HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

de la Peña, il veloce declino del piccolo Buddha

14.04.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 35678 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il Barcellona di metà anni '90 era lontanissimo dallo squadrone di marziani di oggi. Nonostante il grande appeal che anche allora la squadra esercitava, dopo l'umiliante 0-4 di Atene, nella finale di Champions del 1994 contro il Milan si chiuse il ciclo del grande Barça di Cruyff. L'olandese in verità restò in panchina ancora fino al 1996 ma la squadra era oramai spremuta e campioni come Stoichkov e Romario sarebbero poi andati via, altri come Koeman, Bakero e Zubizarreta iniziavano ad essere in là con gli anni. Si iniziava pian piano a ricostruire, pescando in giro come il portoghese Luis Figo dallo Sporting Lisbona, o attingendo al settore giovanile. Dalla famigerata cantera nel 1995 viene promosso Iván de la Peña e all'anno d'esordio in Liga stupisce tutti: conquista il posto da titolare e segna persino sette reti. Non male per un centrocampista, esordiente, il cui compito è quello di distribuire il gioco. Le caratteristiche migliori del ragazzo sono quelle da regista, anche se, essendoci già Pep Guardiola, de la Peña fa più l'incursore. La squadra non vince nulla, ma si consola con l'esplosione del giovanotto nativo di Santander. I media catalani sono convinti di aver trovato la risposta alla famosa quinta del Buitre del Real Madrid anni '80, che comprendeva i cinque talenti della cantera capitanati da Emilio Butragueno, per l'appunto El Buitre (l'avvoltotio). de la Peña fu così eletto a capostipite della quinta del calvo alludendo al look del giocatore (per la cronaca gli altri membri erano Celades, Roger Garcia, Quique Alvarez, Toni Velamazan e Juan Carlos Moreno) de la Peña fa altri due anni da titolare al Barcellona, anche se nel 1997-98 è spesso condizionato da infortuni.

L'ambiziosa Lazio di Sergio Cragnotti degli anni '90 non bada a spese per vincere in Italia e in Europa e dopo aver preso il giovane Dejan Stankovic il presidente biancoceleste non si accontenta e punta al nome di grido: e de la Peña è quello giusto. D'altronde con l'arrivo di Louis van Gaal a Barcellona e la concezione di gioco dell'olandese che non contempla "il piccolo Buddha", la trattativa si può fare e si chiude sulla base di 30 miliardi di lire. In Catalogna giurano sulla bontà del giocatore, con un "ma". Il giocatore sembra aver problemi a offrire alta intensità per 90'. E così alla Lazio è: il giocatore a livello tecnico conferma le sue qualità di abile regista, con piede dolce e cervello fine. Ma il suo gioco si mostra dal ritmo fin troppo compassato per la frenesia della Serie A, e anche la struttura fisica non sembra delle migliori. L'autonomia è da partite da 45' e anche l'allenatore Eriksson se ne accorge. Il tecnico svedese, poi, si ritrovò il giocatore senza averlo chiesto. Quella Lazio si poteva permettere d'altronde un centrocampo con Sergio Conçeiçao, Stankovic, Almeyda e Nedved. In ogni caso la chance a de la Peña viene data, lo spagnolo parte titolare per poi venire lentamente scavalcato nelle gerarchie, anche per colpa di una fragilità muscolare notevole. Così diventa via via comparsa di uno squadrone che nel frattempo è in piena lotta per vincere lo scudetto. Alla fine del primo anno le presenze saranno appena 14 e il contributo al secondo posto ridotto ai minimi termini. È chiaro a fine stagione che di lui non c'è bisogno, ma dove si trova un acquirente che possa almeno avvicinarsi ai 30 miliardi spesi solo 12 mesi prima? Nessuno. Infatti la Lazio è costretta a limitarsi semplicemente a prestare il giocatore al Marsiglia, sperando che in Francia si riabiliti e, chissà, facendo bene anche in Champions League qualcuno non si accorga di lui. Come non detto, de la Peña trapana acqua anche in Francia e ritorna mestamente a Roma per essere immediatamente prestato al suo Barcellona. Ma nemmeno l'aria della Catalogna lo restituisce come agli esordi. In blaugrana non gioca quasi mai e di nuovo fa ritorno alla Lazio, dove vive una stagione quasi da inattivo: appena una presenza nel 2001/02.

Nel 2002 il trasferimento all'Espanyol, dove de la Peña trova una sua dimensione, ritorna protagonista, anche se in scala ridotta. Saranno nove le stagioni con la maglia biancoblù raggiungendo anche una finale di Coppa Uefa. Per la Lazio nessun rimpianto. I biancocelesti nel frattempo riprovano il colpo spagnolo nel 2001, prendendo uno dei migliori talenti iberici dell'epoca. Il suo nome era quello di Gaizka Mendieta. Una storia dallo stesso epilogo, che racconteremo più avanti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.