HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
La scheda di Carlo Nesti

Nesti: "La verità sui vantaggi-Juve secondo l'"arbitrometro""

13.01.2015 09.46 di Chiara Biondini   articolo letto 28731 volte
Fonte: Carlo Nesti-Massimo Fiandrino

Il "dossier" definito "arbitrometro", ideato da me, e realizzato dallo statistico Massimo Fiandrino, può essere utile come contributo, al servizio dei dibattiti: il caso d'attualità è il trattamento degli direttori di gara, nei riguardi della Juventus.

Registra, infatti, tutte le occasioni nelle quali, secondo "La Gazzetta dello Sport", fonte autorevole, in quanto primo quotidiano italiano in assoluto, una o più squadre sono state avvantaggiate, o danneggiate, da errori arbitrali.

Si tratta, comunque, di uno studio "soggettivo", perché i colleghi della "rosea" hanno adottato, legittimamente, la loro "discrezionalità", nel giudicare se un episodio dovesse essere menzionato, e come dovesse essere interpretato.

Premetto che, per "cultura sportiva" personale, sono contrario alla "psicosi della moviola".

Non voglio dire che gli episodi contestati, alla fine di una stagione, "si compensano", perché, se una squadra subisce un errore arbitrale nel giorno decisivo del torneo, è chiaro che non lo vedrà mai più indennizzato.

Voglio dire, piuttosto, che è assurdo ridurre l'analisi di una partita a pochi attimi, dimenticando se quella squadra ha giocato meglio, o peggio, dell'altra.

Inoltre, è impossibile mettersi d'accordo su quanti siano gli episodi, fra rigori, fuorigioco e scorrettezze, in rapporto al punteggio del momento, da conteggiare.

Proprio per questo motivo, ritengo obbiettivo affiancare, alla soggettività della "moviola" de "La Gazzetta dello Sport", l'oggettività delle statistiche ufficiali della Lega Calcio di Serie A.

Perché? Semplice: perché, se una squadra attacca più, e meglio di un'altra, è normale che entri più volte in area, e crei occasioni, condizionate dalla valutazione giusta o sbagliata dell'arbitro.

La "pericolosità" è un indice composito (in scala da 0 a 100), che misura la produzione offensiva.

Tra le variabili considerate:

- capacità di mantenere il possesso palla;
- capacità di verticalizzare;
- capacità di giungere al tiro;
- capacità di creare occasioni da rete.

Il peso associato a ciascuna variabile è assegnato in maniera oggettiva, in funzione del contributo marginale, che
ciascuna variabile apporta alla probabilità di vittoria.

Allo stesso modo, se una squadra difende più, e meglio di un'altra la propria area, è normale che diminuiscano i meriti di chi, attaccandola, può avere anche solo un errore arbitrale contro.

In sostanza: nell'attribuire la legittimità di un risultato, è assurdo considerare unicamente la moviola, ma occorre allargare l'analisi alla capacità nel "creare il gioco proprio", e nel "distruggere il gioco altrui".

JUVENTUS 2014-2015

PERICOLOSITA' (DALLE CIFRE UFFICIALI DELLA LEGA CALCIO DI SERIE A)

1 – JUVENTUS 63,4%
2 – NAPOLI 60%
3 – ROMA 57%

GOL SUBITI

1 – JUVENTUS 9
2 – ROMA 13
3 – FIORENTINA 17
3 – SAMPDORIA 17

RIGORI

A FAVORE: 4

CONTRO: 2

ERRORI ARBITRALI A FAVORE (DA "LA GAZZETTA DELLO SPORT"): 11.

4^ gta: Juventus-Cesena (3-0 finale) – Arbitro: Giacomelli. Non c'era il rigore assegnato ai bianconeri per il braccio di Cascione (attaccato al corpo) e poi realizzato da Vidal.

8^ gta: Juventus-Palermo (2-0 finale) – Arbitro: Calvarese. Nell'azione del 2-0 di Llorente, sul corner, duello fra Chiellini e Adelkovic, con il difensore bianconero a dare l'ultima sportellata robusta. Si poteva fischiare il fallo al Palermo. Nell'azione Tevez non raggiunge la palla ma alla Juve è andata bene così, perché era in off-side.

9^ gta: Genoa-Juventus (1-0 finale) – Arbitro: Mazzoleni. Da rivedere un colpo di Chiellini. Gomitata volontaria? Difficile senza replay.

