HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
La scheda di Carlo Nesti

Nesti: "Tommasi ha ragione: fronte comune contro i violenti"

21.04.2015 09.51 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 6642 volte

Una svolta nel mondo ultras

"Si direbbe che, nella storia del mondo ultras - dice Carlo Nesti, al Direttore della Radio Vaticana Italia Luca Collodi, nella rubrica "Non solo sport" del lunedì, alle 12,35 - sia cominciata una nuova era, addirittura a livello mondiale. Nel momento in cui diventa più difficile colpire, durante gli eventi, si agisce in un contesto spazio-temporale diverso. Dopo la morte di Ciro Esposito, lontano dallo stadio, basta ricordare l'omicidio a Madrid, lo scempio a Roma, da parte di ultras olandesi, e l'agguato ad un pullman sociale in Turchia. Ora, in Italia, si passa dalle minacce ai giocatori del Cagliari, alla devastazione del campo di Varese, a molte ore dalla partita. Ancelotti, proprio ieri, ha dichiarato: "Non torno ad allenare in Italia, perché in troppi sono ostaggio degli ultras". Io credo che, se l'abolizione degli striscioni, proposta dal Presidente federale Tavecchio, può presentare delle controindicazioni, la richiesta del Presidente dell'Associazione Calciatori Tommasi è incontestabile. Bisogna creare un fronte comune, e agire, a cominciare dalla fine della genuflessione sistematica dei giocatori davanti alle curve, che, di fatto, diventano padrone dell'evento".

Silenzio su Pallotta di 11 presidenti su 19
"Su 19 società di Serie A, ben 11 non hanno voluto commentare le parole di Pallotta, contro lo striscione offensivo, nei riguardi della mamma di Ciro Esposito. È un silenzio assordante, che svela quanto sia complicato recidere certi rapporti con le frange estreme del tifo. Alcuni grandi club hanno preferito non pronunciarsi: Juventus, Milan, Inter e Napoli. Ma "no comment" anche da parte di Palermo, Torino, Sassuolo, Verona, Cagliari, Chievo e Parma, giustificato dalla gestione fallimentare. In questa sede, avevamo criticato il presidente della Lazio Lotito, per la vicenda-Carpi, ma occorre ricordare che Lotito è stato il primo a combattere la battaglia, mentre la Fiorentina è parte attiva nel supportare la Lega nel "progetto Slo". Si tratta di creare le figure, che dovrebbero fungere da collante tra club e tifoseria, perché la sensazione è che, in certi casi, non sia stato neanche cercato seriamente il dialogo. In sostanza: si viene ricattati, ci si spaventa, e si cede, quasi in automatico".

L'approvazione dello "ius soli" sportivo
"E' stata approvata alla Camera la proposta di legge, che introduce lo "ius soli" sportivo. Il provvedimento permetterà il tesseramento di minori stranieri, residenti in Italia (almeno da quando hanno compiuto 10 anni), nelle società sportive. Un emendamento della Lega Nord, bocciato dall'Aula, prevedeva l'introduzione del tetto obbligatorio di almeno il 70% di atleti italiani nelle squadre, per tutelare i vivai, e scongiurare che lo sport si trasformi in una compravendita, ancora più estesa, di giocatori. Lo "ius soli" sportivo era già stato introdotto da alcune Federazioni, atletica leggera, pugilato e hockey su ghiaccio, tanto che quest'ultima considera italiani, a tutti gli effetti, i giocatori di origine straniera, ma nati in Italia. Ovviamente il tema sportivo si inserisce in un panorama ben più ampio, che riguarda l'intero paese. Monsignor Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, aderendo all'iniziativa "L'Italia sono anch'io", ha dichiarato: "Spingiamo verso uno "ius soli" "temperato" nel senso che, con opportuni interventi di carattere culturale, e riducendo quello che la precedente legislazione richiede, passando da 10 a 5 anni, si possano inserire strumenti, che servono a favorire l'integrazione. E' la sfida più importante per costruire il nostro futuro".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La scheda di Carlo Nesti
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
19 gennaio 1991, muore Dino Viola il presidente del secondo scudetto della Roma Il 19 gennaio 1991 muore Dino Viola, negli anni Ottanta presidente della Roma. Laureato in ingegneria, aveva aperto in Veneto nel dopoguerra...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
Fantacalcio, Consigli Low Cost 21^ giornata Secondo il dizionario di TuttoFantacalcio: "Dicesi Low Cost quel tipo di calciatore che se presente all'interno della vostra formazione di giornata e se...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi giovedì 19 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.