HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Kluivert, l'olandese non volante

06.04.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 26367 volte
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Fosse arrivato in un momento diverso la sua carriera avrebbe preso una piega diversa. Ma non abbiamo la controprova, così non ci rimane che catalogare Patrick Kluivert come una delle meteore e bidoni del calcio italiano. Incredibile, considerando quello che aveva fatto prima e che avrebbe fatto dopo. Siamo nell'estate del 1997 e il Milan dopo anni di vittorie e soddisfazioni viene da una stagione dove si sbaglia tutto quello che c'è da sbagliare. Via Tabarez, arriva Sacchi e alla prima partita arriva l'incredibile eliminazione in Champions ai danni del Rosenborg. In campionato si chiude all'11° posto, Franco Baresi a fine stagione lascia e se ne va anche Roberto Baggio, che troverà maggior gloria a Bologna.

Si decide di rifondare e il primo colpo, già prenotato da un anno è un ragazzo di 21 anni appena compiuti che due anni prima aveva fatto piangere i rossoneri, segnando in finale la rete con la quale l'Ajax piegò il Milan in Champions League. Il Milan riuscì ad assicurarselo a parametro zero ma l'Ajax fece sì che nell'affare che portò l'attaccante in Italia rientrasse anche Winston Bogarde, per la gioia dei lancieri che si tolsero in questo caso un bel peso.

Il tandem d'attacco con George Weah promette scintille e il precampionato fa sognare, visto che proprio Kluivert va in gol nel trofeo Berlusconi, contribuendo al 3-1 alla Juventus. Ma quando si fa sul serio l'olandese esce di scena. O, meglio, si rende protagonista di prestazioni totalmente inguardabili. Lento, impacciato, fa quasi tenerezza vederlo sul rettangolo verde di gioco. Ma è giovane, straniero e deve ambientarsi, si sa. Capello continua a dargli fiducia come lo stesso Galliani giura sulle qualità dell'olandese. D'altronde i numeri all'Ajax parlavano chiaro. Lo stesso giocatore si mostra sicuro di sé nelle sue dichiarazioni, quasi eleggendosi a salvatore della Patria, colui che arrivava al Milan nel suo punto più basso e che l'avrebbe ricondotto agli splendori che merita. Alla terza giornata, comunque, Kluivert va in gol, se pur grazie a un rimpallo fortunoso che carambola sul suo corpo, infine in rete. La rete arriva contro l'Udinese, ma non basterà perché il suo connazionale Bogarde, quello del "pacchetto completo" del trasferimento, farà un errore clamoroso che porterà i friulani a vincere la partita.

Passano le giornate, il Milan va sempre peggio e Kluivert sempre più imbarazzante. Nonostante ciò, il posto da titolare rimane suo, d'altronde, come disse Galliani: "Non può aver smarrito tutte quelle qualità che gli riconoscevamo". Dopo 10 giornate il Nostro è ancora a una rete, per giunta fortuita.

Certo, come un macigno pesa sulle spalle del ragazzo l'accusa di stupro ricevuta da una ragazza olandese, che spiattella tutto in un settimanale. Il rischio è di quelli seri: 12 anni di reclusione. La situazione verrà poi insabbiata in qualche modo non senza polemiche da parte soprattutto della stampa olandese.

Tornando al campo a ottobre segna un gol decisivo contro la Sampdoria in Coppa Italia. Una rete che vale il 3-2 dopo che i rossoneri erano sotto di due reti con l'olandese protagonista di una serie di errori fantozziani sotto porta. I giornali dell'epoca avevano pronto l'ennesimo 4 (arrotondato per eccesso) in pagella, diventato 6 solamente per l'importanza di quella rete. Ma a volte basta un colpo simile per svoltare. In campionato Kluivert torna al gol all'11° turno Kluivert torna al gol, segnando a porta vuota il 2-0 contro il Bari. Si ripete la settimana dopo con una bella incornata vincente contro l'Atalanta. Sembra davvero di rivedere l'attaccante che tutti si aspettano, invece l'olandese torna in letargo. Segnale che il Milan non è soddisfatto è l'acquisto in gennaio di Pippo Maniero a rimpolpare un attacco che non segna quasi mai. Un paio di sussulti di Kluivert a Vicenza, quando segna una doppietta a febbraio e in Coppa Italia a marzo col Parma, quando altre due reti, di cui una al 90' portano il Milan in finale. Quando nell'arco di due partite Capello lo toglie alla fine del primo tempo si capisce che la pazienza del tecnico è esaurita. E infatti il finale di stagione vede l'attaccante accomodarsi in panchina.

Il bilancio finale è impietoso: il Milan chiude decimo e fallisce per il secondo anno consecutivo l'accesso in Europa. Kluivert segna appena 9 reti tra campionato e Coppa Italia e soprattutto sono più le prestazioni imbarazzanti che convincenti. I rossoneri a fine anno preparano un altro ribaltone, chiamando in panchina Alberto Zaccheroni e cambiando molti giocatori. Kluivert inizialmente rimane confermato, anche se con l'arrivo di Oliver Bierhoff "Zac" ha già il suo ariete per il 3-4-3 che ha in mente. Il giocatore pertanto spinge per la cessione e viene accontentato. Il Barcellona paga 30 miliardi di lire, si porta in Catalogna quello che a Milano ormai era un peso e porta nelle casse del club di via Turati una plusvalenza non indifferente. Kluivert in Spagna tornerà a segnare con regolarità, riabbracciando tra l'altro il suo mentore Louis van Gaal. Farà un buon mondiale nel 1998 e un europeo giocato proprio in Olanda dove vincerà il titolo di capocannoniere. Il Milan d'altro canto torna ad essere una squadra vincente e col nuovo corso torna a vincere lo Scudetto, trovando centravanti veri prima come Bierhoff e l'anno dopo come Shevchenko, che al contrario di Kluivert al primo anno in Italia riuscì a segnare 24 reti...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.