HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.01.2017 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 38395 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente la deontologia professionale. La grande visibilità che ti dà scrivere, parlare in tv, in radio, è anche una grossa responsabilità. Però voglio spezzare una lancia nei confronti dei colleghi che si fanno il mazzo sul campo, che parlano e che provano ad avere sempre almeno un paio di pezze d'appoggio prima di sparare una notizia. Mi sono anche sentito dire, in questi giorni, che noi giornalisti "teniamo per noi le notizie". Il problema è che alle volte arriviamo semplicemente in ritardo con una conferma e la news è già vecchia: Kalinic che vuole rimanere succede in un secondo ed è già passato, perché poi arriva il procuratore a Milano e via danzando. Ci sono alcuni dati oggettivi, inoppugnabili. E altri che necessitano di conferma e non sempre puoi trovare il contatto giusto nel giro di mezzo minuto. Questo panegirico è per dire che è pure giusto sparare su chi ha scritto "Kalinic si è assolutamente deciso, andrà in Cina" perché rovina la categoria, soprattutto se lo fa da casa. Sbagliato, invece, fare di tutta l'erba un fascio, su chi - almeno sulle sensazioni - prova a dare percentuali sulla riuscita di un'operazione. Ci sono 3000 procuratori in Italia dopo la deregulation, chi fa le operazioni non ha sempre voglia di parlarne o di cantare, la notizia arriva di traverso o perché ti rimbalza addosso. E poi siamo in un grande gioco, anche noi che parliamo di trasferimenti.

La realtà è che di incontri ce ne sono stati parecchi. Corvino che tenta di capire le offerte - che non è mai arrivata, l'intenzione era quella di trovare l'accordo con Kalinic e poi, eventualmente, trattare con la Fiorentina - Ramadani che entra sulla terrazza del ME per cercare Davide Lippi, il quale arriva poco dopo e parla con Giuseppe Riso, una sensazione (e una distensione) che potesse finire con una fumata bianca. La corsa - che anche il web impone, ma anche le all news - alla notizia poi fa prendere la mano a chi, nei luoghi del calciomercato, non c'è. L'affidabilità e l'integrità è necessaria: poi si può sbagliare, l'importante è essere in buona fede e non mentire sapendo di farlo. Detto questo Kalinic andrà in Premier League in estate, con buona pace di tutti.

Così ringraziamo la Fiorentina e Fabio Cannavaro per avere movimentato una settimana quasi morta, dopo l'approdo di Gagliardini all'Inter, quello di Pavoletti al Napoli, di Orsolini alla Juventus. Ecco, i bianconeri hanno chiuso il proprio mercato in entrata dopo l'arrivo del calciatore dell'Ascoli, che in realtà non è un acquisto reale perché arriverà a giugno. Patrice Evra sta puntando i piedi per andarsene, la Juventus crede che Asamoah e Mattiello siano alternative sufficienti ad Alex Sandro. Tolisso è un obiettivo, ma anche lui sembra che possa arrivare solamente in estate. Colpi di coda esclusi, ma sembra davvero molto complicato. Chi deve operare è la Roma, che vorrebbe a tutti i costi Defrel (un principio di accordo con il giocatore c'è, con il club no) ma è una strada in salita. E il Milan? Tre giorni a casa Milan ad aspettare Galliani all'uscita per capire, finalmente, che venerdì era il giorno giusto. Fa niente se il tweet fa arrabbiare l'Everton perché mancavano ancora le visite mediche, ma sono solamente dettagli da social media manager. Forse. In compenso per giugno la prenotazione per Alejandro Gomez appare netta, magari inserendo contropartite tecniche gradite a Gasperini... a meno di colpi di scena incredibile per Kessie.

Chiudiamo con le difficoltà delle ultime tre: al netto degli errori del Palermo, Crotone e Pescara fatturano troppo poco per avere grandi possibilità di salvezza. Un colpo sbagliato e si va a picco, così quasi sempre scendono almeno due neopromosse. Rimane il fatto che, almeno rispetto alla Premier League, il nostro campionato abbia un grosso problema nei diritti televisivi. Il brand delle piccole è troppo debole, un Juventus-Empoli non vale uno Stoke City-Middlesbrough. E non lo varrà mai se dovessero continuare a esserci certe differenze economiche.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.