HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Ahn e l'incubo perugino: accusato per un gol e per l'odore d'aglio

26.05.2013 06.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 38658 volte
© foto di Michele Castellani

È durato due anni, ma questo non basta per evitargli il nome di meteora. Anche perché nella stagione in A tracce di Ahn Jung-Hwan quasi non se ne vedono.
Il giocatore in questione è il primo e finora unico coreano ad aver giocato in Serie A. Poteva essere seguito da Lee Young-Pyo nel 2006 ma il terzino allora del Tottenham sua detta dopo lunghe preghiere capii che non poteva venire in Italia, precisamente alla Roma. Contento lui...

Tornando ad Ahn, siamo nell'estate nel 2000 e il patron del Perugia Luciano Gaucci, già noto per le sue scelte originali, decide di rivoltare come un calzino la sua squadra, ricostruendola con giocatori dalle categorie inferiori e non solo, decide di aprire al mercato asiatico: così arriva il primo cinese, l'impresentabile Ma Mingyou, ma anche il primo coreano, sud coreano per la precisione, ossia Ahn Jung-Hwan.
In patria è una star, ha già 24 anni ed è l'uomo di punta della K-League e non solo. È anche il sogno delle donne con gli occhi a mandorla, per intenderci il Beckham di Corea e non a caso la sua compagna è una miss coreana.

Nell'operazione c'è puzza di marketing, quella che ha fruttato al buon Gaucci tanti soldi dall'operazione (riuscita anche tecnicamente, tra l'altro) di Nakata. Solo che Ahn, sguardo triste e codino al vento, al contrario del giapponese non si adatta subito, tutt'altro. I problemi variano su ogni fronte: dall'enorme differenza calcistica, all'essere proiettato in una cultura completamente diversa. Per non parlare della barriera linguistica e persino del cibo. Perché se del cibo ci possiamo far (a ragione) vanto, Ahn non la pensava affatto così, riducendosi a mangiare soltanto gelato.

Cosmi non lo schiera a inizio stagione poiché ancora deve adattarsi al nostro torneo, ma piano piano inizia a inserirlo. E lentamente il giocatore dimostra di non essere poi un oggetto misterioso. Fisico asciutto, sgusciante, Ahn fa vedere di avere una discreta tecnica e riesce anche a segnare qualche gol. Nel frattempo inizia ad ambientarsi e per il cibo sua fortuna arrivano anche pacchi direttamente dalla Corea. A fine stagione il bilancio non è poi così male: 4 reti in 15 partite, Perugia salvo nonostante i pronostici avessero dato gli umbri per spacciati. Così Ahn si merita un'altra stagione, ma stavolta nonostante le presenze siano le stesse (15), le prestazioni in campo sono molto più deludenti e va a segno solo una volta.

Intanto al termine del secondo campionato si giocano i mondiali proprio nella sua Corea e Ahn è uno degli uomini di punta. Segna una rete nel girone contro gli Stati Uniti, poi agli ottavi di finale la selezione allenata da Guus Hiddink incrocia l'Italia. Dopo pochi minuti il famigerato arbitro Byron Moreno decreta un rigore per i sudcoreani e dal dischetto va proprio Ahn: il tiro è respinto da Buffon. Sembra la fine di un sogno, Vieri poi porta in vantaggio i nostri e invece sappiamo tutti come è andata a finire. Il pareggio all'88' di Seol e l'incredibile golden gol di testa proprio di Ahn.

Luciano Gaucci va su tutte le furie, rinnegando il giocatore e dichiarando di non voler pagare lo stipendio a uno che ha rovinato il calcio italiano. Ahn se la lega al dito e quando i dirigenti perugini provano a ritrattare ormai è tardi, il giocatore chiede ed ottiene la cessione: andrà prima in Giappone, poi seguirà una seconda chance in Europa, prima al Metz, in Francia e poi in Germania, al Duisburg, senza lasciare il segno. Nel frattempo torna in Corea, partecipa ai mondiali 2006 e segna ancora un gol. Dal 2009 al 2011 l'ultima avventura, in Cina.

Di lui si son perse le tracce fino allo scorso gennaio, quando in un talk show coreano Ahn ha parlato dell'esperienza al Perugia in maniera tutt'altro che positiva. Detto di Gaucci e delle sue accuse Ahn non ha dimenticato l'atteggiamento dei compagni di squadra: "Mi emarginavano, raramente mi passavano la palla anche se ero solo davanti alla porta". Poi si è scagliato contro Materazzi: "Entrò nello spogliatoio urlando verso di me, davanti a tutti, che puzzavo d'aglio. All'inizio non capivo cosa mi diceva e anche il traduttore arrossì perché era troppo imbarazzato per tradurre". La moglie ha poi rivelato che in seguito a quell'episodio Ahn smise di mangiare aglio. Per la gioia dello spogliatoio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.