HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Vorrei Zeman a Bologna per scoprire un altro Verratti (che era già rossoblù)

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
08.06.2014 00.00 di Italo Cucci  articolo letto 35467 volte
© foto di Federico De Luca

Chiedo venia se dedico questa mia nota a un club pressoché anonimo, bistrattato dai suoi dirigenti e calciatori, ignorato da un pubblico che si dice tifoso ma è andato allo stadio per vederlo cadere in B, all'ultima partita, soprattutto perché la società aveva distribuito biglietti gratuiti. Parlo del Bologna che "tremare il mondo faceva" e "giocava come in Paradiso", retrocesso ufficialmente a fine campionato ma già i odor di B da mesi. Da quando Alino Diamanti s'era trasferito in Cina in cambio di un sacco di milioni necessari alla società per pagare gli stipendi ai calciatori, strapagati anche per non far nulla. Forse addirittura da quando una campagna (acquisti)-cessioni aveva lasciato partire da Bologna Gilardino, Gabbiadini e Taider senza che l'allenatore Pioli, tradendo un passato onorevole, facesse la minima mossa per trattenerli. Potenza dello stipendio che riduce i tecnici al ruolo di "sissignori" - più nobilmente "aziendalisti" - spesso destinati a esser cacciati conuna pedata. Oggi 7 giugno la città di Bologna celebra con animo mesto il cinquantesimo anniversario della conquista dell'ultimo scudetto - il settimo - ottenuto all'Olimpico nel 1964 ai danni dell'Inter in uno storico spareggio che si concluse con due reti rossoblù firmate da Fogli e Nielsen. Storica la mossa tattica di Fulvio Bernardini che fece giocare all'ala sinistra - infortunato Ezio Pascutti - un terzino, Bruno Capra, mandando in cofusione Helenio Herrera- Il 5 ho partecipato a una serata celebrativa dell'evento alla presenza di un pugno di reduci da quella storica battaglia perché la vissi minuto per minuto da giornalista ma anche da tifoso, non avendo mai nascosto la mia fede rossoblù, contrariamente ai tanti addetti ai lavori che trovano disdicevole confessare la passione per una squadra. Finita la mestacelebrazione del passato dedicata soprattutto a una Città fedelissima, ho scorso le note tristissime del presente dalle quali si arguisce che il Bologna non deve piangere troppo sulla retrocessione e anzi dirsi soddisfatto se riuscirà a giocare in Serie B, viste le precarie condizioni economiche prossime al fallimento. Non so chi riuscirà a salvare dalla sparizione il glorioso club e tuttavia mi permetto di sollecitare i soccorritori ad assumere un allenatore che ho spesso contestato dopo averlo esaltato quand'era alla guida del Foggia portato trionfalmente in Serie A. Dico di Zdenek Zeman, eroe del qualunquismo pedatorio e tuttavia grade scopritore e allevatore di talenti soprattutto in B. In queste ore viene celebrato Gran Maestro della Palla Rotonda per avere indirizzato verso il Mondiale brasiliano ben tre giovani calciatori, Immobile, Insigne e Verratti. Zeman è forse l'unico in grado, oggi, di riportare in A il Bologna se gli sarà consentito di cercare fra i giovani qualche Verratti. A proposito del quale ricordo con rabbia a chi non lo sapesse che il ragazzo oggi quotato come Pirlo prima di avviarsi a Parigi stava per firmare per il Bologna. Felice il suo procuratore che non accettò condizioni cialtronesche da parte di qualche emissario italico e finì per farsi conquistare da qualche mercante arabo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.