HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Una giornata a Nyon: Monchi, vero e proprio campione del bilancio. Lazio fortunata, Napoli decisamente no. Quanto merito c'è della Juve e quanto demerito nel primo tempo?

28.02.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 26148 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

La Svizzera ti incute timore. Soprattutto per chi è abituato a guidare in Italia, dove passare con il rosso è un'ovvietà, inversioni a U con striscia continua all'ordine del giorno, parcheggio senza pagare una certezza, sorpassare a destra una necessità per non impazzire. Invece in Svizzera, dall'entrata Francia a Nyon, ci sono moltissimi autovelox - magari non accesi, certamente deterrenti - una calma quasi irreale. Così, tra una casa meravigliosa, qualche pascolo, pochissime macchine, si staglia la sede dell'UEFA. In leggera discesa, con una magnifica visione sul Lago. Lì ha casa la UEFA, eseguono i sorteggi di Champions ed Europa League, a parte il gran gala iniziale a Montecarlo. La UEFA trasuda professionalità. E soldi, e potere. Sembra un ministero, ben lontano da Bruxelles o Roma. D'altro canto il giro d'affari è probabilmente superiore al PIL di più di qualche nazione europea. I sorteggi di Europa League vedono qualche giornalista, pochi, perché Real Madrid e Barcellona dalla Spagna non ci sono, la Germania sposta molte persone con il Bayern Monaco, dall'Inghilterra snobbano un po': eppure l'urna regala gioie, con un magnifico Manchester United-Arsenal, oltre ad Athletic-Valencia. Ecco, forse la mancanza di iberici salta un po' all'occhio. C'è, però, Marcos Senna del Villarreal, forse il miglior giocatore dell'Europeo 2008: poteva andare alla Juventus, è rimasto a fare la bandiera al Villarreal, ora ne è un po' l'ambasciatore. Alexander Frei ricorda come i giovani italiani non esistano, ma la star è ovviamente Ramon Rodriguez Verdejo.

Perché è vero, il Siviglia è retrocesso dalla Champions. Ma lui può già sorridere. Sa di avere, un'altra volta ancora, salvato il Siviglia. Perché, diversamente dalle sue avversarie (come la Juventus, o il Manchester City) non ha il fatturato per competere. Poco più di 100 milioni di euro, solo avendo grossissimi risultati sportivi, come la vittoria dell'Europa League nelle ultime due stagioni. Meno del Napoli, molto meno di Inter e Milan. Chi parla di fatturato e si attacca solo a quello non sa di potere vincere ugualmente, al di là dei milioni a disposizione. Il Siviglia è quattro volte campione dell'Europa League. Straordinario. Tornando a Monchi - per chi non l'avesse capito all'inizio - sorride, parla con tutti. Perché sa che i suoi biancorossi anche stavolta chiuderanno in attivo, pur senza dovere cedere qualcuno. La decrescita felice, per gli andalusi, va bene a tutti. L'anno prossimo toccherà ritornare a vendere e comprare, magari salutando i campioni alla Bacca o all'Aleix Vidal. La meraviglia è che parla senza grossi problemi di tutti i casi spinosi. Da Banega, che sa di avere perso ma che si godrà negli ultimi mesi della sua esperienza a Siviglia, ad Andreolli. Passando per Immobile. Che sta facendo bene a Torino, e che il Siviglia proverà a riprendersi. Anzi, si riprenderà, magari per cederlo al miglior offerente.

Da una parte c'è cultura sportiva, dall'altra il Napoli. Che, per carità, è stato molto molto sfortunato nella sua campagna di Europa League. Ma lo è fin troppo spesso, dal Dnipro dell'anno scorso (con decisioni arbitrali così così) al Porto di due stagioni or sono, passando per la Champions incredibile con Borussia Dortmund e Arsenal, per non parlare dell'ottavo con il Chelsea. Sarri sta lavorando meravigliosamente, qualche volta recrimina a ragion veduta, altre lo fa per mettere la foglia di fico su un mercato che, obiettivamente, non è stato all'altezza. Grassi è un ottimo calciatore, sarà uno dei nazionali del futuro, è possibile sia un grande colpo, soprattutto in prospettiva. Ma Kramer? Klaassen? Gomes? La sfilza è infinita, De Laurentiis voleva il campione al suo prezzo e così il mercato non si fa. Per la difesa qualcuno dovrebbe spiegare l'acquisto di Regini: ottima riserva, ma niente di più. Ora, con una competizione, quando vedrà il campo? Servivano altri giocatori. Su Higuain si è detto tutto e il contrario di tutto, ma la realtà è che la scorsa estate, quando si parlava di un possibile addio del Pipita, un uccellino sentenziò: "Ma com'è possibile che lui rimanga a lungo tempo? Stanno addirittura peggiorando, vi paiono colpi da Scudetto questi? Sembra ci sia un ridimensionamento". Non è per destabilizzare, perché ci ha già pensato De Laurentiis a uscire: con il pungolo, giusto, per scuotere l'animo del centravanti argentino. Ma se segnasse a livelli umani, da qui alla fine, la nenia sarebbe simile a quella dell'infortunio a Batistuta? Il presidente del Napoli scherza con il fuoco, alle volte sa evidentemente quello che fa, altre mica tanto. E le sparate sono belle quando arrivano i risultati, altrimenti meglio il basso profilo di Monchi.

La Lazio vince e convince con il Galatasaray, quasi umiliando la squadra turca. Dr Miro e Mr Klose, dioscuri nell'Aquila che fa fatica in campionato ma che in Europa viaggia che è una bellezza. E obiettivamente, è pure fortunata: lo Sparta Praga era la squadra più abbordabile degli ottavi, sebbene abbia esonerato il Krasnodar. La Juventus intanto avrà un minimo di flessione, oggi sarà un giorno importantissimo per il finale di campionato. Una vittoria porterebbe un'altra onda al mare già pieno dai sedici risultati utili consecutivi, con quindici maestose vittorie. Però con il Bayern Monaco sarebbe interessante capire se il merito è dei bavaresi, per l'ora in cui hanno asserragliato la Juventus nella sua area, oppure se è demerito dei piemontesi, troppo timorosi. Probabile sia la seconda, perché sulla carta i giocatori bianconeri non sono così inferiori rispetto ai mostri del Bayern. Questione, anche, di filosofia. E Guardiola in questo è un maestro. Pensieri sparsi: la Fiorentina non è da Scudetto, e nemmeno da terzo posto, ma senza Europa forse può fare di meglio: o vinceva l'anno scorso oppure dovrà aspettare per un bel po'. Il Milan continua a macinare gioco, finalmente ha un allenatore dopo aver detronizzato un Allegri senza Thiago Silva e Ibrahimovic, assunto un Seedorf che boh, un Inzaghi decisamente troppo acerbo (e lo si capiva anche dalla Primavera). La dirigenza ha grossissime colpe, e una bella fortuna: un terzo disoccupato a libro paga, con un quarto subentrante, sarebbe stato davvero troppo. La Roma non può battere il Real Madrid, ma può dar fastidio a lungo, a tutti. E oggi sarà fondamentale per la corsa salvezza: se vincono Atalanta e Sampdoria si può già chiudere il tendone. Hellas permettendo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.