10^ gta: Empoli-Juventus (0-2 finale) – Arbitro: Valeri. Al 36' brutta entrata di Vidal su Valdifiori, questa volta il giocatore cileno viene graziato (già ammonito), perché l'intervento è da giallo, e doveva essere espulso.

11^ gta: Juventus-Parma (3-0 finale) – Arbitro: Russo. Da annullare il 3-0 di Llorente: c'è Romulo in fuorigioco attivo ("blocca" Mirante).

15^ gta: Juventus-Sampdoria (1-1 finale) – Arbitro: Doveri. Il gol della Juventus di Evra era da annullare. Andava ripetuto il calcio d'angolo perché Marchisio mette il pallone fuori dalla lunetta di qualche centimetro. Graziato Vidal dal secondo giallo (scattava il cartellino rosso) per entrataccia su Duncan (concesso un inspiegabile vantaggio).

16^ gta: Cagliari-Juventus (1-3 finale) – Arbitro: Mazzoleni. Qualche dubbio sulla rete di Llorente, non c'è fuorigioco sull'assist di Pirlo, ma sul tiro dello spagnolo c'è il disturbo di Tevez che passa davanti al portiere Cragno. Difficile avere certezze. Siamo al limite.

17^ gta: Juventus-Inter (1-1 finale) – Arbitro: Banti. Su un angolo a favore dell'Inter, rischia Chiellini su Ranocchia, poteva portare al rigore.

18^ gta: Napoli-Juventus (1-3 finale) – Arbitro: Tagliavento. Era da annullare il 2-1 di Ceceres, perché il giocatore bianconero sulla punizione di Pirlo è in fuorigioco. Qualche ombra su un retropassaggio di Chiellini, giudicato non volontario, che Buffon raccoglie con le mani. Il Napoli voleva la punizione a due in area.

ERRORI ARBITRALI CONTRO (DA "LA GAZZETTA DELLO SPORT"): 6

4^ gta: Juventus-Cesena (3-0 finale) – Arbitro: Giacomelli. Manca un rigore alla Juventus per un fallo di Cascione in area bianconera, questa volta era da punire.

11^ gta: Juventus-Parma (3-0 finale) – Arbitro: Russo. Entrata a forbice di Acquah su Coman, arriva il cartellino giallo. Era da rosso diretto.

15^ gta: Juventus-Sampdoria (1-1 finale) – Arbitro: Doveri. Manca un rigore alla Juventus, Pogba in area sbilanciato calcia alto, dare il rigore non sarebbe stato sbagliato. Fermato Tevez lanciato a rete per fuorigioco inesistente.

17^ gta: Juventus-Inter (1-1 finale) – Arbitro: Banti. In area neroazzurra Juan Jesus, al 35', solleva il gomito sull'arrivo di Chiellini, colpito in piena faccia. Poteva starci il rigore e il cartellino rosso.

JUVENTUS-ROMA, PER LA QUANTITA' DI EPISODI CONTROVERSI, INTERPRETATI NEI MODI PIU' DIFFERENTI, NON E' STATA PRESA IN CONSIDERAZIONE, IN QUANTO LA STESSA "ROSEA" HA SOTTOLINEATO L'IMPOSSIBILITA' DI STABILIRE CHI SIA STATO PIU'/MENO FAVORITO/SFAVORITO.

CONCLUSIONE PERSONALE

Quando la "forbice" di errori arbitrali, a favore e contro, è di non più di 5, posso dire, per esperienza personale, che non è una differenza tale da legittimare i "processi", perché destinata a cambiare durante il campionato. Quindi, con 11 errori arbitrali a favore, e 6 contro, la Juventus è al limite.

Questo teorico "regalo" della sorte, tuttavia, è annullato, come spiegavo in precedenza, dai meriti, acquisiti con il "gioco proprio creato", e con il "gioco altrui distrutto": i bianconeri, infatti, sono primi in classifica per coefficiente di pericolosità, e primi in classifica per rendimento difensivo.

Mg Torino 06/12/2015 - campionato di calcio serie A / Juventus-Inter nella foto: delusione Juventus
 
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La scheda di Carlo Nesti
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
23 gennaio 2002, muore Vittorio Mero in un incidente stradale Il 23 gennaio 2002 muore Vittorio Mero in un incidente stradale. Era difensore del Brescia, tra i più amati dalla tifoseria lombarda....
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
FANTACALCIO, INDISPONIBILI dopo la 21^ giornata...IN AGGIORNAMENTO Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di recupero,...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Monday 23 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.