HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Una settimana di fuoco per rilanciarsi in campionato, poi parli chiaro chi ha dei dubbi sul suo futuro a Napoli: questa piazza merita lo scudetto e non altri tradimenti

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
26.10.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17809 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Una settimana campale, cruciale, al limite delle considerazioni estreme. Da oggi a sabato prossimo, sette giorni di fuoco. Si comincia con la sfida casalinga contro il Verona, per proseguire con l'infrasettimanale di Bergamo e il big match di sabato al San Paolo contro la Roma. Se il bel Napoli di un anno fa non è sparito, se è soltanto finito in letargo dopo le fatiche Mondiali e se davvero può rilanciarsi verso le prime posizioni della graduatoria, questo è il momento giusto per dimostrare che la strada dalla quale Benitez ha deciso di non spostarsi, è sempre quella giusta. "Non bisogna dare peso alle sconfitte" è il credo di don Rafè, perché per lui prima o poi i calciatori impareranno quel calcio che sta provando ad impartire loro da 16 mesi a questa parte. Meglio prima che poi. Diceva Totò, "ogni limite ha una pazienza" e pure quella di De Laurentiis comincia a vacillare, al sol pensiero degli investimenti fatti nelle ultime tre sessioni di mercato per dare a quel Napoli capace "solo" di approdare in Champions e vincere una Coppa Italia a distanza di cinque lustri dall'ultima, un tecnico vincente ed acquisti di alto profilo per fare il salto di qualità e dare l'assalto allo scudetto. Se poi riesci pure a convincere uno degli attaccanti più costosi e richiesti al mondo che il tuo progetto è giusto quasi quanto quello di altri top club, allora sì che la spesa vale l'impresa. Poi succede che Higuain non segna da 8 partite di campionato per 720 minuti complessivi e pure Hamsik comincia a perdere valore perché all'asciutto in serie A dallo scorso 11 maggio. Certo, succederà che riprenderanno a fare gol, li hanno sempre fatti, nell'auspicio che intanto la squadra non perda altro terreno in vista degli obiettivi che società e tecnico si sono prefissati. Fallire non si può, non si deve, essendo quello azzurro un club che campa di successi sportivi per tirare fuori i ricavi necessari a potenziare l'organico. Altro non ha ed in una situazione simile occorre adottare la politica dei piccoli passi, aggiungendo uno o due pezzi su di un mosaico che dovrebbe essere incoraggiato e non demolito. Tutto il resto sono chiacchiere, perché sarebbe impossibile in tale contesto investire 100 milioni all'anno in cartellini di calciatori e nemmeno si può aspettare che dal vivaio vengano fuori i talenti che occorrono per vincere un po' di più di ogni 25 anni. Il Napoli di adesso, quello che non può contare sulle risorse provenienti dallo stadio di proprietà o su soci danarosi come gli sceicchi, deve muoversi con cautela, centellinando le energie, valorizzando sempre il parco giocatori e non costringerli ad andar via quando hanno un carattere forte e non sono solo dei soldatini ai quali insegnare nevroticamente i meccanismi di gioco. A Napoli solitamente bisogna essere malleabili, nella vita di tutti i giorni quanto nel calcio, ed esser bravi a trovare il giusto compromesso per soddisfare una platea stufa dei piazzamenti e desiderosa, oggi, di essere prima almeno nel pallone. Questa è Napoli, tutto il resto sono chiacchiere e gite turistiche come qualsiasi visitatore dovrebbe fare. In una realtà solitamente individualista ci si riconosce solo in uno sport di squadra come il calcio, per il quale dimenticare le differenze di classe e di professione e ritrovarsi, loro sì, "spalla a spalla" nel dare spinta ai calciatori in campo. Qui la serenità è un difetto e diventa obbligatorio tirare fuori la "cazzimma" per superare ostacoli altrimenti insormontabili. A Napoli serve questa qualità intraducibile per cancellare il divario con chi ha di più, ma diventa obbligatorio soprattutto il parlar chiaro. Adesso, non necessariamente in pubblico, affinchè la società sappia su chi potrà contare o meno per il futuro prossimo di una squadra e di una piazza che non meriterebbero altri tradimenti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.