HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
La scheda di Carlo Nesti

Nesti: "Don MatteoDarmian insegna il valore degli oratori"

27.01.2015 10.34 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 16546 volte
Fonte: Carlo nesti-Radio vaticana

Darmian è il "Don Matteo" del calcio italiano

"Per chi conosce Darmian, - dice Carlo Nesti al Direttore della Radio Vaticana Italia Luca Collodi – e il suo nome Matteo, è stato facile trasformarlo nel "Don Matteo" del calcio. Ma, al di là delle etichette, è proprio nelle sue parole, che emerge la cultura dell'oratorio: "Frequentare l'oratorio era come stare in cortile. Ce l'avevo proprio dietro casa, e c'era tutto quello, che può servire per crescere bene: divertimento, sport, amicizie, valori. E parlo anche dell'onestà, della lealtà, del saper stare con gli altri, mica solo quelli della religione cristiana, che pure sento. In due parole: all'oratorio ti insegnano a vivere, anzi, ti educano a vivere. Io credo di essere il Matteo, che sono, anche perché ho passato la mia adolescenza all'oratorio di Rescaldina". Ricordo che Papa Francesco, nell'incontro con i ragazzi del CSI, disse: "Non c'è vero oratorio, senza attività sportiva". E ricordo che già prima, sia Papa Giovanni Paolo II, sia Papa Benedetto XVI avevano molto a cuore lo sport, come sistema per avvicinare i giovani all'etica e al Vangelo".

Bonaventura senza creste e senza tatuaggi

"Indubbiamente, trovare un giocatore, oggi, che sia privo di creste e di tatuaggi, come Giacomo Bonaventura, è una rarità, ma chi ha superato una certa età, e osserva con molta diffidenza questi look esibizionistici, non deve dimenticare di essere stato giovane, e di avere conosciuto un altro tipo di stravaganza. Gli anni Sessanta-Settanta sono stati quelli dei "capelloni", ed era difficile trovare qualche ragazzo senza i capelli lunghi, sulla scia dei Beatles. Loro, in realtà, all'inizio, non erano affatto esagerati come i loro fans! Io mi permetto solo di essere scettico sui tatuaggi, perché, dei nostri capelli, possiamo fare quello che vogliamo: pettinarli, spettinarli, tagliarli, modellarli e colorarli. Un tatuaggio, invece, resta fino alla vecchiaia, e magari esprime un sentimento, o un'idea, che siamo destinati a cambiare, in quanto le persone mutano continuamente, nel corso della vita. E allora, quel tatuaggio sembrerà una imposizione, e non una scelta, salvo ricorrere a dolorose rimozioni".

La brutta scena isterica di Mexes

"Vorrei rievocare un episodio di tanti anni fa, e cioè il mio primo impatto con un derby. Fu quando, il 27 ottobre 1963, Ferrini, capitano del Torino, sentendosi umiliato dalle finte ubriacanti di Sivori, cominciò a rincorrerlo, e a prenderlo a calci, dando vita ad una delle risse da Far West più famose della storia del calcio. Per consolarci, diciamo questo. Allora, esisteva una tolleranza inaudita da parte degli arbitri, perché il calcio non viveva sotto l'occhio di mille telecamere. Ma è anche vero che il calcio era ancora un gioco, per cui nessuno pensava, sulle gradinate, di emulare quanto vedeva in campo. Ora possiamo essere certi che la sensibilità della gente è cambiata, e ci si scandalizza, giustamente, per una scena tipo Mexes, perché è un pessimo esempio per i giovani, e perché rischia di innescare una "bomba" di violenza fra gli ultras. Quindi, da una parte, rendiamoci conto di essere migliorati, ma, dall'altra, di non essere ancora all'altezza di garantire la lealtà e l'educazione in campo, partendo dalla provocazione di Mauri, fino alla reazione, al di fuori da qualsiasi giustificazione, di Mexes".

Ibrahimovic: "Credi in Gesù? Allora credi in me"

"E' stato Verratti, il giovane regista del Paris Saint Germain, a raccontare un episodio, relativo al periodo in cui avevano come allenatore Ancelotti, alla vigilia di una partita decisiva per lo scudetto. Ibrahimovic chiese ad Ancelotti: "Credi in Gesù Cristo? Allora credi in me, e rilassati". In campo, fu proprio lo svedese a fornire l'assist del gol della vittoria. In questa sede, ci siamo già occupati dei deliri di onnipotenza di Mourinho ("Dopo Dio, ci sono io"), e, per sdrammatizzare, verrebbe da pensare che l'allenatore, almeno, era stato più modesto, perché si era piazzato un gradino sotto il Padreterno. Al di là del peccato, che commettiamo, nominando il nome di Dio invano, credo sia opportuno non giudicare le persone solo per i loro eccessi di autostima. Lo stesso Ancelotti svelò che la sorpresa più bella, a Parigi, fu scoprire l'altruismo di Ibrahimovic, per cui vale la regola d'oro, secondo la quale non bisogna generalizzare. Nessuno è perfetto, e si tratta sempre di scindere i pregi dai difetti, come analizzando noi stessi".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La scheda di Carlo Nesti
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
22 gennaio 1997, Cesare Maldini debutta da ct della Nazionale contro l'Irlanda del Nord Il 22 gennaio 1997 Cesare Maldini debutta da ct sulla panchina della Nazionale. La partita era quella amichevole contro l'Irlanda del...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
FANTACALCIO, INDISPONIBILI dopo la 21^ giornata...IN AGGIORNAMENTO Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di recupero,...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Monday 23 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.