HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Una settimana di fuoco per rilanciarsi in campionato, poi parli chiaro chi ha dei dubbi sul suo futuro a Napoli: questa piazza merita lo scudetto e non altri tradimenti

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
26.10.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17811 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Una settimana campale, cruciale, al limite delle considerazioni estreme. Da oggi a sabato prossimo, sette giorni di fuoco. Si comincia con la sfida casalinga contro il Verona, per proseguire con l'infrasettimanale di Bergamo e il big match di sabato al San Paolo contro la Roma. Se il bel Napoli di un anno fa non è sparito, se è soltanto finito in letargo dopo le fatiche Mondiali e se davvero può rilanciarsi verso le prime posizioni della graduatoria, questo è il momento giusto per dimostrare che la strada dalla quale Benitez ha deciso di non spostarsi, è sempre quella giusta. "Non bisogna dare peso alle sconfitte" è il credo di don Rafè, perché per lui prima o poi i calciatori impareranno quel calcio che sta provando ad impartire loro da 16 mesi a questa parte. Meglio prima che poi. Diceva Totò, "ogni limite ha una pazienza" e pure quella di De Laurentiis comincia a vacillare, al sol pensiero degli investimenti fatti nelle ultime tre sessioni di mercato per dare a quel Napoli capace "solo" di approdare in Champions e vincere una Coppa Italia a distanza di cinque lustri dall'ultima, un tecnico vincente ed acquisti di alto profilo per fare il salto di qualità e dare l'assalto allo scudetto. Se poi riesci pure a convincere uno degli attaccanti più costosi e richiesti al mondo che il tuo progetto è giusto quasi quanto quello di altri top club, allora sì che la spesa vale l'impresa. Poi succede che Higuain non segna da 8 partite di campionato per 720 minuti complessivi e pure Hamsik comincia a perdere valore perché all'asciutto in serie A dallo scorso 11 maggio. Certo, succederà che riprenderanno a fare gol, li hanno sempre fatti, nell'auspicio che intanto la squadra non perda altro terreno in vista degli obiettivi che società e tecnico si sono prefissati. Fallire non si può, non si deve, essendo quello azzurro un club che campa di successi sportivi per tirare fuori i ricavi necessari a potenziare l'organico. Altro non ha ed in una situazione simile occorre adottare la politica dei piccoli passi, aggiungendo uno o due pezzi su di un mosaico che dovrebbe essere incoraggiato e non demolito. Tutto il resto sono chiacchiere, perché sarebbe impossibile in tale contesto investire 100 milioni all'anno in cartellini di calciatori e nemmeno si può aspettare che dal vivaio vengano fuori i talenti che occorrono per vincere un po' di più di ogni 25 anni. Il Napoli di adesso, quello che non può contare sulle risorse provenienti dallo stadio di proprietà o su soci danarosi come gli sceicchi, deve muoversi con cautela, centellinando le energie, valorizzando sempre il parco giocatori e non costringerli ad andar via quando hanno un carattere forte e non sono solo dei soldatini ai quali insegnare nevroticamente i meccanismi di gioco. A Napoli solitamente bisogna essere malleabili, nella vita di tutti i giorni quanto nel calcio, ed esser bravi a trovare il giusto compromesso per soddisfare una platea stufa dei piazzamenti e desiderosa, oggi, di essere prima almeno nel pallone. Questa è Napoli, tutto il resto sono chiacchiere e gite turistiche come qualsiasi visitatore dovrebbe fare. In una realtà solitamente individualista ci si riconosce solo in uno sport di squadra come il calcio, per il quale dimenticare le differenze di classe e di professione e ritrovarsi, loro sì, "spalla a spalla" nel dare spinta ai calciatori in campo. Qui la serenità è un difetto e diventa obbligatorio tirare fuori la "cazzimma" per superare ostacoli altrimenti insormontabili. A Napoli serve questa qualità intraducibile per cancellare il divario con chi ha di più, ma diventa obbligatorio soprattutto il parlar chiaro. Adesso, non necessariamente in pubblico, affinchè la società sappia su chi potrà contare o meno per il futuro prossimo di una squadra e di una piazza che non meriterebbero altri tradimenti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.