HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto

20.01.2017 07.52 di Enzo Bucchioni   articolo letto 58766 volte
© foto di Federico De Luca

Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista di grande qualità e personalità (da Juve) e si sono visti sfuggire definitivamente pure Witsel una settimana fa.

Passare da Pirlo-Vidal-Pogba ai centrocampisti di oggi è un triplo salto mortale, una volta quella era la forza della squadra, oggi non la è più.

Per questo la ricerca di centrocampisti sta diventando incessante e ossessiva. Il primo obiettivo è un regista, un uomo che prenda l’eredità di Pirlo e come vi abbiamo già detto è già stato individuato in Verratti. Sappiamo che anche l’Inter ci sta provando, il Bayern deve sostituire Xavi Alonso. In mezzo alla concorrenza la Juve si è mossa benissimo e oggi è in netto vantaggio: se il ragazzo andrà via da Parigi verrà alla Juve.

Il perché è presto spiegato. La Juve ha deciso di andare direttamente sul giocatore e sul suo procuratore e l’operazione è riuscita. Ci sono indizi, ma anche tracce concrete. Vi siete mai chiesti come mai improvvisamente la Juve si è buttata a capofitto su un ragazzo di 20 anni dell’Ascoli chiamato Riccardo Orsolini pagandolo 6,5 milioni più 5,5 milioni di bonus più una serie di ragazzi juventini come Tamba, Slivika, Favilli, Beltrame e altri finiti nelle Marche? Tanto più che sul giocatore c’era già da tempo tranquillamente il Milan, senza concorrenza. Una risposta un po’ maliziosa, ma semplice c’è: Orsolini è della stessa scuderia di Di Campli, il procuratore di Verratti. Niente di male, ma sicuramente non è una coincidenza, il mercato funziona anche così, chiedere a Raiola. Poi la conferma diretta è arrivata proprio da Di Campli che, tanto per mettere le mani avanti, ha ammesso <è vero, la Juve mi ha chiesto di Verratti>.

In questi casi si fa così. Il giocatore è già convinto da tempo di voler venire alla Juve, vuol giocare in un campionato più intenso e anche in chiave Nazionale è meglio giocare in Italia. La Juve è la squadra che ha sempre sognato. Il procuratore darà una mano su tutta la vicenda, dovrà essere lui a mettere in campo una strategia per far capire prima e convincere poi, il Psg che il ragazzo a Parigi non vuol più stare. Calma. Tempo al tempo.

Naturalmente la Juventus sa che un’operazione del genere costerà non meno di 80 milioni, ma è tutto pronto. Dopo sei anni, per continuare un ciclo, serve un ringiovanimento e un rinnovamento: si ripartirà da Verratti.

Naturalmente stiamo parlando di giugno. Il problema centrocampista è anche di oggi. Rincon non può bastare, buon giocatore, ma è davvero da Juve? Vedremo. Servirebbe qualcosa di più, giocatori con maggior classe, dinamismo e di livello internazionale. Su N’Zonzi ci sono troppi ostacoli, le forze ora sono tornate a concentrarsi su Tolisso del Lione. Non può giocare in Champions, ma potrebbe dare il cambio a Marchisio in campionato e sarebbe già tanto. Anche l’idea Rakitic (non gioca nel Barca) è stata sondata, ma guadagna troppo e si è già promesso a Guardiola per il City. I suoi amici juventini (Manduzkic, Pjaza e compagnia) lo corteggiano e insistono, ma un’operazione del genere a gennaio è quasi impossibile. Mancano dieci giorni alla chiusura del mercato, il colpo vero è difficile, complicato, ma la Juve ci proverà.

Intanto, però, Allegri deve fare di più anche con questa rosa. La Juve vista a Firenze è apparsa d’improvviso invecchiata nelle gambe e nella testa. Ma anche Allegri non è stato lucidissimo nel tornare a quel vecchio 3-5-2 che non piò funzionare senza una grande difesa e grandi esterni. Troppo lontani dalla porta, squadra troppo lunga, Dybala basso, Higuain isolato. Domenica si è visto un disastro vero. Al di là dei risultati ottenuti (prima in classifica, qualificazione Champions, avanti in coppa Italia), la Juve non lascia l’impressione della grande squadra. Allegri non ha ancora inserito bene i nuovi come Higuain che segna, ma per prodezze individuali o Pjanic provato in troppe posizioni. Quale è oggi il miglior reparto della Juve? L’attacco, senza dubbio. Per me allora Allegri dovrebbe ricominciare da lì cambiando assetto e modo di stare in campo per sfruttare la forza offensiva della squadra. Se vuol giocare con i tre dietro deve ricordarsi che Rugani in questi momento è il più in forma e Benatia (quando tornerà) è una risorsa. Barzagli e Chiellini mostrano crepe, Bonucci deve recuperare. Il 3-4-2-1 potrebbe essere una buona base con Lichtsteiner (in attesa di Dani Alves), Rincon, Marchisio e Alex Sandro in mediana, Dybala e Pjanic dietro a Higuain. In questo modo, tenendo la difesa più alta, senza un regista basso, si potrebbe portare la regia più avanti nei piedi di Pjanic e la Juve stare più vicino alla porta avversaria. Qualcosa Allegri deve fare, i giocatori di personalità ci sono e in Europa si deve giocare per vincere. Sempre. Detto questo capisco il malumore dei tifosi, da un bravo allenatore come Allegri è logico aspettarsi un’invenzione e più coraggio invece di tornare al modulo di Conte. Non ritorno sul discorso dell’addio già fatto mesi fa, per me ci sarà, ma c’è tempo per riparlarne.

Riparlando di mercato, il colpo vero (viste le due prime partite) sembra averlo fatto davvero l’Inter. Ho scritto che 25 milioni per un giocatore con 14 partite in A alle spalle erano troppi, ma visto Gagliardini al debutto e in coppa Italia, ha fatto due gare da giocatore importante con la personalità del veterano. Se continua così può essere davvero il nuovo Tardelli o roba del genere. Intanto l’incontro Zhang-Thohir-Moratti, bollato come cortesia pura, in realtà è servito a capire cosa fare del 30 per cento dell’Inter ancora in mano all’indonesiano. Zhang avrebbe piacere di riportare in società l’ex patron, Moratti è tentato, ma l’idea di mettere assieme una cordata di imprenditori interisti-amici sta trovando difficoltà. Economicamente Moratti non vuole tornare a impegnarsi così tanto, ma non ci sono grandi problemi: se alla scadenza Moratti declinerà l’offerta, interverrà ancora Zhang per diventare unico azionista. Una cosa è certa: i cinesi vogliono una grande quadra prima possibile. Le risorse ci sono.

Le risorse, invece, scarseggiano a Firenze. I Della Valle però, come sappiamo, stanno per fare il grosso colpo Kalinic. Il giocatore è d’accordo con Cannavaro, vuole andare in Cina per 12 milioni netti per quattro anni. Ieri doveva essere il giorno buono per l’accordo finale fra le società sulla base di circa 40 milioni, ma è stato messo tutto in stand-by. Perché non si chiude? Prima di dare l’annuncio dell’addio di Kalinic, Andrea Della Valle vuole trovare un sostituto degno e soprattutto vuol far giocare a Kalinic la sfida con il Napoli di martedi’ prossimo in coppa Italia. Basta aspettare….

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.