HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Una giornata a Nyon: Monchi, vero e proprio campione del bilancio. Lazio fortunata, Napoli decisamente no. Quanto merito c'è della Juve e quanto demerito nel primo tempo?

28.02.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 26115 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

La Svizzera ti incute timore. Soprattutto per chi è abituato a guidare in Italia, dove passare con il rosso è un'ovvietà, inversioni a U con striscia continua all'ordine del giorno, parcheggio senza pagare una certezza, sorpassare a destra una necessità per non impazzire. Invece in Svizzera, dall'entrata Francia a Nyon, ci sono moltissimi autovelox - magari non accesi, certamente deterrenti - una calma quasi irreale. Così, tra una casa meravigliosa, qualche pascolo, pochissime macchine, si staglia la sede dell'UEFA. In leggera discesa, con una magnifica visione sul Lago. Lì ha casa la UEFA, eseguono i sorteggi di Champions ed Europa League, a parte il gran gala iniziale a Montecarlo. La UEFA trasuda professionalità. E soldi, e potere. Sembra un ministero, ben lontano da Bruxelles o Roma. D'altro canto il giro d'affari è probabilmente superiore al PIL di più di qualche nazione europea. I sorteggi di Europa League vedono qualche giornalista, pochi, perché Real Madrid e Barcellona dalla Spagna non ci sono, la Germania sposta molte persone con il Bayern Monaco, dall'Inghilterra snobbano un po': eppure l'urna regala gioie, con un magnifico Manchester United-Arsenal, oltre ad Athletic-Valencia. Ecco, forse la mancanza di iberici salta un po' all'occhio. C'è, però, Marcos Senna del Villarreal, forse il miglior giocatore dell'Europeo 2008: poteva andare alla Juventus, è rimasto a fare la bandiera al Villarreal, ora ne è un po' l'ambasciatore. Alexander Frei ricorda come i giovani italiani non esistano, ma la star è ovviamente Ramon Rodriguez Verdejo.

Perché è vero, il Siviglia è retrocesso dalla Champions. Ma lui può già sorridere. Sa di avere, un'altra volta ancora, salvato il Siviglia. Perché, diversamente dalle sue avversarie (come la Juventus, o il Manchester City) non ha il fatturato per competere. Poco più di 100 milioni di euro, solo avendo grossissimi risultati sportivi, come la vittoria dell'Europa League nelle ultime due stagioni. Meno del Napoli, molto meno di Inter e Milan. Chi parla di fatturato e si attacca solo a quello non sa di potere vincere ugualmente, al di là dei milioni a disposizione. Il Siviglia è quattro volte campione dell'Europa League. Straordinario. Tornando a Monchi - per chi non l'avesse capito all'inizio - sorride, parla con tutti. Perché sa che i suoi biancorossi anche stavolta chiuderanno in attivo, pur senza dovere cedere qualcuno. La decrescita felice, per gli andalusi, va bene a tutti. L'anno prossimo toccherà ritornare a vendere e comprare, magari salutando i campioni alla Bacca o all'Aleix Vidal. La meraviglia è che parla senza grossi problemi di tutti i casi spinosi. Da Banega, che sa di avere perso ma che si godrà negli ultimi mesi della sua esperienza a Siviglia, ad Andreolli. Passando per Immobile. Che sta facendo bene a Torino, e che il Siviglia proverà a riprendersi. Anzi, si riprenderà, magari per cederlo al miglior offerente.

Da una parte c'è cultura sportiva, dall'altra il Napoli. Che, per carità, è stato molto molto sfortunato nella sua campagna di Europa League. Ma lo è fin troppo spesso, dal Dnipro dell'anno scorso (con decisioni arbitrali così così) al Porto di due stagioni or sono, passando per la Champions incredibile con Borussia Dortmund e Arsenal, per non parlare dell'ottavo con il Chelsea. Sarri sta lavorando meravigliosamente, qualche volta recrimina a ragion veduta, altre lo fa per mettere la foglia di fico su un mercato che, obiettivamente, non è stato all'altezza. Grassi è un ottimo calciatore, sarà uno dei nazionali del futuro, è possibile sia un grande colpo, soprattutto in prospettiva. Ma Kramer? Klaassen? Gomes? La sfilza è infinita, De Laurentiis voleva il campione al suo prezzo e così il mercato non si fa. Per la difesa qualcuno dovrebbe spiegare l'acquisto di Regini: ottima riserva, ma niente di più. Ora, con una competizione, quando vedrà il campo? Servivano altri giocatori. Su Higuain si è detto tutto e il contrario di tutto, ma la realtà è che la scorsa estate, quando si parlava di un possibile addio del Pipita, un uccellino sentenziò: "Ma com'è possibile che lui rimanga a lungo tempo? Stanno addirittura peggiorando, vi paiono colpi da Scudetto questi? Sembra ci sia un ridimensionamento". Non è per destabilizzare, perché ci ha già pensato De Laurentiis a uscire: con il pungolo, giusto, per scuotere l'animo del centravanti argentino. Ma se segnasse a livelli umani, da qui alla fine, la nenia sarebbe simile a quella dell'infortunio a Batistuta? Il presidente del Napoli scherza con il fuoco, alle volte sa evidentemente quello che fa, altre mica tanto. E le sparate sono belle quando arrivano i risultati, altrimenti meglio il basso profilo di Monchi.

La Lazio vince e convince con il Galatasaray, quasi umiliando la squadra turca. Dr Miro e Mr Klose, dioscuri nell'Aquila che fa fatica in campionato ma che in Europa viaggia che è una bellezza. E obiettivamente, è pure fortunata: lo Sparta Praga era la squadra più abbordabile degli ottavi, sebbene abbia esonerato il Krasnodar. La Juventus intanto avrà un minimo di flessione, oggi sarà un giorno importantissimo per il finale di campionato. Una vittoria porterebbe un'altra onda al mare già pieno dai sedici risultati utili consecutivi, con quindici maestose vittorie. Però con il Bayern Monaco sarebbe interessante capire se il merito è dei bavaresi, per l'ora in cui hanno asserragliato la Juventus nella sua area, oppure se è demerito dei piemontesi, troppo timorosi. Probabile sia la seconda, perché sulla carta i giocatori bianconeri non sono così inferiori rispetto ai mostri del Bayern. Questione, anche, di filosofia. E Guardiola in questo è un maestro. Pensieri sparsi: la Fiorentina non è da Scudetto, e nemmeno da terzo posto, ma senza Europa forse può fare di meglio: o vinceva l'anno scorso oppure dovrà aspettare per un bel po'. Il Milan continua a macinare gioco, finalmente ha un allenatore dopo aver detronizzato un Allegri senza Thiago Silva e Ibrahimovic, assunto un Seedorf che boh, un Inzaghi decisamente troppo acerbo (e lo si capiva anche dalla Primavera). La dirigenza ha grossissime colpe, e una bella fortuna: un terzo disoccupato a libro paga, con un quarto subentrante, sarebbe stato davvero troppo. La Roma non può battere il Real Madrid, ma può dar fastidio a lungo, a tutti. E oggi sarà fondamentale per la corsa salvezza: se vincono Atalanta e Sampdoria si può già chiudere il tendone. Hellas permettendo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.