HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
La scheda di Carlo Nesti

Nesti: "L'esempio di Gattuso ai politici italiani"

14.01.2015 10.24 di Chiara Biondini   articolo letto 18315 volte
Fonte: Carlo Nesti

(Altri temi trattati: #Palestina in Coppa d'Asia - #Bilal squalificato 99 anni – I giocatori e #Twitter)

L'esempio di Gattuso ai politici italiani

"Gennaro Gattuso - dice Carlo Nesti alla Radio Vaticana Italia (Direttore: Luca Collodi) - era approdato all'OFI Creta, come allenatore, nella speranza di guidare una squadra "normale". Al contrario, si è trovato al cospetto di una disorganizzazione assoluta, che lo ha costretto anche a svolgere supplenze come dirigente, con il mancato versamento dello stipendio ai giocatori. Dopo essersi già dimesso a ottobre, lo ha fatto, definitivamente, a dicembre, ma anche adesso, che non c'entrerebbe più nulla con la società, ha compiuto uno splendido atto di generosità. Ha provveduto a pagare di tasca propria gli emolumenti dei giocatori, per un totale di 50 mila euro. Al di là dell'episodio, vorrei rimanessero impresse 2 cose: "dimissioni" e "di tasca propria". Domanda: nella politica italiana, e anche altrove, quante persone sono disposte a dimettersi, oppure a rimetterci dei soldi, quando qualcosa, di cui si ha una anche solo parziale responsabilità, non funziona? Ecco: credo che la risposta se la possano dare da soli gli ascoltatori".

La Palestina, per la prima volta, in Coppa d'Asia

"Dal 9 al 31 gennaio, si sta disputando la sedicesima edizione della Coppa d'Asia, per la prima volta in Australia, e per la prima volta con la partecipazione della Nazionale di Palestina. E' una rappresentativa, che ha già una storia tormentata, quasi quanto quella del suo paese. Nel 2006, era addirittura in testa al girone di qualificazione ai Mondiali di Germania, ma Israele negò il permesso di viaggio a metà della squadra, per la trasferta decisiva in Uzbekistan, persa per 3-0. Nel 2010, furono ben 3 i nazionali uccisi durante l'operazione "Piombo Fuso". Lo sport, a livello di vertice, a partire dalla diplomazia del ping pong fra Stati Uniti e Cina nel 1971, è stato più forte, nel massimo momento di aggregazione dei Giochi Olimpici, del terrorismo del '72, e dei 4 boicottaggi olimpici dal '76 all''88. Speriamo che anche per la Palestina, in particolare per tutti gli amici islamici non integralisti, e pacifici, ci sia, un giorno, un lieto fine".

Bilal giocava in Israele e in Palestina

"La storia di Atef Abu Bilal potrebbe anche sembrare comica, se non fosse, sportivamente, drammatica. Il centrocampista era tesserato con una società di quinta serie israeliana, ma è stato sorpreso mentre giocava a calcio anche con una squadra palestinese. Quando si è scoperto che il giocatore apparteneva, effettivamente, a 2 società di 2 nazioni diverse, è stato squalificato. Rischiava di essere radiato, ma, per un errore del computer, Bilal è stato interdetto dal gioco "solo" per 99 anni, per cui potrà tornare a giocare a 129 anni. Ora, a parte l'assurdità di una punizione del genere, è giusto che, in casi del genere, scatti una pesante squalifica. A me piacerebbe, però, che la FIFA gli assegnasse un compito, e cioè quello di girare il mondo, più che per denunciare il suo errore, soprattutto per spiegare altro. Intendo dire come lo sport possa consentire a un atleta di essere accettato sia da una squadra israeliana, sia da una squadra palestinese. Sarebbe, comunque, anche nella colpa, un bel segnale di pace".

La comunicazione Twitter dei giocatori

"C'era una volta l'epoca, che ho vissuto io da giovane, in cui era permesso avvicinare tutti i giocatori, alla fine degli allenamenti, e addirittura intervistarli sotto le docce, alla fine delle partite. Sto parlando degli anni Ottanta, e non di molti decenni fa. Ora, visto che il mondo del calcio è blindato, e si parla solo quando lo decidono le società, esiste un altro modo per i giocatori di esprimersi liberamente, e per i giornalisti di raccogliere dichiarazioni. Twitter equivale a una sorta di addetto ai media e ai tifosi degli atleti, e, siccome siamo ancora agli albori, vedrete che presto pure qui cambierà un certo modo disinvolto di comunicare. Anche perché le frasi delle fidanzate, o mogli dei giocatori, nel "circo del gossip", pesano quanto quelle dei partner. Penso alla fidanzata di Cerci, che, quando Alessio andò all'Atletico Madrid, appena 4 mesi fa, twittò: "Addio Serie A, andiamo nel calcio che conta". Il suo ritorno frettoloso proprio in Italia, con la maglia del Milan, credo che insegnerà alla Signora Cerci una maggiore umiltà".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La scheda di Carlo Nesti
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
21 febbraio 2004, muore John Charles. Il Gigante Buono della Juve Il 21 febbraio 2004 muore a 73 anni John Charles. Nato a Swansea il 27 dicembre 1931 fu il primo gallese a giocare in Serie A. Centravanti...
TMW RADIO - I Collovoti: "Bacca distante, bellissimo il gol di Paredes" Top Deulofeu:Una delle belle notizie di questa giornata è il gol di Deulofeu: sulla vittoria di ieri del Milan c'è...
TMW RADIO - Dini: "Addizionali? Decide solo l'arbitro" L'avvocato Giulio Dini, che cura gli interessi tra le tante cose dell'allenatore della Roma, Luciano Spalletti, agente di calciatori...
Il menù per la rinascita del calcio italiano: limite agli stranieri, sviluppo dei settori giovanili e stop al tatticismo esasperato Il nostro calcio, in questo ultimo decennio in particolare modo, ha subito radicali cambiamenti nella costruzione e nella gestione...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Lunga vita a Tuttomercatoweb e Radio Sportiva! Toscana capitale della nuova informazione. E Radio Sportiva riparte! In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Danilo Cataldi Elisa, la compagna de centrocampista del Genoa, Danilo Cataldi è intervenuta ai microfoni di TMW Radio, nella...
Fantacalcio, Infortunati & Squalificati 26^ Giornata Aggiornato 20/02/17 h 22:35 ATALANTA in recupero:  in dubbio: Bastoni out: Konko, Melegoni squalificati: diffidati: Kessie, Gomez, Kurtic, Masiello,......
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 febbraio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi martedì 21 febbraio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.