HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

Gaucho Toffoli, dichiarò 400 gol in carriera, nella leggenda per un rigore tragicomico

17.01.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 38429 volte
© foto di Prospero Scolpini/TuttoNocerina.com

Fresco di salvezza inaspettata, nel senso che gli obiettivi erano ben più importanti, il Lecce di Franco Jurlano si appresta ad affrontare la stagione 1992/93 senza grosse pretese, seguendo la linea dell'austerity e prendendo giocatori prevalentemente in prestito. Per gentile concessione delle altre squadre di A e B arrivano giovanotti interessanti come Gabirle Grossi, Pierluigi Orlandini, Giampiero Maini, Alessio Scarchilli, Antonio Rizzolo. A questi vanno aggiunti illustri sconosciuti come Renato Olive, pescato dalla Vis Pesaro e qualche giocatore d'esperienza come Ceramicola, Biondo, Notaristefano e Baldieri. La squadra, guidata dal vecchio lupo di mare Bruno Bolchi, viaggia sorprendentemente a vele spiegate e quasi senza accorgersene chiude il campionato conquistando la Serie A.

Festa grande per i tifosi salentini, dopo soli 2 anni di purgatorio in cadetteria. La dirigenza, però, deve fare i conti con un bilancio che piange e consapevole che difficilmente riuscirà ad allestire una squadra competitiva per la stagione successiva. Le parole del ds Mimmo Cataldo non lasciano spazio alle interpretazioni: "Per venire al Lecce i calciatori devono costare poco, ma se non costano nulla è ancora meglio".
Del resto si capisce che aria tira quando nessuno dei giocatori in prestito viene trattenuto, nemmeno il bomber Rizzolo, decisivo per la promozione con i suoi 9 gol.

Per rimpiazzarlo Cataldo pensa alla pista estera, puntando non sui soliti nomi da urlo ma su possibili sorprese. Il primo candidato è un uruguayano, si chiama Osvaldo Canobbio. Il giocatore si presenta nel migliore dei modi alla sua nuova squadra nella prima amichevole della stagione, segnando 4 reti al Montepulciano, per inciso squadra allora militante in Seconda Categoria. Già nel test successivo e sempre con una compagine dilettantistica il giocatore non becca palla. Nedo Sonetti, nuovo allenatore della squadra, lo boccia, ritenendolo troppo lento. Il club prende la palla al balzo quando viene a sapere che il River Plate di Montevideo spara la cifra di un miliardo di lire. Rispedito al mittente il giocatore, che riuscirà in futuro a mettere 8 gettoni di presenza con la maglia dell'Uruguay, si passa a una certezza come Kubilay Turkyilmaz. Il Bologna, detentore del suo cartellino, è appena retrocesso in C1 e il regolamento dell'epoca vieta a squadre di categorie inferiori alla Serie B di avere tra le proprie fila giocatori stranieri. I felsinei danno l'ok al prestito, ma Jurlano frena quando scopre l'ingaggio dello Svizzero. Si passa ad altro e si chiama per un provino un certo Haim Revivo, allora sconosciuto. L'israeliano darà letteralmente "pacco" ai dirigenti e andrà a far carriera (piuttosto dignitosa) altrove, diventando negli anni un perno della nazionale israeliana e uno dei giocatori di punta del Celta Vigo.

A questo punto il tempo stringe, il campionato sta per scaldare i motori e inizia prima del solito, per dar modo alla Nazionale italiana per preparare al meglio i mondiali che si disputeranno nell'estate del 1994 negli Stati Uniti. A questo punto senza pensarci troppo Cataldo porta in Italia un attaccante esperto, brasiliano, che può scaldare il nome dei tifosi anche se sconosciuto: il suo nome è Luís Carlos Tóffoli, noto anche come Gaúcho per i suoi natali (è originario di Porto Alegre). Il giocatore, 29 anni, ha nel suo curriculum squadre di tutto rispetto come Flamengo, Gremio e Palmeiras, oltre che un'esperienza in Giappone. Si presenta come giocatore da 400 gol in carriera e a più di una persona il sospetto che l'abbia sparata grossa è venuto, ma tant'è.

Arrivato saltando quasi tutta la competizione il buon Toffoli viene escluso nelle prime due partite. La squadra perde entrambe le sfide e si presenta al derby col Foggia alla terza giornata già consapevole di non dover fallire. Sonetti lo lancia dal primo minuto, si gioca di mercoledì sera e tutti i riflettori sono sul numero 9 con la maglia giallorossa. Passano pochi minuti e l'ex della partita Pasquale Padalino lancia un pallone verso l'area di rigore, il difensore Giuseppe Di Bari stoppa goffamente con il braccio e l'arbitro non può far altro che concedere il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta proprio il Gaucho, che guarda dritto negli occhi Mancini e prova una conclusione che resterà negli annali degli orrori calcistici: tiro centrale, a mezza altezza, lentissimo a mo' di cucchiaio. Il portiere foggiano, incredulo, che stava decidendo di buttarsi a destra ha persino tutto il tempo di ritornare al centro e parare. Il Foggia per la cronaca con Bresciani e Roy vincerà e Toffoli sarà il capro espiatorio del derby. Sonetti non vuole bruciarlo subito, lo getta nella mischia la domenica successiva negli ultimi 10 minuti contro la Sampdoria, poi lo ripropone titolare contro il Piacenza: come non detto. Venti minuti finali due turni dopo contro l'Udinese, infine la prova d'appello contro il Genoa in casa, dal primo minuto: scena muta. Il giocatore è lento, macchinoso, avulso dal gioco e quando ha l'occasione perde l'attimo. Sonetti alla vigilia della sfida invita il pubblico a sostenerlo, ma gli stessi tifosi una volta sostituito il giocatore a partita in corso perdono la pazienza e lo sommergono di fischi. Sonetti a fine gara dirà: "Io gli ho dato fiducia, il pubblico l' ha sostenuto, i risultati non sono quelli sperati". Parole che equivalgono a una sentenza definitiva. E infatti a novembre al giocatore viene dato un biglietto di sola andata per il Brasile: tanti saluti e qualche rimpianto. Che con Canobbio o Revivo si sarebbe retrocesso lo stesso (il campionato finirà con ultimo posto e la miseria di 11 punti raccolti) ma forse quella sera contro il Foggia sarebbe finita diversamente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.