HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Viva Rafa Masaniello, difende Napoli da nemici presunti e se stesso dalle critiche agli errori. Poi esalta il mercato del club e non teme la parola Scudetto: forza Benitez, ora tocca a te!

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
14.09.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22322 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Finalmente. Era ora che arrivasse qualcuno da fuori per difendere Napoli, una città troppo spesso massacrata soprattutto per mano di chi ci vive. Bravo Rafa, davvero, era dai tempi di Francesco II di Borbone che nessuno prendeva una posizione tanto forte, quanto l'ultimo sovrano delle Due Sicilie che amò sinceramente il suo popolo. L'arringa è stata accorata, tanto da mostrarsi come mai in precedenza in pubblico, sudato e ansimante per l'insolita passione utilizzata al fine di spostare l'attenzione lontano da un'eliminazione cocente ed un mercato infelice. Per poi additare "nemici" che, loro per primi, non fecero fatica ad esaltarne le gesta quando il Napoli vinse a Milano o mise sotto Juventus e Roma nella sua prima stagione da allenatore azzurro. O partenopeo che dir si voglia, perché da ieri si è attribuito da solo la qualifica di separatista, il patriota che sfugge all'Europa unita e riconsegna l'Italia ai tempi in cui ci si faceva guerra Comune per Comune. "Viva Rafa", urla il suo "pueblo fiel", ripercorrendo al contrario i fatti raccontati dalla storia, per vestire, lui castigliano doc, i panni di Tommaso Aniello D'Amalfi, il mercante rivoltoso che 350 anni fa scatenò la rivolta popolare contro le gabelle imposte dal governo spagnolo. Finalmente abbiamo ammirato l'orgoglio di don Rafè che troppe volte aveva coperto dietro sorrisi dipinti e risposte di comodo. Ora sì che ha assunto le sembianze del condottiero, così tanto da incitare la squadra a rendere di più e cancellare gli errori passati che lui stesso aveva ammesso. Vedrete che oggi il Napoli darà il meglio di sé, travolgerà il Chievo che non avrà chance e tutti esulteremo per la vittoria della "nostra" squadra del cuore. Sì, la "nostra", di quelli che non dicono "Forza Napoli sempre" sol perché stipendiati dal club, ma perché siamo nati qui, con addosso una fede che nessun editore avrebbe mai potuto condizionare, da 30 anni a questa parte, cioè molto tempo prima di quando Benitez cominciava ad allenare. Chi arriva qui, poi, si lega a tutto ciò che Napoli esprime. Pure Rafa ha subìto lo stesso fascino e chissà quanto si sarà rammaricato di non aver portato più moglie e figlia a vivere con lui, dopo aver cercato una casa confortevole a Posillipo. La famiglia è a Liverpool, dove ha trascorso l'ultima, controversa settimana di vacanza. Gli ha fatto bene riposare, essendo tornato a lavoro con le motivazioni alle stelle ed un senso di Napoli che, siamo certi, si tradurrà ben presto in un rinnovo pluriennale del contratto. Chissà con quanta ansia aspetterà il ritorno del presidente dagli Stati Uniti per firmare quell'atto d'amore più che di lavoro, un impegno morale avente come fine il solo bene del Napoli, tanto da immaginare di sottovalutare il senso del danaro ed accettare anche un contratto al minimo sindacale. Così sì, la tifoseria del Napoli avrebbe la piena consapevolezza che Benitez sia davvero diventato uno di noi e per sempre lo sarebbe, come è successo a Pesaola e Vinicio rimasti a vivere sotto al Vesuvio. Solo con un allenatore-tifoso si potrà tornare a vedere altri calciatori napoletani in squadra, o magari anche solo italiani, giacchè Jorginho è l'unico italo-brasiliano acquistato da De Laurentiis da quando ha affidato le redini del mercato tra le mani del coach spagnolo. Ma bisogna fidarsi di lui già adesso che ha giudicato il mercato del Napoli "perfetto", aggiungendo che "la squadra è più forte ed equilibrata dell'anno scorso". I tifosi credono ciecamente in lui e queste osservazioni aprono il cuore di chi tifa Napoli rimettendoci di tasca propria, nell'attesa spasmodica di riuscire a vincere quello scudetto che manca da 24 anni. Senza la Champions, poi, sarà ancora più comodo tenere testa alla Roma ed alla Juventus, apparentemente meglio attrezzate nella corsa al titolo. E' stato veramente bello sentire ieri l'orgoglio nazionalista di Benitez, una dissertazione-fiume nel corso della quale ha inquadrato bene il senso di Napoli quando ha detto che "il tifoso è intelligente". Ed a quel tifoso ha aggiunto che "non bisogna aver paura di pronunciare la parola scudetto". Ecco, è quel pezzetto tricolore che lega la gente di Napoli a chiunque venga qui da professionista, per guadagnare il giusto ingaggio. Null'altro. Perché puoi essere Masaniello quanto vuoi, se non porti i risultati, la storia racconta che non finisce benissimo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.