gli stessi problemi difensivi della Lazio, la squadra giallorossa (che avrebbe fatto bene a tenersi Romagnoli che in questa Roma sarebbe un titolare pieno di buon senso) subisce due reti, finisce 4-4 e Garcia torna sul banco degli imputati esattamente come accadde al ritorno dalla Bielorussia. Leverkusen dunque è stato il crocevia difensivo di Roma e Lazio, con i biancocelesti eliminati e i giallorossi tenuti all'ultimo posto nel girone. Mal comune, Bayer gaudio. E' il caso di dirlo.

Adesso capiamo quello che passavano l'anno scorso i tifosi del Real Madrid quando hanno coniato l'hashtag #Diegolopezesmiportero. Siamo con loro. Siamo come loro. Diego, mai un portiere ha suscitato tanti rimpianti nella tifoseria merengue, quest'anno non avrà ancora i fatto i miracoli della scorsa stagione, ma non dimentichiamo i suoi salvataggi su Kalinic e Icardi lanciati a rete contro di lui nei primi tempi delle rispettive partite, le parate nel finale di Udine, la paratona su Maxi Lopez a Torino. Ai tanti, troppi, che non sapendo di che parlare oggi si buttano sul Milan ad ogni minuto del giorno non sembra vero: infierire sul Milan, prendersi tante rivincite sui tempi in cui il Club era un blocco granitico, si può. Non succede niente. Si può fare. E questo vale per Diego Lopez come per Bacca. Nessun giocatore dell'Inter o della Juventus ha segnato più di Carlos Bacca dopo le prime 8 giornate di Campionato, ma gli opinionisti e i tifosi delle due squadre lo sminuiscono a più non posso. Vale per Mihajlovic: ma come può aver detto il presidente Berlusconi allora Adriano quando lo mandi via se, come abbiamo letto, proprio Sinisa era presente alla cena in oggetto? Vale per Romagnoli: non è ancora il crack che sarà, ma la sua sola presenza in campo è l'unica che dà senso alla difesa del Milan, c'è ancora qualche inevitabile e fisiologica sbavatura, ma certi interventi in recupero di Alessio sono estremamente rassicuranti. Eppure i finti e subdoli confessori del Milan non li vedono o fanno finta di non vederli: Romagnoli deve dare tutto e subito altrimenti è un fallimento, altri giovani naturalmente di altre squadre costati molto di più invece poveri cari carucci vanno aspettati. Ma certo. Insomma,il Milan non va bene e faremmo il suo male a sostenere il contrario. Ma non è tutto così losco, terribile e negativo così come tante, troppe, bande hanno interesse a far passare.

Siamo fra coloro che pensano che Gigio Donnarumma debba ancora crescere tanto e non debba bruciarsi. Ma sappiamo anche, ce lo hanno raccontato, che gli uomini del Milan che hanno assistito al suo primo allenamento 2 anni fa, si sono spaventati. Spaventati! Proprio così. Rimasto al Milan solo grazie ai buoni rapporti fra il Milan e il suo innominabile procuratore (il Bayern e il PSG avevano fatto offerte super), Gianluigi è accompagnato da una sorta di leggenda. Visto che anche suo fratello Antonio ha il fisico del ruolo del portiere e milita in Serie A, nel Genoa per la precisione, sembra che qualche addetto ai lavori abbia voluto portarsi avanti col lavoro. E abbia fatto, verità o leggenda un giorno lo scopriremo, un discorso a papà Alfonso che suona più o meno così: se lei dovesse fare un altro figlio maschio, glielo opziono appena nasce. Il calcio sa essere incredibile come poche altre cose al mondo e non vogliamo dare aria alla bocca per scomodare Gigi Buffon parlando di Gigi. Ma se tutto questo è vero e se Donnarumma farà davvero la carriera che tutti gli pronosticano, un giorno magari si capirà che nel calcio avere buoni rapporti è una risorsa e non un problema.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.