HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Un giro di vite imposto alla squadra da De Laurentiis e Benitez per riportare il Napoli in alto e i tifosi allo stadio

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
12.10.2014 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 16759 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La democrazia è controllo e non può esserci libertà vera senza la previsione di una pena. Parliamo di calcio, di quel microcosmo fatto di regole (scritte e non scritte) che talvolta vengono disattese oppure degradate al rango di quelle consuetudini che possono essere rispettate oppure no. Senza buttarla troppo sul giurisprudenziale, va detto che nel Napoli qualcosa è cambiata di recente: nell'attenzione per il dettaglio, nella pressione da tenere nei confronti di una squadra che aveva perso smalto nervoso dopo l'eliminazione dalla Champions. A cominciare dal presidente De Laurentiis, mai così presente a Castelvolturno da quando è diventato proprietario del club, per proseguire con Benitez, finalmente severo com è necessario che sia da quando i risultati non corrispondono alle attese. Con questa delicata "dittatura" la squadra è tornata a fare risultato, eliminando il riposo di metà settimana quando sono previste tre partite in sette giorni oppure con i colloqui individuali e di gruppo sostenuti dal tecnico per tenere alta l'attenzione e cancellare l'errore di quando si disse che "uscire dalla Champions non sarebbe un dramma". Invece lo è stato, perché i calciatori sono esseri umani e vanno in campo con le coordinate che uno gli trasmette. Se gli fai capire che una partita possono pure perderla, stai certo che la perderanno. Ora non più, anche grazie alla disaffezione della platea del San Paolo (8.000 abbonati, mai così pochi da quando c'è al timone De Laurentiis) che ha fatto aprire gli occhi a tutti. Non si scherza con la passione ed è per questo che De Laurentiis, Benitez e pure la squadra hanno dato un giro di vite a quell'andazzo che proprio non poteva proseguire. Da martedì e fino a quando la classifica non avrà restituito dignità al Napoli, i summit a Castelvolturno si susseguiranno, non per creare un clima da tensione continua, bensì per far capire a tutti che il Napoli è interesse comune e che i risultati contano quasi quanto l'impegno che un gruppo profonde durante ogni partita. Ecco, la reazione della squadra azzurra dopo lo svantaggio patito contro il Torino, è stato il giro di boa che ci si attendeva per dire che il peggio è finalmente alle spalle. Vedere la rabbia negli occhi di Callejon, la furia scatenata di Higuain, ma anche la carica che Inler e Gargano sanno dare ai loro compagni stretti in cerchio prima dell'inizio di ogni partita, hanno ridefinito il senso di squadra che sembrava essersi smarrito. Ora sì, sarà più semplice per Benitez impartire le infinite lezioni di tattica di tattica e decidere che nessuno può essere titolare a prescindere. Idem De Laurentiis, che incontrerà un nucleo tornato ad essere solido per dire loro che la società gli è vicino, che la proprietà non li ha abbandonati e li sosterrà ancora, anche se dovessero arrivare altre sconfitte. Magari pure meritate, ma purchè siano arrivate quando gli avversari avranno dimostrato di essere stati superiori al loro impegno. Martedì primo summit tra De Laurentiis, tutta la dirigenza e Rafa Benitez, ovviamente nella sede di Castelvolturno, così che la squadra sappia che ogni attimo si lavora per portare il Napoli alla vittoria. E' questo il nuovo corso che dovrà portare gli azzurri a scalare la classifica del campionato di serie A ed a procedere a tappe forzate anche in Europa League. Questa è la democrazia vera, utile a prendere il posto di quel rilassamento che rischiava di far precipitare il Napoli in un vortice senza ritorno. Dura lex sed lex.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.