HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Amaral, becchino highlander: flop in Italia (2 volte), star in Indonesia a 39 anni

04.03.2014 08.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 48730 volte
© foto di Federico De Luca

La storia del calcio italiano insegna come a volte ti venga data una seconda possibilità. In alcuni casi (Scifo, Denis) la seconda avventura riscatta una prima da dimenticare. Nella maggior parte dei casi invece si conferma come perseverare possa essere diabolico: è successo con Abel Xavier e Hakan Sukur, di cui abbiamo già scritto. Ed è successo con Amaral da Silva Mariano, detto semplicemente Amaral.

Nato a Capivari, paese dello stato di San Paolo, nel 1973, sembrava avviato a tutt'altro lavoro. Infatti per guadagnarsi da vivere il piccolo Amaral faceva niente meno che il becchino. D'altronde crescendo in un contesto povero c'è da fare di necessità virtù e dopo aver dato una mano al cimitero locale arrivò l'offerta di lavoro a tempo pieno.

A tempo perso tira anche dei calci ad un pallone, Amaral. Non sono piedi propriamente brasiliani, anzi. Però corre come un matto, il classico "cagnaccio" che si sbatte per due. Tanto basta per fare i primi passi da professionista, nel Palmeiras allora controllato dalla Parmalat. Diventa così calciatore a tutti gli effetti e le cose vanno pure bene: tre anni a buoni livelli che lo portano persino a essere convocato dalla Seleçao brasiliana. Il Parma di Calisto Tanzi è ovviamente in corsia preferenziale sui giocatori del Verdão. Infatti i ducali, dopo aver lasciato via libera per Roberto Carlos all'Inter, decidono di prendere Cafu e Rivaldo, i due giocatori migliori di quella che al momento era la miglior squadra del Sudamerica. Alla fine, colpo di scena, il dietrofront: nessuno dei due arriva e il club ripiega su Zé Maria e proprio su Amaral.

Non infieriremo visto che come è andata a finire è sotto gli occhi di tutti. Di certo se poteva esserci una logica nel ripiegare su Zé Maria al posto di Cafu (entrambi terzini destri) tra Amaral e Rivaldo non è nemmeno possibile fare un paragone, essendo due giocatori dalle caratteristiche totalmente differenti. E con Dino Baggio e Massimo Crippa in rosa l'acquisto di un altro mediano era quanto meno superfluo.

La prima impressione lascia perplessi, per via anche di un physique du rôle non proprio da star. L'occhio guercio sotto questo aspetto non aiuta, ma alla fine sono i piedi quelli che contano. Il problema è che anche lì le cose non migliorano. Carlo Ancelotti, che nel 4-4-2 aveva all'epoca il suo dogma, decide di provarlo a destra con pessimi risultati. Alla fine saranno 4 gettoni di presenza, da dimenticare. Finisce subito in naftalina e alla prima finestra di mercato disponibile passa al Benfica. Va discretamente bene, tanto che dopo la prima parentesi i lusitani decidono di richiamarlo. La seconda parentesi non va come la prima e così fa ritorno in Brasile.

In patria veste le maglie di Corinthians e Vasco da Gama, poi nel 2000 arriva l'incredibile seconda chance: è la Fiorentina a dargliela. La squadra si avvia a lasciare il club delle "7 sorelle" con la cessione alla Roma di Batistuta. La squadra resta competitiva e per i tecnici Fatih Terim prima e Roberto Mancini poi il brasiliano non è all'altezza, tanto da essere considerato un'alternativa ad Amoroso e Bressan. Per lui saranno solo 8 gettoni di presenza. In estate arriva il terremoto: il club è sul collasso finanziario ed è costretto a vendere i pezzi da novanta. La squadra viene costruita alla bell'è meglio. Ed è forse proprio per questo motivo che Amaral si ritrova ad essere titolare in una stagione disgraziata, culminata con retrocessione e fallimento. Sul piano delle prestazioni grande impegno ma davvero poco altro. La fine del club sancisce anche il divorzio definitivo di Amaral con l'Italia. Da lì inizia il suo pellegrinare che lo vede rimbalzare tra il Brasile e le più disparate parti del mondo: Turchia, Qatar, Polonia, Australia e Indonesia.

In quest'ultimo paese Amaral rinasce calcisticamente, a 39 anni, diventa una star giocando in due club diversi. Le ultime notizie lo vedono protagonista di una rescissione contrattuale col Poços de Caldas, squadra dello stato di Minas Gerais, per alcuni patti a sua detta non rispettati. Intanto, assicura, ci sono altri club interessati a lui. A 41 anni c'è ancora tempo per appendere le scarpe al chiodo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.