HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Una coppa Italia da spettacolo. L'Inter ritrova certezze. La Juve non ha paura di perdere Allegri. E su Mammana occhio al Milan!

03.03.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 32172 volte
© foto di Federico De Luca

Va bene che parliamo di mercato, ma della partita di coppa non possiamo non parlarne!

Probabilmente neanche il più incallito dei tifosi interisti avrebbe sperato in una serata del genere.

Sia per quello che è successo in campo, sia per l'epilogo dei rigori. Con la Juve che festeggia pur avendo poco da festeggiare. E forse la chiave è proprio questa. La Juve sa di aver vissuto una serata pessima, probabilmente, come ha detto Bonucci, la peggiore dell'era Agnelli. L'Inter ha capito di non essere un brutto anatroccolo e chissà che questo non serva per il futuro. All'Inter stava per riuscire un'impresa incredibile. E nei 90minuti è come se avesse messo un puntello importante. Perché i numeri di questa Juve parlavano chiarissimo. Nelle ultime due stagioni l'unica squadra che era riuscita a fare 3 gol alla Juventus era stato soltanto il Barcellona in finale Champions. Per trovare un'italiana che era riuscita a trafiggere per 3 volte (o più) la difesa bianconera bisogna andare indietro all'era Conte e a quel blackout di 30 minuti contro la Fiorentina. Finì 4-2. Per trovare addirittura una sconfitta nei 90 minuti con tre gol di scarto bisogna finire al gennaio del 2011 con Delneri in panchina: 3-0 contro il Napoli.

E' per questo che l'Inter, nonostante la delusione per i rigori, non può che essere soddisfatta. Del carattere, della voglia, della qualità mostrata. Ha scoperto che i suoi militi possono essere tirati più in là. E scoprirlo quando ancora tutto è da decidere è un vantaggio. Ora avranno un po' di timore in più Roma, Fiorentina e Milan. L'Inter stasera ci ha creduto fino alla fine, ha messo seriamente paura alla Juventus, ha avuto paura di perdere. Gara apertissima, tanti capovolgimenti di fronte. Alla faccia di chi pensava (a dir la verità quasi tutti) che fosse un'amichevole.

E chissà che da questa partita l'Inter non sappia risollevarsi, non abbia capito di poter competere veramente con i migliori della classe. Il crollo nerazzurro in campionato sembrava non avere cause. Ognuno aveva la sua ricetta e la pazza Inter ha smentito tutti, come al solito. Perché al di là del trofeo o meno bisognava (ed era la cosa più importante) trovare certezze. Ne guadagna il campionato.

Ritrova, psicologicamente, i nerazzurri che ora nella gara singola tornano a far paura a tutti. Magari ne guadagna anche la lotta al vertice, visto che la Juventus dei quasi invincibili è stata battuta in maniera impensabile.

Ora tutte le considerazioni sul mercato potrebbe essere ribaltate. Perisic è stato decisivo e devastante, lo stesso dicasi per Brozovic. Eder e Ljajic con le loro accelerazioni hanno spaccato la difesa bianconera. Quelli che erano in panchina neanche 4 giorni fa allo Stadium. A proposito di panchine dello Stadium: riguardo alle notizie su Allegri la Juventus è sempre stata tranquilla. Anche quando l'allenatore toscano era nel mirino del Chelsea (che ora dopo aver sfogliato la margherita ha virato in maniera decisiva su Conte). La difficoltà di Allegri era impegnarsi ora per giugno: ora che la Juve è in corsa per tutto (a maggior ragione dopo stasera, a proposito dopo 9 mesi ha perso il Bayern in casa!). Il Real? Alla dirigenza juventina fa ancora meno paura. Le convinzioni bianconere sono che il rinnovo di Allegri è praticamente una formalità e verrà autografato dopo l'impegno di Champions. Ma - come sapete bene - finché non ci sono le firme la certezza assoluto non si può avere.

Il duello di mercato invece è su Mammana. Lo stava seguendo la Fiorentina, anzi lo aveva praticamente opzionato, poi ci fu la rottura con i dirigenti del River per via di un prezzo che non volevano far calare. Ora le squadre italiane lo seguono sempre, ma cambiano i colori. E quella più interessata sembra il Napoli. Un blitz, nei giorni scorsi, per trovare un accordo con il ragazzo. Ora però se eventualmente il Napoli volesse davvero insistere deve fare in fretta. Perché si sono già fatte vive Atletico Madrid e Siviglia, senza intavolare una trattativa vera e propria. Ma attenzione al Milan

Tanto è vero che lunedì c'è stato un pranzo proprio fra Galliani e gli agenti di Mammana. Qui però i dubbi sono di duplice natura: intanto il prezzo (bisognerà capire se il Milan intende pagare i 10 milioni più le commissioni agli agenti e naturalmente l'ingaggio al giocatore) e sulla situazione tattica. In questo momento secondo gli uomini mercato Milan Mammana è più efficace in una difesa a tre che in una a quattro. Naturalmente dovrà decidere, ed è tutt'altro che bruciato... magari proprio con Mihajlovic.

E' stato turno infrasettimanale all'estero invece. E pur non giocando (in anticipo aveva fatto pari) il Leicester è come se avesse vinto. Sconfitto il Tottenham, sconfitto l'Arsenal. Altro che aggancio! Non dite che non può essere l'anno di Ranieri: certi segnali arrivano anche dall'esterno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.