HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Jancker, il gatto di marmo di Udine

03.02.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 24478 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nella stragrande maggioranza dei flop l'esperienza del giocatore in questione, se va bene, dura solo una stagione. Ci sono però delle eccezioni che confermano la regola, come Carsten Jancker. Il tedesco è riuscito a resistere ben due stagioni all'Udinese, con la dirigenza friulana disposta a concedergli una seconda chance invano. Ma andiamo con ordine.

Carsten Jancker incarna lo stereotipo del panzer: gigantesco, spaventoso ma al tempo stesso legnoso. Nato nell'allora DDR il piccolo Carsten dopo le prime squadre locali si forma all'Hansa Rostock e una volta caduto il muro di Berlino ancora minorenne passa al Colonia, che lo fa esordire in Prima squadra: dal 1993 al 1995 Jancker, che ormai è un ragazzone, raccoglie 5 presenze in Bundesliga. Ritenuto non ancora pronto per il grande calcio tedesco viene spedito in Austria, al Rapid Vienna. E proprio con la maglia bianconere che il giocatore si mette in mostra: in campionato segna 7 reti, ma è in Coppa delle Coppe che fa vedere il suo valore in tutto il continente. La marcia del Rapid è inarrestabile e Jancker contribuisce con 6 reti a trascinare la squadra in finale, decidendo sfide contro Sporting Lisbona, Dinamo Mosca e Feyenoord. All'atto conclusivo la squadra si inchinerà al Paris Saint-Germain, ma intanto quel gigantesco centravanti di 22 anni è riuscito a guadagnarsi il titolo di capocannoniere del torneo e soprattutto l'ingaggio del club più importante di Germania: il Bayern Monaco.

In Baviera resta sei stagioni, di cui quattro buone e due disastrose: la prima e l'ultima. Vincerà 4 campionati, 2 coppe di Germania, una Champions League e una coppa Intercontinentale. Se il fiasco della prima stagione è dovuto all'ambientamento in un campionato competitivo l'ultima stagione lascia pochi alibi, se non quello di qualche guaio fisico: gioca poco e spesso dalla panchina, racimola appena 18 presenze e non segna nemmeno un gol. Questo nell'anno che avrebbe portato al mondiale del 2002. L'allora ct Rudi Voeller nonostante le critiche decide ugualmente di convocarlo per la spedizione in Giappone e Corea del Sud. Jancker ripaga la fiducia segnando una rete nell'8-0 all'Arabia Saudita. Finita la spedizione per Jancker c'è una nuova destinazione. Il Bayern lo lascia andar via e lo acquista l'Udinese, che dai tempi di un altro tedesco, Oliver Bierhoff, ha un debole per i "panzer" (vedere anche Roberto Sosa). L'illustre precedente carica di responsabilità il neo acquisto, ma le perplessità sull'ultima stagione al Bayern di Jancker sono mitigate da un curriculum di tutto rispetto e dal fatto che i tedeschi sono sinonimo di garanzia.

La sua aria da duro e la sua mole (194 cm per 93 kg) spaventano a dir poco. Lui si presenta sicuro alla stampa dicendo di poter fare meglio di Bierhoff. L'avesse mai detto. L'allenatore dell'epoca Luciano Spalletti gli dà subito fiducia, Jancker esordisce col Parma giocando tutti e 90 i minuti, sfruttando i suoi centimetri per fare da sponda a Muzzi e sfiorando anche il gol in un'occasione. Le prove seguenti vedono il tedesco sempre più avulso dal gioco, mai pericoloso, praticamente un gatto di marmo. Gioca le prime undici partite e viene sostituito 9 volte. Nel frattempo, però, arriva anche un gol. Bisogna aspettare la decima giornata, contro il Chievo. Sembra rotto il ghiaccio, invece poche settimane dopo si fa male e perde due mesi. Al ritorno in campo il tedesco si rende conto di aver perso il posto e da quel momento dovrà accontentarsi di giocare spiccoli di partita. Alla fine dell'anno saranno 20 presenze e un gol appena.

A sorpresa l'Udinese lo conferma anche per la stagione successiva, stavolta Jancker sa di essere riserva e ci si aspetta almeno una reazione d'orgoglio. Gliela si vede un pomeriggio di dicembre contro la Reggina quando con una botta al volo da fuori area regala i tre punti alla squadra. Come col Chievo l'anno prima l'episodio rimarrà isolato, Spalletti gli preferisce Fava e Iaquinta e viene schierato dal primo minuto soltanto due volte, sprecando le sue chances. Lo stesso patron Pozzo perde la pazienza e il povero Jancker da gennaio ad aprile collezionerà solo spezzoni di 10 minuti a partita. A fine anno inevitabili le valigie e gli sberleffi. Il pacco è di quelli clamorosi, Jancker torna in Germania dove si mantiene sulle medie realizzative di Udine anche al Kaiserslautern. Tenta l'avventura cinese ma è un fiasco, infine chiude in Austria, il Paese che l'ha lanciato al grande calcio. Due stagioni al Mattersburg con un buon numero di reti prima di appendere le scarpette al chiodo a 35 anni. E proprio in Austria ha iniziato a intraprendere la carriera di allenatore, insegnando ai ragazzini. Le ultime lo danno al Rapid Vienna a guidare l'Under 15.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.