HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Blissett: pacco di Elton John, scrittore di successo. A sua insaputa

17.04.2014 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 34658 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il Milan dell'estate del 1983 è appena ritornato in Serie A dopo aver vinto a suon di record il campionato cadetto: i bomber rossoneri sono Joe Jordan, Aldo Serena e Oscar Damiani. Lo scozzese viene ceduto al Verona, mentre Aldo Serena, arrivato in prestito dall'Inter, non verrà riscattato. Senza una vera e propria prima punta si inizia a scandagliare il mercato estero per regalare ai tifosi il colpo a sensazione.

In quegli anni in Inghilterra c'è una squadra che sta facendo parlare di sé: è il Watford, che sale agli onori delle cronache per due motivi: il primo è che dal 1977 il proprietario è niente meno che Elton John. Il secondo che in sei anni la squadra riesce a scalare le gerarchie del calcio inglese, passando dalla quarta divisione al massimo campionato, centrando all'esordio assoluto un clamoroso secondo posto. Si distingue un centravanti giamaicano, ma naturalizzato inglese, forte fisicamente e agile come una pantera: il suo nome è Luther Loide Blissett. Al termine della stagione 1982/83 si è laureato capocannoniere del campionato con 27 reti in 41 partite, tanto da convincere nel corso della stagione l'allora ct dell'Inghilterra Bobby Robson a convocarlo in Nazionale. L'esordio è super: tripletta al Lussemburgo. Resteranno le uniche reti segnate con la Nazionale dei tre leoni.

Il presidente del Milan Giussy Farina si lascia convincere dai numeri notevoli del giamaicano. In fondo il campionato inglese è tra i più competitivi del mondo, pensa. Non si lascia scoraggiare dal fallimentare precedente di Joe Jordan. E nemmeno l'inquietante gioco di parole usato dai tifosi inglesi nel chiamarlo, ossia Luther "Miss it", che letteralmente significa "sbaglialo".

Dicevamo, il presidente era Elton John e l'incontro è per ammissione dello stesso Farina tra i più traumatici della sua storia da presidente, sia per la snervante attesa al quale il numero uno è costretto (un'ora e mezza) sia per l'approccio del cantante-presidente: occhiali neri e luccicanti, completo rosa. La trattativa si chiude sulla base di 2 miliardi e 400 milioni di lire.

"Me lo vidi arrivare all'improvviso senza sapere che sarebbe arrivato" dichiara il tecnico Ilario Castagner, che avrebbe preferito che la società avesse riscattato Aldo Serena, ma tant'è e allora il tecnico dà fiducia al giamaicano, che sembra ricambiare segnando all'esordio a San Siro nel rotondo 4-2 al Verona.

Solo un fuoco di paglia: Blissett si dà anche da fare, corre, lotta. Emergono chiari i suoi limiti tecnici che sfociano in errori sottoporta che hanno del fantozziano. Il grande Gianni Brera , scomodando il mangia-gol per definizione Egidio Calloni, lo ribattezzerà "Callonissett". Memorabile l'errore in un derby quando a porta vuota da due passi riuscì nell'impresa di mandare la palla fuori.

Le pressioni del calcio italiano e le prime prese in giro non aiutano di certo il povero Luther, che non riesce ad ambientarsi affatto al nostro paese. Emblematico il fatto che nella sua esperienza non sia mai riuscito ad imparare la lingua, non riuscendo in questo modo a socializzare con i compagni di squadra.

Blissett non salterà una partita di Serie A, ma il bilancio è impietoso: appena 5 reti segnate in 30 partite. Farina, come del resto i tifosi, ne ha abbastanza e lo rispedisce al mittente: sì, proprio al Watford di Elton John che si frega le mani spendendo praticamente meno della metà di quando incassato solo 12 mesi prima. Per la cronaca Blissett tornerà in Inghilterra ad avere un'accettabile media gol e chiuderà la carriera a 36 anni.
Appese le scarpette al chiodo Blissett prima si dedica, senza fortuna, alla carriera di allenatore. Poi decide di fondare una scuderia automobilistica e non contento, nel 2011, partecipa come pilota a una gara automobilistica a Silverstone: sarà vittima di un'incidente al primo giro che vede la sua auto rotolare più volte: rimarrà incredibilmente illeso.
Negli ultimi anni il nome di Luther Blissett è diventato famoso per altro, ossia il gruppo collettivo che prende il suo nome: il Luther Blissett Project è nato a Bologna nella prima metà degli anni 90 e inizialmente veniva usato come forma possibile di dissenso (dai sabotaggi alle incursioni radio, dalle pubblicazioni ai blitz in luoghi pubblici) per criticare il sistema dei mass-media. I fondatori hanno poi iniziato a scrivere libri arrivando al successo con "Q" nel 1999.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.