HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

Dorigo, marchiato a fuoco da un rigore: sliding doors del calcio

17.03.2014 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 54026 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Ci sono rigori che cambiano il destino di una partita, di una Champions, di un Mondiale. E basta un errore dal dischetto che la tua carriera prenda una piega diversa. Prendiamo Anthony Dorigo. Oggi in pochi se lo ricordano, almeno quelli che non tifano Torino. I granata, specie quelli che quel pomeriggio di giugno del 1998 a Reggio Emilia erano presenti allo spareggio per andare in Serie A contro il Perugia, associano il suo nome a uno dei pomeriggi più amari della storia della squadra.

Ma chi è Anthony "Tony" Dorigo? Nato nel 1965 in Australia da padre italiano, precisamente di Udine, si trasferisce ben presto in Inghilterra e a 14 anni supera un provino con l'Aston Villa, dove riesce a fare il suo esordio in prima squadra e farsi notare, tanto che la nazionale australiana è pronta a chiamarlo per tentare la qualificazione ai Mondiali del 1986. Non se ne farà nulla perché il suo tecnico al Villa, Tony Barton, fiutando il suo talento si rende conto che scegliere i socceroos potrebbe essere un errore, vista la possibilità di vestire la maglia della nazionale inglese. Avrà ragione. Nel frattempo il giocatore è passato al Chelsea, allora non certo un top team. Infatti al primo anno sarà retrocessione, ma riesce ugualmente a farsi notare da Bobby Robson, che lo convocherà a sorpresa per la nazionale inglese agli Europei del 1988.

La parabola di Dorigo continua a salire, fa parte della spedizione di Italia 90 ed è suo il cross vincente per David Platt nella finale per il terzo posto proprio contro la nostra nazionale; nel 1991 lo prende il Leeds United e da protagonista difesa vince uno storico campionato, che mancava nello Yorkshire da 18 anni. Il nuovo ct Graham Taylor lo convoca anche per gli Europei del 1992 e nei primi anni '90 è uno dei più quotati difensori d'Europa.

Resterà a Leeds fino al 1997 quando a 32 anni sembra sia venuto il momento di cambiare area. Nel frattempo il Torino, dopo la disastrosa stagione in B con Mauro Sandreani in panchina decide di puntare su Graeme Souness, già transitato in Italia da calciatore (due anni alla Sampdoria) e pronto da allenatore a riportare il glorioso club granata nella categoria che gli compete. La sua parentesi è un disastro e per giunta nonostante i trascorsi passati nel nostro paese non parla una parola d'italiano. Una cosa buona però riesce a farla: convince Tony Dorigo a seguirlo nella sua avventura al Toro. Un giocatore così, abituato ai grandi palcoscenici, in Serie B fa chiaramente la differenza e lo fa da subito: carisma, grinta, ottime doti difensive. Il suo campionato è ottimo e segna anche due reti. La squadra passa a ottobre nelle mani di Edi Reja e inizia a scalare posizioni, fino ad assestarsi in una zona promozione che sembra ormai certa. Prima del crollo finale, quando perdendo lo scontro diretto alla penultima giornata contro il Perugia si fa agganciare dagli umbri, rimandando il discorso promozione a uno spareggio a fine torneo.

A Reggio Emilia il 21 giugno oltre 10mila tifosi sono del Torino, la fame di Serie A è enorme e solo l'idea di fare un altro anno di Serie B sarebbe troppo per il blasone dei granata. Tovalieri porta avanti i perugini, Ferrante pareggia tre minuti dopo. Dorigo gioca come al solito bene, d'autorità. Le squadre iniziano a trascinarsi, la paura nei supplementari la fa da padrona e il discorso è rimandato alla lotteria dei calci di rigore: le prime sei esecuzioni si infilano in rete, tocca a Dorigo andare dal dischetto: il tiro è secco, la palla centra il palo e il rumore riecheggia in tutto lo stadio Giglio. Un errore irrimediabile, perché la sequenza rigori riprende senza errori e il Perugia va a vincere 5-4.

E' il 1998 e nelle sale cinematografiche esce il film Sliding doors. Dorigo sembra farne pienamente parte: quel palo colpito devia la sua parabola che lo avrebbe visto confermatissimo al Torino in Serie A e che invece lo porta a riprendere la via di casa, destinazione Derby County. Un giocatore così, col suo ingaggio, non è sostenibile per un altro anno in cadetteria e il club è costretto a rinunciarvi. Giocherà altri 3 anni prima di ritirarsi. A Torino i tifosi granata lo ricordato come giocatore forte e coraggioso, lui la paura di calciare un calcio di rigore non l'ha avuta. E la sua carriera italiana verrà sempre ricordata per quel palo. Insomma, non andate a dirgli che non è da certi particolari che si giudica un giocatore...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.