HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Zamparini prima caccia e poi richiama Ballardini! Garcia e Mihajlovic tornano in bilico, gli azzurri e il mercato (soprattutto le punte). Gennaio caldissimo...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.01.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 46881 volte
© foto di Federico De Luca

Impossibile non intrecciare la giornata di campionato con il mercato. Impossibile, soprattutto per la questione allenatori.
Intanto a Palermo torna Iachini, in ritiro. Tutti a Coccaglio. L'esperienza con Ballardini non è servita. Anzi no scusate. Zamparini ci ripensa. Ballardini sarà in ritiro e Iachini rimane a casa. Vi sembra uno scherzo? E' tutto vero. D'altronde il calciomercato non sarebbe divertente senza il presidente rosanero. Dopo aver parlato con entrambi Zamparini ha cambiato nuovamente idea. E Ballardini rimane al suo posto... Ora vedremo se saranno più efficaci i nuovi arrivi (Cristante raggiungerà direttamente in ritiro i suoi compagni) come Sensi (per cui Zamparini aspetta ancora qualche giorno) e Balogh, l'attaccante del Debrecen che il Palermo sta seguendo da un po'.

Poi la questione Garcia e Mihajlovic. Il prossimo turno li vede contro, come quasi fosse un gioco ad eliminazione. Chi farà male torna all'inferno. Alla Roma il pareggio con il Chievo per come è arrivato fa male come una sconfitta. Ci sono anche mille scusanti (come le tantissime assenze) ma purtroppo per l'allenatore alla fine contano i risultati. E se non arrivano tutto torna in discussione. Il mercato va avanti lo stesso indipendentemente dalla questione allenatore. Sabatini sta lavorando per trovare il sostituto di Iturbe e i nomi sono sempre quelli: Perotti bloccato dal Genoa, El Shaarawy di ritorno dalla Francia e magari un'idea Cerci (visto che è cresciuto nel settore giovanile della Roma). Ma l'emergenza sembra dietro. E qui di nomi, almeno noti, ce ne sono molti meno. Qualcuno proposto, qualcuno sondato: nessuno sembra essere al momento quello giusto. Né per il difensore centrale, né per l'alternativa a Digne a sinistra. Di tempo ce n'è e Sabatini lo saprà sfruttare: ma la situazione sta comunque diventando pesante.

Come in rossonero. Silenzio, solo silenzio. Nessuno commenta la posizione di Mihajlovic. Probabilmente per rifletterci su e questo non può essere un buon segnale. Anche qui ormai tutto è legato ai risultati: senza dimenticare che c'è anche la coppa Italia per il Milan, fondamentale a questo punto. Di mercato però neanche a parlarne: per i soldi spesi in estate (che non stanno fruttando quanto dovuto) e per la mancanza di occasioni da poter cogliere. I giocatori che sposterebbero gli equilibri a gennaio costano troppo. E poi bisognerebbe fare spazio. Ed è inevitabile che la questione panchina pesi anche nelle riflessioni di mercato: sareste sicuri che anche nel caso arrivasse un grande giocatore la stagione del Milan subirebbe un'inversione di tendenza drastica?

Non abbiamo parlato dei possibili sostituiti: i nomi che girano sono sempre quelli. In pole position ci sono Spalletti per la Roma e Brocchi per il Milan.
Fine allenatori. Sotto con il mercato.

L'Inter potrebbe avere un'improvvisa accelerata sul mercato se si concretizzasse l'interesse del Liverpool su Ranocchia. Al momento nessuna offerta ufficiale (ma sarebbe pronta una richiesta per il prestito) per poter valutare il futuro. Ma il ragazzo, almeno al momento, preferirebbe rimanere in Italia per giocarsi le sue carte e convincere Conte a portarlo in Francia. In Italia sono in tre a cercarlo: Bologna, Torino e Sassuolo. Il problema però è che l'Inter (che aveva ricevuto anche un'offerta dal Norwich) non ha intenzione di aiutare nessuno nel pagamento dell'ingaggio. Quindi chi vuole Ranocchia deve mettersi d'accordo con lui. La Nazionale è comunque un motore per il mercato. Sono tanti gli "azzurrabili" che vorrebbero giocare di più per avere più chanches. Due si sono praticamente tirati fuori in questi ultimi giorni. Uno è Zaza che continua a segnare partendo dalla panchina: con la Juve ha deciso di rimanere convinto di poter essere determinante (e quindi scelto) anche così. L'altro è Immobile. Per lui era importante giocare da titolare il derby di Siviglia in coppa. Ha giocato un'ora abbondante. Non ha brillato ma ha incassato la fiducia del club. Quindi non chiederà di essere ceduto con buona pace di Samp (e Torino) che aveva provato a chiederlo in prestito.

