HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

Abel Xavier: esponente del genere tamarro, due volte meteora

09.06.2013 06.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 61062 volte

Essere meteora nel calcio del turn-over e del dopo Bosman non è così difficile. Esserlo due volte inizia ad essere più arduo. Abel Xavier è riuscito nell'impresa. Nato in Mozambico nel 1972, Abel Luís da Silva Costa Xavier cresce in Portogallo e fa il suo esordio da professionista con la maglia dell'Estrela Amadora. Si disimpegna piuttosto bene come centrocampista e segna anche qualche gol, tanto da essere acquistato dal club più prestigioso del Portogallo, ossia il Benfica. Le sue buone prestazioni si distinguono per grinta e buona visione di gioco. In Italia si fa notare quando in una sfida di Coppa delle Coppe i lusitani affrontano il Parma. I ducali rimangono colpiti dal giocatore e decidono di portarlo in Emilia nell'estate successiva, siamo nel 1994. L'affare sarebbe praticamente concluso, con lo stesso Xavier che si lascia andare in alcune interviste con parole da neo parmense. I ducali offrono al Benfica Freddy Rincon (altra meteora del calcio italiano) che all'epoca gioca nel Palmeiras, società controllata dalla Parmalat (quindi Tanzi, quindi Parma). L'affare che sembrava in dirittura d'arrivo salta: Xavier resta al Benfica e Rincon va al Napoli.

Il passaggio in Italia è solo rinviato di un anno, ma la destinazione non sarà Parma. Nell'ultimo giorno di mercato disponibile (quando le trattative duravano fino a metà luglio) il Bari sferra il colpo e con 500 milioni di lire prende il giocatore in prestito con diritto di riscatto. È un Bari ambizioso, quello dell'estate 1995, basti pensare all'arrivo dello svedese Kenneth Andersson, protagonista l'estate prima del terzo posto della sua Svezia ai mondiali.

Su Abel Xavier sono riposte molte speranze, che naufragano dopo poche domeniche. Il giocatore dimostra grande lentezza e il mancato adattamento è evidente. Il Bari che solo un anno prima era rivelazione della Serie A è protagonista di una stagione difficile sin da subito e non può permettersi di aspettare Xavier. Già a novembre corre ai ripari prendendo il sostanzioso Ingesson, quasi come voler ammettere subito di aver preso un abbaglio col portoghese. Infatti a fine stagione le presenze saranno appena 8, tra l'altro impalpabili. Il Bari retrocede e Xavier saluta senza il minimo rimpianto.

Il giocatore si ricicla in Spagna, nel modesto Oviedo, per poi passare prima nel prestigioso PSV e poi all'Everton. La nazionale portoghese lo tiene in considerazione, lui nel frattempo è diventato difensore e pure biondo, che con la sua carnagione scura ci azzecca come i cavoli a merenda. Si fa notare all'Europeo del 2000 quando in semifinale per un nettissimo fallo di mano regala il rigore del golden gol alla Francia. Proprio a causa di ciò scaturiranno polemiche incredibili che vedranno protagonista lo stesso Xavier. Nonostante l'evidenza dei fatti (il mani era palese) il giocatore protesterà tanto da farsi espellere, per poi strattonare l'arbitro. La pena è 9 mesi di squalifica da scontare nelle competizioni Uefa. La Lazio di Cragnotti, che era molto vicina ad acquistare il giocatore, decise così di tirarsi indietro.

Ma come avvenuto già qualche anno prima col Parma, anche il mancato passaggio alla Lazio sarà solo un appuntamento rimandato con la Serie A. Stavolta ci sarà da aspettare quattro anni e mezzo, nei quali Abel Xavier ha tempo di giocare in paesi diversi, come Turchia e Germania. Nel gennaio del 2005 la Roma, che in difesa fa acqua da tutte le parti ha bisogno di rinforzi. E pensa proprio ad Abel Xavier, che arriva a costo zero con un contratto di sei mesi a gettone. Rispetto a Bari si nota subito la differenza di look, non certo da timido: capelli elettrici alla Don King, per intenderci, per giunta ossigenati. A chi gli chiede se la modalità del contratto è una sorta di provino Abel Xavier risponde sicuro: "I provini li facevo a 8 anni". Nonostante la Roma viva una delle peggiori stagioni della sua storia i tecnici che si avvicendano fanno di tutto pur di non mettere in campo Xavier, il quale riesce a mettere piede sul rettangolo verde solo in tre occasioni, non passando inosservato soltanto per l'aspetto da vero tamarro e per la lentezza esagerata. Senza pensarci due volte la Roma non gli rinnova il contratto e pone definitivamente la parola fine all'avventura italiana del giocatore, ancora una volta anonima e fallimentare.

Ci sarà pure di peggio per il povero Abel Xavier, che a Middlesbrough, in una delle sue ultime tappe, viene accusato di uso di steroidi e squalificato per 18 mesi (pena poi ridotta a 12). La sua carriera finirà negli Stati Uniti, nei Los Angeles Galaxy prima di appendere le scarpe al chiodo nel 2009. Le ultime lo hanno visto balzare all'onore delle cronache per la conversione all'Islam e il cambio di nome in Faisal Xavier. L'inizio di una nuova vita che ha comunque una costante con il passato: le capigliature imbarazzanti. Non ci credete o non vi ricordate? Scrivete il suo nome su Google e cliccate su "Immagini"...

Abel Xavier
 

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.