HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Tutt'altro che Brocchi: Italia fra gli applausi. L'inter ai cinesi, il Milan chissà, la Juventus è troppo avanti a tutti. Napoli, problema Higuain specchio della società

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
03.07.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 52589 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Qui a Bordeaux l'aria è ancora elettrica, la Germania è ancora sul campo da gioco e sta esultando laddove c'è un muro di tifosi. Da brocchi a campioni il passo è breve, ma per l'Italia non c'è stato un passo indietro. Il salto della rana che, forse, potevamo aspettarci non è arrivato. Contro la Germania la squadra di Conte ha tenuto botta, ha fatto la sua partita pur non potendo contare su Montolivo, Thiago Motta, De Rossi, Marchisio e Verratti. Defezioni che in altre nazionali sarebbero costate moltissimo. Complimenti comunque, è stata un'Italia meravigliosa pur nelle estreme difficoltà. La Germania ci batte, prima o poi doveva accadere, ma nel modo più dolce possibile: quarti di finale, è vero, ma pur con una grande squadra che ha meritato il passaggio del turno. Non sempre vincono i più forti, stavolta sì.

Settimana complicata in Serie A, ma dopo un giugno sonnolento - e a tratti atipico per un Europeo ancora in corso - è anche normale che le squadre incomincino a muoversi in previsione di un campionato che dista solo cinquanta giorni. Così la realtà riporta all'Inter che, di fatto, è diventato nuovo baluardo cinese in Italia. Monetariamente ci sono pochi, pochissimi avversari per la squadra nerazzurra. Toccherà capire quale sarà la nuova necessità di Mancini. Perché un anno fa era arrivata una nuova squadra, tra Ljajic e Kondogbia, Jovetic e Alex Telles, salvo poi ripiegare in corner e capire che, almeno in alcune occasioni, gli errori erano stati pacchiani. Almeno fino a dicembre mascherati da uno stato di grazia che poi, nei mesi successivi, è andato degradando fino alla quarta posizione. Quanti nuovi giocatori necessiterà Mancini stavolta? Banega è un grande acquisto, Erkin no, Pjaca lo sarebbe, come probabilmente Berardi o Candreva. La realtà è che non bastano gli acquisti per competere contro una Juventus che dalla sua ha anche una mentalità vincente. L'obiettivo per i cinesi sarebbe quello di ritornare in Champions, ma occhio all'effetto Arsenal: bisogna vincere e non solo lo Scudetto del bilancio per rimanere nella storia. Certo, rispetto al pur ottimo Wenger ci sono dieci anni di differenza e speranza in più.

Poi c'è un Milan che è ancora nelle sabbie mobili. Spera di essere più di quanto possa sembrare, chiude per Lapadula e rifiuta le offerte per Bacca. Con un anno di ritardo prende Vincenzo Montella e non può che essere un bel segnale per la squadra rossonera, considerata l'intenzione, già dodici mesi fa, di portarlo a Milano. Certamente un tecnico che piace a Silvio Berlusconi (il bel giuoco continua a essere un suo pallino), ma il continuo rimandare dell'accordo della cessione ai cinesi fa pensare a un nuovo caso Bee. Probabilmente non sarà così, anche perché stavolta Berlusconi ha l'intenzione di piazzare il club a investitori che possano fare bene pure senza di lui. E con una Barbara Berlusconi che spera di rientrare nelle politiche societarie ben più di quanto non già visto, perché la guerra intestina con Adriano Galliani continua e impedisce di fare bene.

Infine la Juventus, scatenata sul mercato e che, dopo aver preso Pjanic, preleverà anche Benatia dal Bayern Monaco. In un anno i bianconeri hanno perso Coman e Morata, diventando discount sì delle grandi squadre, ma cedendo a prezzi elevati, al di là di una valutazione reale che non andrebbe oltre i venticinque milioni di euro. Il Coman visto in Francia è giocatore dalle qualità eccelse ma non alla Cristiano Ronaldo né alla Bale, così come Morata forse nonsi avvicinerà a Cavani nel corso delle prossime annate. Tocca essere realisti: due giocatori così potevano essere sì il futuro della Juventus, ma da comprimari. Cosa che Pogba non è (infatti vale infinitamente di più) ma che sta diventando in questo Europeo dove, certamente, non sta brillando. La Roma intanto chiuderà per Caceres - ottimo acquisto - e forse pure per Zabaleta, altro giocatore di un certo livello. La Fiorentina deve fronteggiare i casi Rossi e Gomez, campioni che devono capire il proprio futuro, mentre il Napoli il fratello (nonché agente) di Higuain. L'argentino ha firmato un contratto e può rimanere al Napoli, ma è singolare il comportamento del club di De Laurentiis: per competere con la Juventus non basta un investimento da 50 milioni, ne serve uno ben maggiore e non è assolutamente semplice capire dove. Il rischio è quello di non crescere, ma ce n'è un altro: il Napoli rimarrà dov'è, con la speranza costante di arrivare secondo, con una Juventus sempre davanti. Higuain ne è ossessionato, un anno fa come ora. Ed è anche normale. Insigne aspetta un contratto, Koulibaly anche, prima o poi toccherà agli altri grandi: nessuno ha la bacchetta magica, nemmeno De Laurentiis.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.