Però prendete El Shaarawy (costretto a cambiare se vuole giocare, visto che al Monaco non farà più neanche un minuto) cercato da Bologna, Genoa, Fiorentina e Bornemouth. Prendete Giuseppe Rossi (anche qui Bologna e Genoa più Villarreal e Betis Siviglia). Prendete Cerci che lo avrebbe preso il Genoa, ma l'Atletico Madrid non acconsente al prestito su prestito. Anche Pellé potrebbe rientrare in questo turbinio, visto che la Fiorentina l'ha chiesto ufficialmente al Southampton.

La squadra che potenzialmente potrebbe fare di più in questo mercato è il Napoli. I due obiettivi sono il centrocampista e il difensore. Maksimovic obiettivo numero uno. Con il Torino si è cominciato a parlare attraverso intermediari. Una difficoltà (in questo momento) è che il Toro non ha in mano ancora il suo sostituto. E poi il prezzo. E' vero che si comincia a parlare di bonus e di come raggiungerli e questo significa che c'è una disponibilità a cedere. Ma il prezzo rimane alto. Si parte sempre dai 25 milioni di questa estate, contro i 18 offerti. Con un bel po' di buona volontà e pazienza si può anche essere ottimisti per la chiusura della trattativa. Più difficile quella per il centrocampista: obiettivo numero uno è Andre Gomes del Valencia. Ma non è affatto scontato, anzi. Il ragazzo piace moltissimo ma è anche nel mirino delle inglesi e delle spagnole. Dovesse andar via il Valencia potrebbe puntare a Soriano della Samp. Se dovesse invece andar male al Napoli i pensieri vanno sempre a Herrera del Porto e Kramer del Bayer Leverkusen.
A proposito di centrocampisti. Il Palermo abbiamo detto su Sensi. Ma c'è una nuova concorrente: il Sassuolo. Ieri incontro dopo la partita. E non è escluso che possa esserci una sinergia con la Juventus visti gli ottimi rapporti fra le due società. E poi Tatchidis: fortissimo interesse del Torino che in attacco punta ora si Kramaric, viste le difficoltà per Immobile.

Queste le notizie di oggi, ma di cose da dire in questo mercato di gennaio ce ne saranno tante. A cominciare dagli atatccanti: Borriello per esempio, oppure di Bianchi che vuole tornare dalla Spagna. Oppure Paloschi che è richiestissimo dall'Atalanta. Oppure parlare del Carpi che si appresta una piccola/grande rivoluzione per inseguire il sogno della salvezza. A proposito: come al solito a fine anno si stilano le classiche pagelle. Il meglio e il peggio. A me non piace mai dare giudizi così netti (né credo che la mia opinione sia così rilevante né tantomeno penso di essere nelle condizioni di poter giudicare a 360 gradi il lavoro degli altri: analizzare sì, giudicare no, questo è il mio pensiero) ma alle domande si risponde. Ho quindi detto che secondo me il più deluso (deluso e non il peggiore) era proprio l'ex ds del Carpi Sogliano, che immaginava fosse difficile la sua avventura, ma non così complicata. Una sfumatura, che però cambia il senso del discorso. Mi sembrava giusto dover rettificare: questione di stile.

Nel frattempo voi tenetevi forte. Le notizie arrivano lo stesso. Anzi ne arrivano tante. Su questo posso sbilanciarmi eccome...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.