HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

DJ Ruslan Nigmatullin, re delle dance charts un tempo campione tra i pali. Tranne che in Italia

13.11.2013 06.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 68091 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

"Moscow never sleeps" è il motto della vita nella capitale russa ai giorni nostri: cosmopolita, frenetica, centro economico del Paese di giorno e tempio del divertimento la notte. I tempi dell'Unione Sovietica sono lontani anni luce, i locali brulicano di gente al ritmo di musica fino all'alba. Spesso, sempre più spesso, capita di trovare dietro la consolle dei locali più cool della capitale un personaggio che fino a qualche anno fa faceva tutt'altro e che è stato anche dalle nostre parti: DJ Ruslan Nigmatullin, al secolo semplicemente Ruslan Nigmatullin.

La sua storia è incredibile. Nato a Kazan, Repubblica del Tatarstan nel 1974, Nigmatullin da giovane è considerato un predestinato del calcio: gioca in porta e molti in lui vedono un nuovo esponente della prestigiosa scuola russa di portieri, tanto da portare a scomodare persino la leggenda Jascin. Gioca nello Spartak Mosca e vince due titoli, passa alla Lokomotiv e si aggiudica due coppe di Russia e arriva fino alle semifinali di Coppa delle Coppe per due anni consecutivi. In una di queste, nel 1999, trova come avversaria la Lazio. Non passa inosservato, e non solo per il fatto che anche ad aprile indossi pantaloni della tuta durante la partita. La sua agilità e i suoi riflessi colpiscono proprio i dirigenti laziali, che ci fanno un pensierino in prospettiva futura. L'affare non si concretizzerà, ma intanto le prestazioni del buon Ruslan sono di altissimo livello: è considerato all'unanimità il miglior portiere degli ultimi 20 anni ed è indicativo il premio di calciatore russo vinto nel 2001, dove è il primo e finora unico estremo difensore ad essere riuscito nell'impresa.

La Serie A non si è dimenticata di lui, così come lo tengono d'occhio nel resto d'Europa. Si fa spazio da noi l'ambizioso Verona di Alberto Malesani, che tra le sue fila ha giocatori interessanti quali Massimo Oddo, Mauro German Camoranesi, Adrian Mutu, Alberto Gilardino. La squadra lotta per un posto in Europa e punta a puntellare la squadra a gennaio per raggiungere lo scopo: il ds dell'epoca Rino Foschi pensa proprio a un portiere e si reca in Russia cercando di strappare alla concorrenza Nigmatullin, il cui contratto è scaduto e vince una folta concorrenza pronta a prendere a parametro zero il giocatore. Sottoscrive un quadriennale a 900 mila euro a stagione ed è considerato un colpo importante anche per una plusvalenza futura. Gli applausi degli addetti ai lavori sono inevitabili. Peccato che Foschi non abbia fatto i conti né con Malesani né con Fabrizio Ferron. Quest'ultimo è il portiere titolare degli scaligeri e nonostante le 36 primavere si tiene stretto il posto, anche grazie alle preferenze del tecnico.

L'occasione per Nigmatullin capita un pomeriggio di febbraio: al Bentegodi va in scena Verona-Inter e Ferron scontrandosi con Dainelli è costretto dopo 19 minuti ad abbandonare la partita. È la volta del russo, che però si trova letteralmente bombardato dagli attacchi dei nerazzurri, in stato di grazia: segna Cristiano Zanetti, poi due volte Vieri. Nigmatullin non può nulla, anzi, evita un passivo tennistico e rimedia voti alti su tutti i giornali.
Dalla settimana successiva Malesani ripropone Ferron e Nigmatullin rimane incredibilmente tutto il resto della stagione in panchina, assistendo incredulo al crollo verticale dell'Hellas, che perdendo partita su partita piomba in Serie B.

Con la squadra in cadetteria e un ingaggio pesante Nigmatullin viene mandato in prestito al CSKA Mosca, il tempo di fare una decina di presenze per poi tornare in Veneto ed esser prestato alla Salernitana. È di nuovo mercato di riparazione e il giocatore, sebbene sia un lusso per la categoria nulla può in una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Sarà retrocessione in C1 e il Verona lo rispedisce in Russia di nuovo. Torna alla Lokomotiv ma ormai Nigmatullin ha preso la parabola discendente e si ritira, una prima volta, nel 2005 a soli 31 anni. Cambia idea e 3 anni dopo ci riprova, senza fortuna: passa di squadra in squadra, gioca anche nell'Anzhi, quello sfigato pre-Kerimov, però. Chiude la carriera in Palestina, nel Maccabi Abi Nazareth, prima di appendere i guantoni al chiodo, stavolta per davvero, nel 2009.

Torna in patria e diventa telecronista sportivo. Nel frattempo si avvicina alla musica, inizia a dilettarsi mixando qualche disco, giochicchia con la console. Ci prende gusto, vede che riesce anche bene, tanto che il suo hobby inizia a prendere piede sempre più. E Ruslan Nigmatullin diventa DJ Ruslan Nigmatullin, affermato disc jockey a livello nazionale tanto da girare come e più di prima il paese e non solo: negli ultimi anni ha preso parte a 120 concerti, anche nei locali più importanti di Mosca. Non contento si è cimentato a comporre proprie opere, una delle quali, "Symphony", in Russia è stata per sei mesi nelle prime posizioni delle dance charts.

È il calcio? Non abbandonato del tutto: continua a essere apprezzato commentatore e ha aperto una scuola di portieri, dove tra gli allievi ci sono i suoi due figli Ruslan Jr e Marcel.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.