HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
L'avvocato del diavolo

Serie A, riposo a Natale... ma perché? Atleti troppo tutelati, il calcio è spettacolo... e per le feste si giochi

Claudio Pasqualin (Udine, 30 maggio 1944) è un procuratore sportivo e avvocato italiano del Foro di Vicenza, esperto di diritto sportivo. È stato vicepresidente dell'AIC, presidente di AssoProcuratori ed è attualmente presidente di AvvocatiCalcio.
28.12.2015 08.42 di Claudio Pasqualin   articolo letto 40783 volte
Fonte: Testo raccolto da Alessio Alaimo
© foto di Federico De Luca

Sono stato Segretario Generale dell'Associazione Italiana Calciatore per quasi un decennio tra gli anni settanta e ottanta. Credo perciò di aver dato in qualche modo il mio contributo alla crescita della categoria dei calciatori. Crescita sia culturale che sul piano dei diritti. Presidente era Sergio Campana e membri del Consiglio Direttivo Gianni Rivera e Sandro Mazzola. Alcuni atteggiamenti odierni dell'AIC mi lasciano però perplesso: l'opposizione ad una drastica riduzione dell'area professionistica, attualmente affollata da una pletora di società cronicamente incapaci di reggere un autentico professionismo e spesso sull'orlo del fallimento, mi sembra infatti suggerita da un ragionamento di veterosindacalismo che attiene al mantenimento a tutti i costi del cosiddetto posto di lavoro, più che alla tutela dall'economicità dell'intero sistema calcio. Ma in questi giorni di festa si fa sempre più palese e manifesto l'errore di pretendere la sosta invernale in coincidenza con Natale e Santo Stefano. Mentre l'Inghilterra e anche la nostra lungimirante Serie B danno spettacolo, i nostri calciatori di Serie A (quasi tutti stranieri e quindi poco sindacalizzati) vanno al mare al caldo ( Carabi, Maldive o Brasile) oppure St.Moritz e Cortina o se ne restano al calduccio di casa. Ma non sarebbe meglio se riposassero per qualche giorno a gennaio dopo le feste? Mai come in questi giorni i tifosi hanno il tempo di dedicarsi ai loro hobby e alle loro passioni e probabilmente riempirebbero gli stadi, come avviene in Inghilterra, più di quanto faranno a gennaio. Varrebbe almeno la pena di provarci e di fare un tentativo. I cinema e i teatri sono pieni. E il calcio, cos'è se non uno spettacolo? Io non ho mai saputo di attori che rinunciano al Palcoscenico per riposare nei giorni della festa. Anzi. Avviene proprio il contrario: gli uomini di spettacolo sperano ardentemente di andare in cartellone i giorni di festa, così da santificare la festa stessa. Festa che è di milioni di tifosi e cioè dei fruitori di uno spettacolo che dovrebbe essere recitato da non più di cinquecento professionisti che però, proprio in quei giorni (e non poco dopo) pensano di dover riposare. La maggioranza dei 500 viene peraltro da altri paesi, più o meno esotici, e appartiene a diverse fedi religiose. In ciò tutelati in modo ultroneo (cioè che si spinge probabilmente oltre le stesse intenzioni degli atleti) dall'Associazione Italiana Calciatori e sottolineo italiana. Oltreché dei calciatori, le responsabilità sono però anche dei dirigenti (pavidi e mai decisionisti) i quali abitualmente traccheggiano per amor di "pace sindacale", ben sapendo invece, che il loro prodotto, quel prodotto calcio dalla cui vendita dipende tutto (anche gli stipendi: basterebbe farlo presente) fatturerebbe molto di più in questi giorni che in tutto il resto dell'anno. Britannia docet...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie L'avvocato del diavolo
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
20 gennaio 1983, muore Manè Garrincha: fu l'Angelo dalle gambe storte Il 20 gennaio 1983 muore a Rio de Janeiro Manoel Francisco dos Santos, per tutti semplicemente Manè Garrincha. Ala destra dalla enormi...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
Fantacalcio, Le Fantasfide della 21^ Giornata L'obiettivo di questa rubrica è presentare ai nostri lettori fantallenatori le più intriganti Fantasfide di giornata. Vi presentiamo le varie sfide in...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Saturday 21 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.