HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Tutt'altro che Brocchi: Italia fra gli applausi. L'inter ai cinesi, il Milan chissà, la Juventus è troppo avanti a tutti. Napoli, problema Higuain specchio della società

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
03.07.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 52495 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Qui a Bordeaux l'aria è ancora elettrica, la Germania è ancora sul campo da gioco e sta esultando laddove c'è un muro di tifosi. Da brocchi a campioni il passo è breve, ma per l'Italia non c'è stato un passo indietro. Il salto della rana che, forse, potevamo aspettarci non è arrivato. Contro la Germania la squadra di Conte ha tenuto botta, ha fatto la sua partita pur non potendo contare su Montolivo, Thiago Motta, De Rossi, Marchisio e Verratti. Defezioni che in altre nazionali sarebbero costate moltissimo. Complimenti comunque, è stata un'Italia meravigliosa pur nelle estreme difficoltà. La Germania ci batte, prima o poi doveva accadere, ma nel modo più dolce possibile: quarti di finale, è vero, ma pur con una grande squadra che ha meritato il passaggio del turno. Non sempre vincono i più forti, stavolta sì.

Settimana complicata in Serie A, ma dopo un giugno sonnolento - e a tratti atipico per un Europeo ancora in corso - è anche normale che le squadre incomincino a muoversi in previsione di un campionato che dista solo cinquanta giorni. Così la realtà riporta all'Inter che, di fatto, è diventato nuovo baluardo cinese in Italia. Monetariamente ci sono pochi, pochissimi avversari per la squadra nerazzurra. Toccherà capire quale sarà la nuova necessità di Mancini. Perché un anno fa era arrivata una nuova squadra, tra Ljajic e Kondogbia, Jovetic e Alex Telles, salvo poi ripiegare in corner e capire che, almeno in alcune occasioni, gli errori erano stati pacchiani. Almeno fino a dicembre mascherati da uno stato di grazia che poi, nei mesi successivi, è andato degradando fino alla quarta posizione. Quanti nuovi giocatori necessiterà Mancini stavolta? Banega è un grande acquisto, Erkin no, Pjaca lo sarebbe, come probabilmente Berardi o Candreva. La realtà è che non bastano gli acquisti per competere contro una Juventus che dalla sua ha anche una mentalità vincente. L'obiettivo per i cinesi sarebbe quello di ritornare in Champions, ma occhio all'effetto Arsenal: bisogna vincere e non solo lo Scudetto del bilancio per rimanere nella storia. Certo, rispetto al pur ottimo Wenger ci sono dieci anni di differenza e speranza in più.

Poi c'è un Milan che è ancora nelle sabbie mobili. Spera di essere più di quanto possa sembrare, chiude per Lapadula e rifiuta le offerte per Bacca. Con un anno di ritardo prende Vincenzo Montella e non può che essere un bel segnale per la squadra rossonera, considerata l'intenzione, già dodici mesi fa, di portarlo a Milano. Certamente un tecnico che piace a Silvio Berlusconi (il bel giuoco continua a essere un suo pallino), ma il continuo rimandare dell'accordo della cessione ai cinesi fa pensare a un nuovo caso Bee. Probabilmente non sarà così, anche perché stavolta Berlusconi ha l'intenzione di piazzare il club a investitori che possano fare bene pure senza di lui. E con una Barbara Berlusconi che spera di rientrare nelle politiche societarie ben più di quanto non già visto, perché la guerra intestina con Adriano Galliani continua e impedisce di fare bene.

Infine la Juventus, scatenata sul mercato e che, dopo aver preso Pjanic, preleverà anche Benatia dal Bayern Monaco. In un anno i bianconeri hanno perso Coman e Morata, diventando discount sì delle grandi squadre, ma cedendo a prezzi elevati, al di là di una valutazione reale che non andrebbe oltre i venticinque milioni di euro. Il Coman visto in Francia è giocatore dalle qualità eccelse ma non alla Cristiano Ronaldo né alla Bale, così come Morata forse nonsi avvicinerà a Cavani nel corso delle prossime annate. Tocca essere realisti: due giocatori così potevano essere sì il futuro della Juventus, ma da comprimari. Cosa che Pogba non è (infatti vale infinitamente di più) ma che sta diventando in questo Europeo dove, certamente, non sta brillando. La Roma intanto chiuderà per Caceres - ottimo acquisto - e forse pure per Zabaleta, altro giocatore di un certo livello. La Fiorentina deve fronteggiare i casi Rossi e Gomez, campioni che devono capire il proprio futuro, mentre il Napoli il fratello (nonché agente) di Higuain. L'argentino ha firmato un contratto e può rimanere al Napoli, ma è singolare il comportamento del club di De Laurentiis: per competere con la Juventus non basta un investimento da 50 milioni, ne serve uno ben maggiore e non è assolutamente semplice capire dove. Il rischio è quello di non crescere, ma ce n'è un altro: il Napoli rimarrà dov'è, con la speranza costante di arrivare secondo, con una Juventus sempre davanti. Higuain ne è ossessionato, un anno fa come ora. Ed è anche normale. Insigne aspetta un contratto, Koulibaly anche, prima o poi toccherà agli altri grandi: nessuno ha la bacchetta magica, nemmeno De Laurentiis.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.